10 NOV 2005
intervista

Che c'è di nuovo in Medio Oriente. La conversazione settimanale con Emma Bonino

INTERVISTA | - 00:00 Durata: 26 min 52 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 10 novembre 2005 - La consueta intervista del direttore di Radio Radicale Massimo Bordin a Emma Bonino sull'attualità del Medio Oriente.

"Che c'è di nuovo in Medio Oriente. La conversazione settimanale con Emma Bonino" .

L'intervista è stata registrata giovedì 10 novembre 2005 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 26 minuti.
  • Massimo Bordin, sommario degli argomenti

    <br>Indice
    0:00 Durata: 46 sec
  • L'attentato di Al Qaeda in Giordania

    Il governo giordano ritenuto filo-occidentale obiettivo della jihad. Gli obiettivi degli attacchi agli alberghi. Vittime palestinesi di rango. La disputa interna ad Al Qaeda tra Al Zarqawi e Al Zawahiri. Al Qaeda marchio in franchising?
    0:00 Durata: 8 min 19 sec
  • Elezioni parlamentari in Egitto: l'affermazione dei Fratelli Musulmani e l'isolamento di Ayman Nour

    Al Zawahiri tipico esempio del capo terrorista che ha un'agenda di potere. Bisogna integrare con regole precise la parte dei Fratelli musulmani che vuole partecipare alla vita politica, almeno una parte è ragionevole che esca «dal limbo» e si arrivi a «una legalizzazione con diritti e doveri». I Fratelli musulmani vincono negli ordini professionali. Finché non c'è libertà d'espressione per altre forze politiche gli unici che hanno movimento sono loro. Occorre un «ambiente legale di competizione reale». Legalizzare Fratelli musulmani vedendo in concreto da paese a paese. La figura ambigua di Tariq Ramadan. L'opacità delle liste elettorali.
    0:09 Durata: 12 min 58 sec
  • I disordini di Parigi

    Rivolta non di matrice religiosa ma della mancata integrazione.
    0:22 Durata: 1 min 41 sec
  • La riunione del "Forum per il futuro" in Bahrein l'11 e il 12 novembre

    «Per difficile e contraddittorio che sia promuovere società più aperte è l'unica politica sensata che possiamo tentare». Per la prima volta democratici arabi e ong internazionali avranno dialogo diretto con ministri del G8 e del Medio Oriente. La proposta di una Fondazione per la democrazia nel mondo arabo.
    0:23 Durata: 3 min 8 sec