09 FEB 2000
europa

Prodi annuncia gli obiettivi strategici per il periodo 2000/2005 della Commissione UE

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 59 min 18 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Prodi annuncia gli obiettivi strategici per il periodo 2000/2005 della Commissione UE", registrato mercoledì 9 febbraio 2000 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Commissione Europea.

La registrazione video ha una durata di 59 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Audiovideo dell'illustrazione del documento da parte del Presidente Prodi

    Bruxelles, 9 febbraio 2000<br>Documento audiovisivo (e comunicato stampa) della conferenza stampa di Romano Prodi durante la quale sono stati annunciati gli obiettivi strategici della Commissione Europea per il programma quinquennale 2000-2005.<br>
    0:00 Durata: 30 min 32 sec
  • Video delle risposte alle domande dei giornalisti

    Documento ufficiale rilasciato dalla Commissione Europea<p><strong>La Commissione comunica i propri obiettivi strategici quinquennali</strong> <p><em><strong>La Commissione europea ha approvato un documento politico fondamentale che delinea gli obiettivi strategici che guideranno i suoi lavori per il prossimo quinquennio. Esso afferma che la necessit</strong></em><em><strong>à di Europa non </strong></em><em><strong>è mai stata maggiore di adesso : la democrazia ha bisogno di rafforzarsi all</strong></em><em><strong>'interno dell</strong></em><em><strong>'UE per rassicurare quanti temono che la sua capacit</strong></em><em><strong>à di recupero non possa pi</strong></em><em><strong>ù essere data per scontata; l</strong></em><em><strong>'instabilit</strong></em><em><strong>à fuori dai suoi confini la costringono ad agire con decisione negli affari esterni ; la globalizzazione sta cambiando il nostro modo di comunicare e le nostre relazioni economiche, ma molti si sentono privati dei propri diritti ; nel frattempo, la vita quotidiana dei cittadini </strong></em><em><strong>è influenzata dalle preoccupazioni per la qualit</strong></em><em><strong>à dell</strong></em><em><strong>'alimentazione o dell</strong></em><em><strong>'aria che si respira. Oggi pi</strong></em><em><strong>ù che mai i problemi collettivi richiedono risposte comuni, ma in un momento in cui la fiducia del pubblico nell</strong></em><em><strong>'UE </strong></em><em><strong>è al suo punto pi</strong></em><em><strong>ù basso. Il documento delinea la risposta che la Commissione vuole dare a queste sfide sotto quattro titoli: creare nuove forme di governabilit</strong></em><em><strong>à europea, attribuire all</strong></em><em><strong>'Europa una voce pi</strong></em><em><strong>ù forte sulla scena mondiale, promuovere una nuova agenda sociale ed economica e migliorare la qualit</strong></em><em><strong>à della vita. </strong></em> <p><strong>Annunciando gli obiettivi della Commissione, il Presidente Prodi ha affermato:</strong> <p>"Le sfide che ci aspettano sono certamente impegnative. Tuttavia noi europei, agendo assieme, con la nostra forte identità e gli stretti legami che ci uniscono possiamo affrontare il cammino che dobbiamo percorrere. Possiamo entrare nel nuovo secolo con ottimismo e fiducia." <p>I risultati conseguiti dall'UE sono notevoli. Essa ha portato pace, stabilità, libertà e sicurezza all'Europa occidentale e si sta ora adoperando per assicurare gli stessi benefici ai suoi vicini attraverso un felice processo di allargamento. Il mercato e la moneta unici stanno raccogliendo i Governi attorno a sane politiche economiche che stanno sfociando in un periodo di crescita stabile. Essa sta istituendo un'area comune di libertà, sicurezza e giustizia, sviluppando politiche esterne e di difesa comuni. Essa dispone ora di una solida piattaforma su cui costruire una Europa politicamente integrata che agisca con decisione sulla scena mondiale nel rispetto delle diverse identità dei suoi Stati membri. I prossimi cinque anni saranno decisivi. La Commissione deve saper gestire questo successo per fare in modo che esso possa arrecare dei benefici ai cittadini europei. Il documento della Commissione individua quattro obiettivi strategici che essa perseguirà mantenendo uno stretto collegamento con il Parlamento ed il Consiglio : <p><strong>Promuovere nuove forme di governabilit</strong><strong>à europea</strong> <p>L'UE deve adeguare le proprie istituzioni all'allargamento. Essa deve inoltre migliorare le sinergie fra i diversi livelli governativi in Europa e presentare un originale contributo europeo alla riforma della governabilità globale. La Commissione deve perseguire la propria riforma interna e, in questo modo, costituire un esempio per le altre istituzioni. <p>Anche all'interno dell'Unione, non possiamo dare per scontati i valori di democrazia e dei diritti umani che difendiamo fuori dall'Europa. Dobbiamo conservare fiducia nell'influenza moderatrice dell'Unione sulle parti che la compongono, senza escludere un rafforzamento del Trattato se necessario. <p><strong>E</strong><strong>' necessario creare un</strong><strong>'Europa stabile in grado di farsi maggiormente sentire sulla scena mondiale</strong> <p>La Commissione deve lavorare con gli Stati membri per costruire una politica estera efficace. Essa deve fare avanzare il processo di allargamento in quanto priorità fondamentale e fare in modo che l'Europa assuma la guida nella costruzione della nuova economia globale. <p>Essa deve lavorare per garantire pace, democrazia e rispetto dei diritti umani in tutta l'Europa. <p><strong>Introdurre un nuovo programma economico e sociale</strong> <p>L'UE deve cogliere il vento della ripresa economica e generare una crescita sostenibile nel lungo periodo. A questo scopo essa deve perseguire una politica sistematica di modernizzazione che favorisca le riforme strutturali, acceleri l'adozione delle nuove tecnologie, migliori la ricerca europea, promuova la riforma dei sistemi di assistenza sociale, sanitari e pensionistici e crei una forza lavoro in grado di utilizzare l'informatica e in grado di diffondere più rapidamente le proprie idee sui mercati. <p>Essa deve mirare alla piena occupazione come obiettivo di politica economica e sociale sforzandosi di ridurre nel medio termine la disoccupazione ai livelli esistenti nei paesi con i migliori risultati. Essa dovrà inoltre rafforzare i meccanismi atti a garantire finanze pubbliche sane in tutti gli Stati membri. <p><strong>Migliorare la qualit</strong><strong>à della vita</strong> <p>La Commissione si sforzerà di coordinare, migliorare e accelerare la risposta dell'Europa ai problemi che incidono sulla vita quotidiana dei cittadini, in particolare l'ambiente, la sicurezza alimentare, i diritti dei consumatori, la giustizia e la sicurezza, i trasporti. In particolare essa si adopererà per applicare l'ambizioso libro bianco sulla sicurezza alimentare e fare dell'Europa uno spazio comune di giustizia e sicurezza. <p>Il documento è stato trasmesso al Parlamento europeo, al Consiglio e alle altre Istituzioni e contribuirà al dibattito parlamentare che si terrà a Strasburgo la settimana prossima sulle priorità strategiche della Commissione per il suo mandato. Il documento sugli Obiettivi strategici è accompagnato da un secondo documento che delinea fornendo maggiori particolari il programma di lavoro della Commissione per l'anno 2000. <p>Per ulteriori informazioni : Ricardo Levi, Jonathan Faull, Peter Guilford, Eric Mamer, Luc Véron <p>Il Programma di lavoro della Commissione per il 2000 <p>http://europa.eu.int/comm/off/work/2000/index_en.htm <p>Gli obiettivi strategici della Commissione per il quinquennio 2000-2005 <p>http://europa.eu.int/comm/off/work/2000-2005/index_en.htm <p>Entrambi i documenti saranno accessibili alla pagina della Commissione "Work Programmes/ Action Plans/ Guidelines" <p>http://europa.eu.int/comm/off/work/index_en.htm
    0:30 Durata: 28 min 46 sec