20 DIC 1998

I Radicali davanti all'ambasciata Usa dopo l'operazione militare contro l'Iraq. Collegamento con Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 24 min 18 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 20 dicembre 1998 - Dopo la relazione negativa del capo dell'Unscom Butler, ispettore dell'Onu sul disarmo iracheno, il 17 dicembre Usa e Gran Bretagna lanciano per quattro notti un attacco militare contro l'Iraq.

L'Iraq viene colpito in poche ore da oltre 200 missili Cruise.

L'operazione avrà come obiettivo, quello di neutralizzare la produzione e l'impiego di armi di distruzione di massa.

Due giorni l'operazione militare, il Partito radicale e la Lista Pannella manifestano a Roma, davanti all'Ambasciata americana.

Così recita il comunicato stampa: «Caro D'Alema, noi siamo con il
compagno Blair e con Clinton a sostegno dell'iniziativa anglo-americana volta al ripristino della legalità internazionale.

Oggi, davanti all'ambasciata statunitense, abbiamo scoperto che nel nostro Paese è possibile gridare slogan antisemiti (gridati dai fascisti contro Clinton), ma non esporre la bandiera americana che fascisti e poliziotti, con una vera e propria aggressione, hanno tentato di toglierci».

leggi tutto

riduci