05 AGO 2003

Economia: Filodiretto con il sottosegretario Giuseppe Vegas

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 49 min 48 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 5 agosto 2003 - Filodiretto a Radio Radicale con il sottosegretario del Ministero dell'Economia Giuseppe Vegas.

La riforma delle pensioni "è una delle questioni che un governo che guarda al futuro delle prossime generazioni deve affrontare", ha sottilineato il sottosegretario, che pur non avendo indicato una tempistica, ha tuttavia osservato che esiste "un problema di equità tra le generazioni.

Il meccanismo attuale non è sostenibile nel lungo periodo".Nel processo di riforma i sindacati dovranno "essere coinvolti, tenendo conto però che non rappresentano l'interesse totalitario, ma
gli interessi di chi lavora e dei pensionati", mentre bisogna guardare alle "aspettative di chi è fuori".Altro tema dell'intervista è stato quello delle operazioni di finanza straordinaria, che, ha spiegato Vegas, "non devono snaturare le manovre, ma si utilizzano solo in momenti particolari" e in momenti di difficoltà economica in tutta Europa "Bruxelles è più disposta a valutare con minor rigore".A questo riguardo, la cifra di 50 miliardi di euro dalla vendita di immobili da inserire nella prossima finanziaria viene definita "credibile", ma "la proprietà in mano pubblica è molto superiore.

Utilizzare il lease back - ha aggiunto - è una cosa che si fa in molti paesi e serve anche a chiarificare bilancio.

Il nostro patrimonio è poco conosciuto e sfruttato".Infine, rispondendo alle domande degli ascoltatori, il sottosegretario Vegas ha detto di ritenere "difficile" abolire l'Ici, che "fa parte delle entrate degli enti locali", e sottolineato l'importanza della realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina, che "non è un affare dal punto di vista economico, ma ha un grandissimo valore simbolico".

I "rischi di inquinamento", di infiltrazioni mafiose, ci sono, ha ammesso, ma l'affidamento del progetto ad un general contractor potrà "attenuare" questi rischi.

leggi tutto

riduci