27 LUG 2001

G8: Berlusconi all'attacco al Senato

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 6 min 18 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 27 luglio 2001 - Anche se nelle intenzioni si doveva parlare sull'esito politico del G8, il Presidente del Consiglio non ha mancato di tornare sullo scontro politico e sui fatti di cronaca ed è tornato - tra gli applausi della maggioranza e le contestazioni dell'opposizione - a ricordare che gli aspetti organizzativi ed i responsabili delle Forze dell'Ordine sono stati decisi dai precedenti governi del Centrosinistra.Ecco il resoconto stenografico del senato sulla prima parte dell'intervento del Presidente del Consiglio nel corso della seduta del Senato.(Link: La scheda audiovideo della seduta)BERLUSCONI, presidente del Consiglio.

"Signor Presidente, onorevoli senatori, sono stato io a chiedere per primo di intervenire in Parlamento per dare notizia di quello che, sul piano politico e diplomatico, è stato certamente un successo del nostro Paese.

Spiace che gli avvenimenti e le manifestazioni che si sono svolti abbiano poi cambiato l'intera l'immagine dell'evento e che anche oggi si continui sui giornali - come si continuerà nei prossimi giorni - a sottolineare ciò che è avvenuto al di fuori di una riunione che ritengo assolutamente importante come quella svoltasi a Genova.

Devo dire che il Governo non tenderà a coprire nessuna verità.

BORDON (Mar-DL-U).

Ne siamo lieti.

BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

Se, attraverso l'indagine interna che sta svolgendo il Ministero dell'interno e attraverso le indagini della magistratura, verranno individuati abusi, violenze ed eccessi che si fossero manifestati, non ci sarà copertura per chi ha violato la legge.

Credo, però, che siamo tutti convinti del fatto che non si debba assolutamente confondere chi ha aggredito e chi è stato aggredito, chi ha difeso la legge e ha cercato di tutelare l'ordine e chi, invece, contro questo ordine si è scagliato nei modi che anche le immagini televisive hanno portato alla conoscenza di tutti.

(Applausi dai Gruppi FI, AN, CCD-CDU:BF e LNP.

Commenti dai Gruppi DS-U, Mar-DL-U, Verdi-U e Misto-RC).

Siamo addolorati, tutti...

COVIELLO (Mar-DL-U).

Qualche perplessità c'è.

PRESIDENTE.

Onorevoli senatori, vi prego di non interrompere.

Avrete tutti la possibilità di intervenire successivamente.

COVIELLO (Mar-DL-U).

Parleremo dell'ordine pubblico, allora.

BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

Credevo che cinque anni di Governo avessero mutato un po’ l'atteggiamento di chi durante questo periodo ha assunto un ruolo istituzionale.

(Applausi dai Gruppi FI, AN, CCD-CDU:BF e LNP.

Proteste dai Gruppi DS-U, Mar-DL-U e Misto-RC).

BONAVITA (DS-U).

Abbiamo imparato da voi come si fa i poliziotti! BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

E vorrei ricordare ai colleghi che protestano che noi in maniera molto precisa abbiamo detto di non aver avuto né il modo né il tempo per cambiare alcunché di ciò che era stato preordinato e stabilito dai precedenti Governi.

Non abbiamo cambiato un solo funzionario delle forze di Polizia.

(Applausi dal Gruppo FI, AN, CCD-CDU:BF e LNP).

Il capo ed il vice capo della Polizia, il questore di Genova e il capo dei Servizi sono coloro che voi avete ritenuto degni di fiducia e che voi avete messo a ricoprire quelle responsabilità.

(Applausi dai Gruppi FI, AN, CCD-CDU:BF e LNP.

Proteste dai Gruppi DS-U e Mar-DL-U ).

BONAVITA (DS-U).

Rispondono al Governo.

La colpa è del Governo! FLAMMIA (DS-U).

Sei un provocatore! BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

D'altronde, sapete bene che questo G8 era stato organizzato dal vostro Governo, che noi siamo saliti su un treno in corsa, che abbiamo rispettato l'agenda che voi avevate preparato per i lavori, che abbiamo rispettato le previsioni di difesa dei lavori del Vertice.

La "zona rossa", la "zona gialla" e la "zona blu" non le abbiamo inventate noi: abbiamo ricevuto ciò che era stato organizzato; abbiamo rispettato il vostro lavoro.

Quindi, non credo che convenga alla sinistra ritornare su questi argomenti.

Ma non sono qui per dividere responsabilità, ragioni e torti: sono venuto a darvi contezza di un lavoro che il Governo ha svolto nell'interesse dei cittadini e del Paese.

Come ho detto, abbiamo trovato una situazione già predeterminata.

Abbiamo mantenuto persino lo stesso ambasciatore, Olivieri, che si è comportato tra l'altro in maniera assolutamente perfetta, e abbiamo seguito la linea che meritoriamente i precedenti Governi avevano stabilito.

Ci siamo trovati soltanto di fronte all'emergenza di manifestazioni esterne al Vertice, che crescevano di importanza e di quantità con il passare dei giorni.

Questo ha scombinato tutte le previsioni di ospitalità.

Le delegazioni dei vari Paesi, molto numerose - a mio parere troppo - dovevano essere accolte a Portofino, a Santa Margherita, a Rapallo e via dicendo.

Tutto questo si è dovuto cambiare e allora è stato necessario fare tutta una serie di interventi.

Io mi sono recato a Genova per ben quattro volte; non mi sono occupato di fiori e di tovaglie, come qualcuno ha detto ...

AYALA (DS-U).

Parliamo dei risultati politici, Presidente.

BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

…Ma ho prodotto 106 indicazioni di intervento, cambiando la logistica e l'accoglienza, facendo abbattere degli edifici …(Ilarità tra i banchi dell'opposizione) COVIELLO (Mar-DL-U).

Ha abbattuto edifici! BERLUSCONI, presidente del Consiglio dei ministri.

…Modificando l'assetto di una città che si presentava come se fosse situata ad un parallelo 2.000 chilometri più in basso; questo è un degrado inaccettabile che avrebbe esposto il nostro Paese nei confronti del mondo e di migliaia di giornalisti ad una figura che abbiamo risparmiato a tutta l'Italia.

[...].

leggi tutto

riduci

  • Silvio Berlusconi , presidente del Consiglio dei ministri

    0:00 Durata: 6 min 18 sec