05 MAG 2005
intervista

Che c'è di nuovo in Medio Oriente. La conversazione settimanale con Emma Bonino

INTERVISTA | - 00:00 Durata: 33 min 40 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 5 maggio 2005 -.

"Che c'è di nuovo in Medio Oriente. La conversazione settimanale con Emma Bonino" .

L'intervista è stata registrata giovedì 5 maggio 2005 alle ore 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 33 minuti.
  • Gli attentati al Cairo e la situazione egiziana in fermento

    «Fenomeno limitato», dure reazioni delle autorità. In fermento pilastri delle istituzioni egiziane: il dissenso di 1200 giudici riuniti ad Alessandria e l'avvio di un movimento di protesta dei professori egiziani all'Università del Cairo. Non più manifestazioni anti-americane e anti-israeliane, ma in favore di riforme interne che tardano. Il regime continua ad accanirsi su Ayman Nur, il più accreditato oppositore di Mubarak. Il movimento di protesta "Kefaya". <br>Indice
    0:00 Durata: 12 min 5 sec
  • Il nuovo governo in Iraq e gli attentati in Kurdistan

    La porta ancora aperta ai sunniti. Perplessità sull'assenza di un centinaio di parlamentari che non hanno partecipato al voto. Terroristi senza più rivendicazioni politiche.
    0:12 Durata: 4 min 59 sec
  • La vicenda Calipari e l'ipotesi di un ritiro del contingente italiano

    La contraddizione della posizione italiana: cobelligeranti per gli Usa, in missione di pace per il governo.
    0:17 Durata: 3 min 26 sec
  • Anche Massimo D'Alema per l'esportazione della democrazia

    Bonino: «Benvenuto nel club». Saranno neocons ma pongono la questione della democrazia invece della stabilità. "Esportazione" non è il termine più adatto «politicamente»: già molto, e più efficace, se sostenessimo gli elementi di opposizione democratica. Europa ancora ferma sul principio della stabilità. Tutto il mondo si dovrebbe porre la domanda di cosa fare con i dittatori.
    0:20 Durata: 6 min 18 sec
  • La linea del governo Zapatero nei confronti di Castro e Chavez

    La «geopolitica dei poveri».
    0:26 Durata: 1 min 24 sec
  • Il bilancio «deludente» della Terza conferenza internazionale della Community of Democracies

    I discorsi di apertura agli antipodi di Condoleezza Rice (dovere della lotta alla dittatura) e Moratinos (relativismo culturale). Il boicottaggio di natura anti-americana da parte di Francia, Germania e Venezuela. La «costruzione dell'impotenza». Le «barricate» sulle proposte di un "Fondo per la Democrazia" e di un Consiglio Onu per i Diritti umani. Dopo Santiago del Cile Atlantico «più largo». Francia, Germania e Spagna si sono opposti anche a una dichiarazione di preoccupazione per la Bielorussia, come quella su cui l'Ue ha concordato a Ginevra, per non farla insieme agli americani.
    0:28 Durata: 5 min 28 sec