29 SET 2000

Governo: Varata la Finanziaria

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 21 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 29 settembre 2000 - Documento audiovisivo della conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri, durante il quale il governo ha approvato la Legge Finanziaria da sottoporre all'approvazione delle Camere.

Prima il presidente del Consiglio e poi il sottosegreterio Giarda hanno illustrato l'impostazione della manovra ed alcuni dei punti salienti dei provvedimenti adottati.

La proposta adottata dal Consiglio dei Ministri prevede una manovra da 40.000 miliardi, di cui 13.000 subito in vigore nel 2000 e oltre 27.000 di riduzione delle entrate nel 2001.

(Clicca qui per maggiori dettagli).
  • Giuliano Amato illustra la finanziaria

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 43 min 25 sec
  • Giuliano Amato risponde alle domande dei giornalisti

    0:43 Durata: 7 min 26 sec
  • Piero Dino Giarda, sottosegretario per il tesoro, bilancio e programmazione economica risponde alle domande dei giornalisti

    <p>&nbsp;FinanziariaEcco in sintesi i provvedimenti adottati: Fiscalità: Riduzione delle cinque aliquote irpef a partire dal 2001 (a regime nel 2003 saranno comprese tra il 18% del primo scaglione di reddito fino al 44%); aumento della soglia di esenzione da 9,1 milioni a 12 milioni annui. Aumento previsto anche per le detrazioni per i figli a carico che saliranno da 516.000 lire nel 2000 a 552.000 nel 2001 fino a 588.000 lire nel 2002. Per i lavoratori autonomi si riduce l'acconto 2000 dal 92 all'87%. Pensioni: Il governo prevede inoltre che la lotta al gioco d'azzardo servirà a finanziare l'aumento di 100.000 lire al mese delle pensioni minime contributive. Maggiori detrazioni scatteranno per i pensionati sopra i 75 anni di età. Tickets ridotti del 20%, mentre sale al 25% la deduzione forfettaria delle spese sostenute nella cosiddetta "attività privata intramuraria". L'Irpeg scende dal 37 al 36% ed è prevista al 35% nel 2003, e si riduce l'acconto dal 98 al 93%. Si riduce l'acconto Irap dal 98 al 95%. Energia: Prorogato lo sconto fiscale di 50 lire sulle benzine fino al 30 giugno 2001 ed i prodotti per riscaldamento saranno agevolati per 100 lire (gasolio e gpl) e per 34 lire al mc (metano) fino al 31 giugno 2001. Il carico fiscale sull'energia elettrica commerciale viene dimunuito di un valore tra le 5 e le 8 lire a kwh a seconda degli utenti. Casa: Esensione Irpef completa per la prima casa e prorogati sconti fiscali del 36% sui lavori di ristrutturazione nel settore edilizio.<br> Sempre per quanto riguarda le case, aumentano gli importi di detrazioni per gli affitti da 640.000 a 960.000 per redditi fino a 30 milioni (480.000 lire se il reddito e' tra i 30 e i 60 milioni). Lavoro: Il Credito di imposta per nuove assunzioni viene confermato ma solo per i contratti a tempo indeterminato. Il credito d'imposta si applica in tutto il paese e vale 10 milioni che salgono a 15 milioni nel mezzogiorno. Ne beneficia chi non lavora da almeno due anni. Contratti emersione: non un ''condono tombale'' ma una norma che garantira' il pagamento di solo il 25 dell'imposta dovuta. <p>Da segnalare la previsione di consentire il rilascio dei passaporti ai comuni ed alcune iptesi per quanto riguarda i taglia alla spesa: 6.000 miliardi arriveranno dai risparmi sugli acquisti on line della PA e altri 2.000 giungeranno da nuovi incassi delle vendite immobiliari. <em>Breve pausa</em>
    0:52 Durata: 30 min 14 sec