20 APR 2001

Radicali presentano "Internet gratis": Mezz'ora al giorno di collegamento senza costi telefonici

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 44 min 32 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Milano, 20 aprile 2001 - Documento audiovideo della conferenza stampa di presentazione dell' iniziativa dei Radicali caratterizzata dall'offerta ai cittadini di collegarsi in rete per mezz'ora al giorno senza costi sulla bolletta telefonica, grazie ad una batteria di linee alle quali si accede con un numero verde pagato dai radicali dunque "Internet gratis".Nel corso della conferenza stampa è intervenuto Alberto Vazzoler, presidente di Netfraternity, partner tecnologico dell'iniziativa, ed Emma Bonino che ha illustrato gli obiettivi e le motivazioni che hanno spinto i radicali ad offrire ai cittadini una ulteriore possibilità di accesso alle informazioni online, proprio nel momento in cui le forze politiche dei due poli, unite tra loro e con la corporazione giornalistica pretende di limitare la libertà della rete con quella nuova legge sull'editoria online che Benedetto Della Vedova ha definito "liberticida e di stampo corporativo".

 Emma Bonino in particolare ha calato l'iniziativa telematica dei radicali nel contesto di una "campagna elettorale da repubblica delle banane" nella quale più elementi concorrono a raggiungere l'obiettivo di espellere i radicali e i loro temi dal dibattito politico.

La leader radicale, come ultimo esempio di questa costante violazione dei diritti civili e politici dei cittadini ha richiamato il regolamento della par condicio per il quale "a parità di firme raccolte" la lista Bonino avrà "lo stesso spazio di una lista civetta": nelle tribune elettorali vi saranno 7 passaggi per la Lista Bonino, 43per il Polo, e 43 per l'Ulivo.

Riconfermando la prossima ripresa del satyagraha e del proprio sciopero della sete per il prossimo 26 aprile, Bonino ha assicurato: "Non ci diamo per vinti, e non diventeremo né complici nè conniventi".

Nello specifico dell'iniziativa Bonino ha ricordato come essa si inserisce in una tradizione costante dei radicali "per le nuove tecnologie applicate all'informazione democratica" in un paese in cui "l'attenzione su internet è ad intermittenza".

  Vazzoler ha illustrato il servizio ricordando che per poter usufruire della mezz'ora giornaliera di collegamento senza costi sulla bolletta telefonica basta semplicemente collegarsi al sito Radicali.it compilare un modulo di adesione, scaricare il software e poi si potrà navigare liberamente sui siti di proprio gradimento.

Sulla parte inferiore del proprio monitor, inoltre, comparirà fisso, ma senza impedire l'utilizzo di tutti gli altri strumenti telematici presenti sul proprio computer, un minisito di informazione multimediale dei radicali.

leggi tutto

riduci

  • Benedetto Della Vedova, introduce

    0:00 Durata: 1 min 42 sec
  • Emma Bonino

    0:01 Durata: 11 min 35 sec
  • Alberto Vazzoler, presidente Netfraternity illustra gli aspetti tecnici dell'iniziativa

    0:13 Durata: 9 min 54 sec
  • Della Vedova commenta e critica la legge sull'editoria online: "Una legge liberticida e di stampo corporativo"

    0:23 Durata: 2 min 13 sec
  • Danilo Quinto, tesoriere del Partito Radicale

    0:25 Durata: 4 min 41 sec
  • Sergio Stanzani, Presidente 'Non c'è pace senza giustizia'

    0:30 Durata: 3 min 41 sec
  • Emma Bonino sui costi: "L'investimento iniziale è stato di 50 milioni con una previsione di spesa di 110 milioni per la gestione nei prossimi tre mesi"

    Domande dei giornalisti
    0:33 Durata: 1 min 5 sec
  • Vazzoler su altri aspetti tecnici: "Nelle prime settimane prevediamo di consentire decine di migliaia di iscrizioni"

    0:34 Durata: 1 min 34 sec
  • Emma Bonino sugli slogan radicali anticlericali e liberisti: "Siamo convinti che la libertà è indivisibile, sicché è necessario battere due burocrazie che sono da ostacolo nelle libertà sia economiche che individuali"

    0:36 Durata: 8 min 7 sec