16 DIC 1999

L'Italia all'esame dell'Era Digitale - Internet in Italia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 45 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 16 dicembre 1999Documento audiovisivo del convegno organizzato dalla Federcomin che ha affrontato le questioni relative allo stato dello sviluppo nel settore dell'Information & Communication Technology in Italia a partire da una ricerca sulla diffusione di Internet nel nostro paese con particolare attenzione alle propensioni di utilizzo futuro ed alle attuali modalità di impiego.

Hanno partecipato al dibattito i principali leaders del settore.

Registrazione video di "L'Italia all'esame dell'Era Digitale - Internet in Italia", registrato giovedì 16 dicembre 1999 alle 00:00.

Sono stati
discussi i seguenti argomenti: Mass Media.

La registrazione video ha una durata di 2 ore e 45 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • La Ricerca Fiel Service-Federcomin (formato PDF)

    <strong>NB. Per visualizzare il file è necessario installare Acrobat Reader</strong><p>Il sito della Federcomin <strong>Dalla ricerca FIELD-SERVICE/Ferdercomin</strong> PREMESSA <br>Il 19.4% degli intervistati sono attualmente utilizzatori di Internet. Il rimanente (80.6%) ricade nella macrocategoria dei non utilizzatori attuali di Internet<br>Gli utilizzatori sono soprattutto uomini (27.3%) giovani (15/24 anni 34.6%) residenti nel Centro Italia ( 28.5%) nell’ampiezza demografica maggiore (28.8%). <br> Viceversa i non utilizzatori sono soprattutto donne (88.4%) di età compresa tra i 55/56 anni (95.3%) residenti soprattutto al Sud (85.1%) ed abitanti in ampiezza demografica medio piccola 15.001/30.000 (85.8%).<br> L’8.22% (più di 4 milioni di persone) dichiara che a atale acquisterà o regalerà una attrezzatura informatica che permette l’accesso ad Internet.<br> I nostri intervistati dichiarano che soprattutto acquisteranno un modem (39.8%) o un PC (38.6%). Segue un cellulare (10.8%) mentre il (15.7%) non sa ancora quale attrezzatura sceglierà. ATTUALI UTILIZZATORI<br> Degli utilizzatori il 58.9% (vale a dire l’11.4% del totale degli intervistati) dichiara di fare di Internet uso esclusivamente privato. Il 22.8% ne fa un uso promiscuo (4,4%) mentre solo il 18.3% (3.5%) ne fa uso esclusivamente lavorativo. <br>Gli utilizzatori risultano essere soprattutto giovanissimi e sono soprattutto maschi, per il 72% del nostro universo di utilizzatori. <br> Il 32.3% degli utilizzatori per uso privato o promiscuo usa Internet quotidianamente e mediamente rimane collegato meno di un’ora al giorno (30.8%) ma c’è anche un 23.1% che si collega per 2/3 ore al giorno. <br> La ricerca di informazioni (59%) e il motivo per cui ci si collega ad Internet con maggior frequenza. <br> Ma c’è pure chi ama passarci il tempo libero (47.8%) o chi ci studia (36%) o chi invia lettere (34.2%). <br>Il gioco (18%) ed i contatti umani (13%) sono ritenuti interessanti da un numero limitato di persone, mentre gli acquisti vengono fatti su Internet da uno sparuto 4.3% . POTENZIALI UTILIZZATORI<br> Finita la sezione del questionario dedicato agli utilizzatori inizia la sezione dedicata ai non utilizzatori.<br> Al nostro universo composto da 818 intervistati (80,6% del campione) è stato chiesto se in un prossimo futuro ritenevano che sarebbero stati interessati ad utilizzare Internet. Il 39.2% ha dichiarato diversa intensità di interesse (sì certamente 12,1%, probabilmente 27.1%) mentre il restante 60.8% ha rifiutato categoricamente l’ipotesi.<br> I più interessanti sono ovviamente i giovanissimi (63%) mentre i più anziani sono i più disinteressati (82.8%). C’è grande interesse per Internet al Sud (45.7%) mentre il Nord Est è il più disinteressato (70.3%). L’interesse verso Internet si suddivide equamente in tutte le ampiezze demografiche anche se nelle metropoli la percentuale dei disinteressati è la più bassa (52.9%).<br> Il 51,1% dichiara che si connetterà ad Internet entro il 2000, e di questi il 6,5% lo farà entro un mese.<br> Il target dei giovanissimi interessati a collegarsi ad Internet influenza la domanda relativa allo scopo principale di collegamento. Il 42.7% risponde che sarà per motivi di studio, il 40.5% per passare il tempo, il 34.9% per ricerca di informazioni, il 29.6% per lavoro. Il gioco (14.3%) la posta (11.5%) ed i contatti umani (8.4%) rimangono probabili utilizzi marginali.<br> Lo stesso discorso vale per gli acquisti che sono visti come un potenziale scopo di collegamento ad Internet da solo il 4.1% degli intervistati <br> Anche in questo caso, potendo gli intervistati dare più risposte, il totale delle percentuali non fa cento. Anche per i futuri utilizzatori di Internet le informazioni turistiche, culturali e di divertimento sono l’utilizzo più auspicato (57.1%). Seguono le informazioni giornalistiche ed economiche (entrambi 27.7%), le informazioni scientifiche (25.9%). Invece solo il 18.8% pensa che utilizzerà Internet per cercare lavoro.
  • Introduzione di Alberto Tripi, presidente della Federcomin

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 12 min 15 sec
  • Roberto Colaninno, amm. delegato Telecom

    0:12 Durata: 26 min 56 sec
  • Salvatore Cardinale, ministro delle telecomunicazioni

    0:39 Durata: 29 min 17 sec
  • Tripi illustra alcuni dati sul'uso di Internet in Italia

    1:08 Durata: 1 min 52 sec
  • Elio Catania, amministratore delegato IBM Italia

    1:10 Durata: 18 min 20 sec
  • Tripi richiama alcuni dati sullo sviluppo di Internet nella Pubblica Amministrazione

    1:28 Durata: 2 min 39 sec
  • Guido Mario Rey, Presidente AIPA

    1:31 Durata: 12 min 50 sec
  • Umberto Paolucci, amminsitratore delegato Microsoft - Italia

    1:45 Durata: 10 min 35 sec
  • Alberto Contri, CdA Rai

    1:56 Durata: 9 min 21 sec
  • Enzo Bianco, pres. ANCI e sindaco di Catania

    2:05 Durata: 9 min 51 sec
  • Fedele Confalonieri, presidente Mediaset

    2:15 Durata: 7 min 17 sec
  • Giuliano Venturi, amministratore delegato Albacom

    2:24 Durata: 13 min 23 sec
  • Giovanni Viggiano, Omnitel

    2:38 Durata: 9 min 59 sec
  • Conclusioni di Alberto Tripi

    2:48 Durata: 26 sec