20 SET 2001

G8: Comitato Parlamentare d'indagine sui fatti di Genova: Il documento approvato al Senato

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "G8: Comitato Parlamentare d'indagine sui fatti di Genova: Il documento approvato al Senato", registrato giovedì 20 settembre 2001 alle 00:00.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • <strong> [Indice]<br>Considerazioni conclusive</strong>La Commissione, a conclusione degli accertamenti svolti, rileva che non sorgono dubbi sulla positiva riuscita del Vertice G8 svoltosi a Genova.<p>Il Vertice ha infatti conseguito tutti gli obiettivi prefissati sia sotto l’aspetto dei contenuti, sia sotto l’aspetto logistico amministrativo, sia sotto quello della sicurezza e della tutela dell’ordine pubblico, nonostante talune inerzie riferibili al precedente Governo nella fase organizzativa (formazione del personale delle Forze dell’ordine e rapporto con le associazioni antiglobalizzazione).<p>Tale risultato deriva dalla scelta del Governo Berlusconi di mantenere l’agenda predisposta dal Governo Amato, sviluppandola e integrandola, seguendo le costanti indicazioni del Presidente della Repubblica, attraverso il coinvolgimento dei Paesi poveri nelle iniziative rivolte al loro sostegno, a tutela dei diritti umani e della difesa ambientale. <p>Tali tematiche hanno incontrato l’adesione dei Paesi partecipanti al vertice e sono divenute, da proposta di lavoro dell’Agenda italiana, effettive conclusioni politiche del vertice medesimo.<p>E’ da rilevare che per la prima volta sono state riconosciute meritevoli di particolare attenzione, in sede di vertice G8, tematiche in fondo non distanti da quelle che hanno animato le parti realmente pacifiche dei gruppi antiglobalizzazione. E’ da auspicare al riguardo che tale occasione di confronto su di un comune terreno non sia andata totalmente dispersa, ma anzi sia possibile in futuro riannodare un dialogo.Alla luce delle varie audizioni e dei dati acquisiti la Comissione intende sottolineare che il Genoa Social Forum (GSF), costituiva un movimento composito nel quale convivono:<p>un’anima pacifista e non violenta, formata prevalentemente da movimenti di ispirazione cristiana che hanno come obiettivo la testimonianza delle ragioni dei poveri della Terra nei confronti dei processi di globalizzazione economica; <p>un’anima &quot;politicizzata&quot;, che si manifesta in una variet&agrave; di atteggiamenti che vanno dal disturbo inteso come violazione simbolica, al sabotaggio dei processi decisionali (nel caso di Genova la parola d’ordine era &quot;violare la zona rossa&quot;);<p>un’anima violenta, nella quale rilevanti segmenti di quella politicizzata (ad es., tute bianche e centri sociali) pongono in essere azioni seriamente aggressive nei confronti dei rappresentanti istituzionali, pretendendo di giustificare tali illeciti comportamenti con un ricorso strumentale e distorto al concetto di disobbedienza civile.<p>A ci&ograve; si aggiungono altri soggetti con un’anima guerrigliera, dove la logica del sabotaggio si trasforma in attacco finalizzato a creare danni concreti, a cercare lo scontro diretto e a provocare la sollevazione di piazza (ad esempio i cosiddetti black bloc).<p>In una situazione di questo tipo la linea scelta dal Governo Berlusconi e l’azione delle Forze dell’ordine sono state, sul terreno dell’ordine pubblico, certamente positive.<p>Il Governo Berlusconi si &egrave; posto l’obiettivo di dialogare con il GSF in modo da consentire da un lato il sereno svolgimento dei lavori del G8 propriamente detto e dall’altro la piena tutela del diritto di esprimere e manifestare pacificamente ogni dissenso.<p>In tale ottica, si &egrave; anche provveduto a stanziare fondi per l’accoglienza e a impartire precise direttive alle Forze dell’ordine per una gestione moderata e ferma dell’ordine pubblico. <p>Da qui, anche, l’impegno a difendere con la massima efficacia la &quot;zona rossa&quot; con lo schieramento di ingenti forze di Polizia e a controllare lo svolgimento delle manifestazioni le quali, quando sono state pacifiche (per esempio &quot;migranti&quot;, &quot;cub&quot;, &quot;donne iraniane&quot;), hanno avuto il loro naturale corso.<p>Le Forze dell’ordine hanno profuso il loro massimo impegno, pagando un duro prezzo anche sul terreno della incolumit&agrave; fisica. Non va sottaciuto che il coordinamento ha talvolta messo in evidenza carenze e sfasature.<p>Vi &egrave; da dire comunque che le Forze dell’ordine hanno dovuto affrontare da 6 mila a 9 mila violenti circa (all’interno di un’area di manifestazione di circa 200 mila (ministro dell’interno) – 300 mila (V. Agnoletto) persone. Un numero di violenti del tutto imprevisto ed imprevedibile. E ci&ograve; anche a causa del doppio gioco praticato da una parte del GSF. Le Forze dell’ordine si sono trovate di fronte all’esplosione di un’autentica guerriglia urbana, variamente modulata, che, per la sua radicalit&agrave; e per il suo svilupparsi all’interno di grandi cortei, avrebbe potuto portare ad un bilancio ben pi&ugrave; grave di quello registrato. <p>Infatti, per tutta la durata del G8, l’anima violenta ed eversiva dei manifestanti, si &egrave; avvalsa della tolleranza di parte dei dimostranti pacifici.<p> Da costoro non &egrave; stato posto in essere alcun concreto comportamento volto alla segnalazione, all’isolamento o all’espulsione di violenti ed eversori, ai quali &egrave; stato consentito di muoversi con i cortei o ponendosene alla testa o, il pi&ugrave; delle volte, occultandosi al loro interno, entrandone ed uscendone a piacimento. <p>Ci&ograve; ha reso impossibile il ricorso, per le Forze dell’ordine, alle consolidate tecniche di controllo dei cortei, prevenzione dei disordini, isolamento dei violenti e tutela dei dimostranti pacifici; le ha esposte ad attacchi proditori e ne ha spesso vanificato l’operato.<p>L’uso strumentale e distorto del concetto di disobbedienza civile da parte di un’area insieme violenta ed ambigua finisce con il trascinare molti dei non violenti a comportamenti che provocano la risposta delle Forze dell’ordine e conducono allo snaturamento dell’anima pacifica, profonda e genuina del movimento nelle sue componenti realmente non violente, che certamente sono una parte cospicua dell’area di contestazione.<p>Va inoltre sottolineata l'esigenza emersa nel corso dell'indagine di promuovere per il futuro un maggior coordinamento tra le forze dell'ordine e di favorire altres&igrave;, anche mediante iniziative per l'armonizzazione del quadro normativo internazionale, una pi&ugrave; efficace cooperazione tra le istituzioni preposte nei singoli Paesi all'attivit&agrave; di informazione e prevenzione.<p>Tutto ci&ograve; premesso, la Commissione ritiene di evidenziare quanto emerso in relazione ai tre episodi pi&ugrave; discussi.<p>Quanto ai disordini di via Tolemaide si osserva che esistono due distinte versioni. L’una che asserisce che il corteo fu respinto allorch&eacute;, una volta giunto quasi a contatto con i cordoni di polizia, al termine dell’itinerario non vietato, si trasform&ograve; in corteo violento, aggred&igrave; le forze dell’ordine e tent&ograve; la manovra di sfondamento degli sbarramenti. L’altra che afferma che il corteo &egrave; stato caricato dalle Forze dell’ordine in assenza di provocazioni violente. Il ministro dell’interno ha reso noto che la materia &egrave; oggetto di un’indagine amministrativa.<p>La situazione cos&igrave; creata, con il passare delle ore, a seguito dell’iniziativa dei manifestanti generava una serie di ulteriori scontri violenti e disordinati in tutta l’area e causava, tra l’altro, l’assalto di Piazza Alimonda e Via Caffa. E’ in tale contesto che veniva aggredita, dopo essere rimasta isolata, la Land Rover con a bordo i tre carabinieri, venutisi cos&igrave; a trovare a rischio della propria vita. Il Placanica estraeva la pistola d’ordinanza ed esplodeva un colpo che uccideva il giovane Carlo Giuliani nell’atto di scagliargli contro un estintore. Cos&igrave; si verificava quello che non sarebbe mai dovuto avvenire: la perdita di una vita umana. La causa fondamentale sta nella cieca violenza esercitata dai gruppi estremisti che mettono a repentaglio l’esistenza dei giovani che vengono coinvolti nelle loro iniziative criminali. <p>In questo quadro cos&igrave; negativo emergeva un unico elemento positivo rappresentato dal ruolo svolto dal padre del Giuliani, che, con grande senso di responsabilit&agrave; e spirito civico, indirizzava ai manifestanti un appello alla ragione e si impegnava a riappacificare gli animi. Al padre di Giuliani la Commissione esprime il suo profondo e sentito cordoglio.<p>Relativamente all’episodio della scuola Pertini (ex Diaz), la Commissione rileva la legittimit&agrave; della decisione di procedere alla perquisizione anche se non &egrave; tra i documenti acquisiti dal Comitato paritetico l’atto che sancisce la genesi formale della suddetta.<p>Si rilevano altres&igrave; taluni difetti di coordinamento sul piano decisionale ed operativo (legati in special modo alla linea di comando ed al suo funzionamento). <p>E’ apparso evidente dalle audizioni e dal materiale acquisito che alla perquisizione si decise di procedere nella fondata convinzione che presso l’istituto fossero occultate armi. Cos&igrave; come &egrave;, inoltre, emerso con chiarezza che a ragione fu predisposta una forza operativa adeguata a fronteggiare una decisa resistenza all’atto. Tale determinata resistenza alla polizia &egrave;, infatti, ampiamente documentata in atti e fu tale da comportare una decisa forza per vincere e superare la condotta degli occupanti, al fine di tutelare la stessa incolumit&agrave; del personale e di conseguire gli obiettivi dell’attivit&agrave; di polizia giudiziaria.<p>Va detto che dal complesso delle attivit&agrave; svolte dal Comitato paritetico sono emersi dati relativi a taluni eccessi compiuti da singoli esponenti delle Forze di polizia. L’accertamento dei fatti &egrave; demandato all’autorit&agrave; giudiziaria competente sulla cui attivit&agrave; la Commissione non pu&ograve; e non intende interferire. <p>Quanto ai fatti verificatisi nella Caserma di Bolzaneto, la Commissione ritiene debba procedersi a singoli rilievi.<p>In primo luogo, si osserva che nulla &egrave; possibile eccepire circa la necessit&agrave; e la legittimit&agrave; della creazione di siffatta struttura (e di quella analoga della Caserma di San Giuliano), cos&igrave; come nulla &egrave; dato rilevare circa la palese legittimit&agrave; anche amministrativa della gestione effettuata da parte della polizia penitenziaria. <p>In special modo, dal punto di vista della gestione amministrativa nulla pu&ograve; essere eccepito circa il pieno rispetto delle regole e delle prassi concernenti le visite mediche, le perquisizioni e le ispezioni personali degli arrestati e circa le modalit&agrave; del loro trattenimento in attesa di traduzione al carcere, sempre finalizzate al mantenimento dell’ordine tra gli arrestati nel rapporto, comunque difficile, tra gli arrestati e tra loro ed il personale operante. <p>Le lamentele circa i tempi lunghi nella struttura sono da attribuire al numero significativo degli arrestati, alla loro contemporanea confluenza e alla inopinata scelta di ridurre da sette a due i luoghi di recezione. Per quanto attiene le presunte violenze, sulla cui effettiva perpetrazione esiste un’indagine giudiziaria in corso, si ritiene di attendere, come per la Diaz-Pertini, gli accertamenti dell’Autorit&agrave; Giudiziaria. Resta fermo che gli episodi cui si fa riferimento, se veritieri, rivestono carattere di vera gravit&agrave;. Corre l’obbligo di richiamare le denunzie della Questura di Genova, che a seguito di intercettazioni ambientali avrebbe acquisito elementi circa la preordinazione strumentale da parte di taluni degli arrestati di accuse infondate da parte degli operanti, anche se nel corso della sua audizione il questore non ha specificato a quale struttura (Bolzaneto, Forte San Giuliano o entrambe), si facesse riferimento.<p>Altro punto critico appare quello relativo all’indagine ispettiva disposta dal Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, essendo stato nominato quale componente della commissione a ci&ograve; preposta un soggetto che potenzialmente potrebbe essere oggetto dell’indagine stessa.<strong>* * *</strong>La Commissione a conclusione dell’indagine, ribadisce che la violenza non &egrave; e non deve essere strumento di azione politica e che in un Paese democratico la legalit&agrave; &egrave; un valore fondamentale e nel contempo sottolinea un richiamo forte all’inviolabilit&agrave; dei principi costituzionali di libert&agrave; di manifestazione del pensiero, di rispetto della persona anche, forse soprattutto, quando privata della libert&agrave; perch&eacute; in arresto, nonch&eacute; della tutela necessaria alla sicurezza dei cittadini e dell’ordine pubblico, auspica che, ove emergano fatti di rilevanza penale o di violazione disciplinare, l’autorit&agrave; giudiziaria e gli organi amministrativi identifichino i responsabili e ne sanzionino i comportamenti.
  • <strong> [Indice]<br>D) Il piano di sicurezza: atti e provvedimenti riguardanti l'organizzazione delle forze di polizia</strong> <p>Nel corso dell’indagine conoscitiva &egrave; emersa l'esigenza di conoscere il complesso delle attivit&agrave; organizzative poste in essere per tutelare i molteplici aspetti meritevoli di tutela: il libero e sicuro svolgimento del vertice; la tutela della citt&agrave; e dei suoi abitanti e la garanzia per il pacifico esercizio del dissenso politico nei confronti del Vertice. <p>Sotto il profilo specifico della tutela della sicurezza e dell'ordine pubblico, l’indagine ha evidenziato un quadro complesso e articolato di relazioni tra gli organi istituzionalmente preposti ai vari livelli a presiedere l'ordine e la sicurezza pubblica. Per quel che concerne gli aspetti operativi, gi&agrave; l’art. 4 della legge 8 giugno 2000, n. 149, recante &quot;Disposizioni per l’organizzazione del vertice G8 a Genova&quot; autorizza il prefetto di Genova ad avvalersi di un contingente di personale delle Forze Armate per le esigenze di pubblica sicurezza connesse allo svolgimento del vertice.<p>Va quindi ricordato che nella riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica dedicato al G8, del 7 agosto 2000, si introduce il tema delle esigenze connesse al problema della sicurezza.<p>Un’esigenza prioritaria, emersa sin dall’inizio, &egrave; quella di un’efficace attivit&agrave; di coordinamento. <p>L’11 agosto 2000 il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza costituisce un gruppo di lavoro interforze per elaborare un quadro degli obiettivi sensibili e dell'alloggiamento delle forze dell'ordine e valutare la necessit&agrave; di costituire zone "di rispetto", censire anagraficamente i cittadini residenti all'interno dell'area di maggiore sicurezza e individuare le zone per le manifestazioni di dissenso. Alcuni giorni dopo(16 agosto) viene istituito dal questore di Genova un gruppo di lavoro interforze (GOI) composto da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza per la pianificazione delle misure di protezione e di sicurezza. L'impegno appare rilevante, oltre che per il rilievo dell'avvenimento internazionale, anche per il numero delle persone coinvolte. Si fa riferimento a circa 18 mila unit&agrave; solo per le forze dell'ordine. Vanno poi considerati i 2.000 delegati per il vertice, 4.750 giornalisti accreditati, nonch&eacute; decine di migliaia di manifestanti (nella manifestazione conclusiva &egrave; stata stimata la presenza di circa 100.000 unit&agrave;) e i cittadini di Genova residenti nelle zone pi&ugrave; direttamente interessate del Vertice. <p>Nella prospettiva di un pi&ugrave; stringente coordinamento, nell’incontro di servizio del 18 settembre 2000, si evidenzia la necessit&agrave; di allestire una sala operativa interforze, da affiancare a quelle gi&agrave; ordinariamente previste.<p>Il 16 novembre 2000 ha luogo il primo Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica, dedicato ai problemi di ordine pubblico da affrontare in occasione del Vertice del G8. <p>Il 28 dello stesso mese di novembre &egrave; costituito presso il CESIS un gruppo di lavoro interforze per individuare e definire le possibili minacce volte a turbare lo svolgimento del G8. Tale gruppo deve valutare in otto riunioni mensili le informazioni relative al Vertice, coordinando l'attivit&agrave; delle polizie e di intelligence anche in sinergia con forze dell'ordine e servizi di sicurezza esteri.<p>Il 28 marzo 2001 torna a riunirsi il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica sui problemi organizzativi legati al G8 e alle manifestazioni collaterali programmate a Genova.<p>Al fine di un sempre maggior coordinamento tra le forze dell’ordine, con circolare del Ministro dell'interno del 9 aprile 2001, si fa carico agli uffici del Dipartimento della pubblica sicurezza di portare a conoscenza del prefetto Andreassi ogni iniziativa adottata in merito al G8. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il 28 giugno 2001, viene quindi disposta la nomina del prefetto Ansoino Andreassi (in sostituzione del prefetto Aldo Gianni, che lascia il servizio per raggiunti limiti di et&agrave;) a componente della Struttura di missione costituita presso la Presidenza del Consiglio per gli adempimenti connessi alla Presidenza italiana del Vertice G8.<p>Nel frattempo, proseguono le attivit&agrave; seminariali per il coordinamento e l’addestramento delle Forze di polizia (24 aprile, 18 e 19 giugno)<strong>, </strong>cui contribuiscono addestratori facenti parte della polizia di Los Angeles.<p>Sono altres&igrave; svolte attivit&agrave; di esercitazione pratica dei corpi interessati (7 giugno di reparti mobili; proseguono fino al 19 giugno le esercitazioni della Polizia di Stato presso il centro addestramento di Ponte Galeria; si svolge un’esercitazione pratica sull’interscambio delle tecniche di intervento attuate dai battaglioni mobili dei Carabinieri il 29 giugno; dal 2 al 7 luglio ha luogo l’addestramento dei finanzieri allievi del battaglione del Lido di Ostia) . Con decreto in data 5 giugno 2001 il ministro dell’interno del Governo Amato autorizza l’amministrazione della pubblica sicurezza alla sperimentazione del manganello &quot;tonfa&quot;. Con decreto in data 30 giugno 2001, il Ministro dell’Interno autorizza l’Amministrazione della Pubblica sicurezza, ed in particolare il I Reparto Mobile della Polizia di Stato di Roma, appositamente addestrato, all’impiego dello sfollagente &quot;tonfa&quot; in occasione del Vertice G8 di Genova. L’addestramento dei reparti avviene in evidente ritardo, come risulta dalle diverse attestazioni del prefetto Andreassi e del dottor Donnini.<p>Il capo della polizia ha inoltre informato il Comitato che l’amministrazione di pubblica sicurezza ha svolto un’ampia ricerca sul munizionamento non letale (pallottole di gomma) condotta pure attraverso missioni di studio presso organi di polizia esteri.<p>Sotto il profilo delle attivit&agrave; di prevenzione e di intelligence vanno ricordate le segnalazioni operate a pi&ugrave; riprese dai servizi di informazione: il 20 marzo e il 5 aprile sono trasmesse 2 note del SISDE relative a possibili iniziative di alcuni antagonisti che vengono verificate dalla DIGOS. A queste relazioni fa riferimento l’ordinanza del Questore di Genova nel disporre le direttive di ordine pubblico ed il relativo piano operativo. A tali note seguiranno altre informative specifiche su analoghe iniziative, tra cui si ricordano quella del SISMI del 9 giugno e, sempre del SISMI, del 28 giugno, anch’esse verificate dalla DIGOS. Sull’utilit&agrave; delle citate segnalazioni sono emerse differenti valutazioni nel corso delle audizioni svolte dal Comitato paritetico. In particolare il prefetto La Barbera ha dichiarato al Comitato che, per quanto da lui stesso esaminate, si trattava di informative sfornite di riscontri. <p>In successive riunioni di servizio sul G8, presso la Direzione Centrale di Polizia di prevenzione, del 30 marzo e del 7 aprile 2001, sono illustrate le attivit&agrave; svolte nei confronti dei movimenti cosiddetti "antagonisti". Si valuta in tale sede la necessit&agrave; di indagare presso ambienti del terrorismo islamico, viene proposta una sala operativa internazionale presso la Questura di Genova; sono altres&igrave; illustrate le attivit&agrave; di indagine e cattura dei latitanti.<p>Per quanto riguarda le notizie riferite ai gruppi dei cosiddetti black bloc le informative ne segnalano la provenienza dagli ambienti anarchico-insurrezionalistici italiani e stranieri.<p>Il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto per la prima volta dal Ministro Scajola – di recente insediatosi - il 3 luglio valuta l'esigenza di aumentare le attivit&agrave; di prevenzione e di intelligence per garantire le tre priorit&agrave; del Governo sul G8: la sicurezza dei cittadini, il regolare svolgimento del vertice e la libert&agrave; di manifestare pacificamente. <p>Nell’ambito delle iniziative di natura preventiva e di coordinamento anche con forze di polizia straniere, rese particolarmente complesse anche per effetto delle normative sulla tutela dei dati personali, si susseguono riunioni presso la Direzione centrale di polizia di prevenzione con ufficiali di collegamento di Spagna, Grecia, Austria, Germania, Polonia e Francia (4 maggio) e del Regno Unito (15 maggio) con richieste di attivit&agrave; informativa. In ordine alla presenza di gruppi stranieri ed al fine di ottenere collaborazione e notizie ha luogo una riunione con funzionari del B.K.A. tedesco (28 giugno) e sono richieste informazioni alla polizia turca (nota del 26 giugno). Su disposizioni del Capo della polizia, poi, il prefetto La Barbera, responsabile della polizia di prevenzione, si reca ad Atene per incontrare i vertici della polizia ellenica (12 luglio).<p>Sulle modalit&agrave; con le quali si &egrave; verificata tale collaborazione da parte di strutture estere e sull’efficacia, almeno nella fase iniziale, di talune delle collaborazioni offerte sono emerse differenti valutazioni nel corso delle audizioni svolte dal Comitato paritetico. In particolare, &egrave; stato evidenziato nel corso dell’indagine conoscitiva come siano ancora problematici gli aspetti inerenti alla collaborazione internazionale anche a causa della non perfetta corrispondenza del quadro ordinamentale dei diversi Paesi.<p>Nell'ambito di un pi&ugrave; vasto coordinamento con altre istituzioni preposte all’organizzazione del Vertice internazionale, il 31 marzo 2001 il prefetto di Genova, alla presenza del Segretario generale della Farnesina, illustra lo scenario del G8 al fine di rendere conoscibili strutture e risorse sulle quali costruire il sistema di sicurezza e il piano di accoglienza delle delegazioni, cui fa seguito una analoga riunione il successivo 19 aprile. In data 22 maggio 2001 si tiene una riunione al Ministero degli Affari Esteri con gli ambasciatori dei Paesi del G8, nel corso della quale il Capo della Polizia, prefetto De Gennaro, illustra il quadro della sicurezza generale predisposta per il Vertice. Si svolgono altres&igrave; riunioni con rappresentanti dell’Ambasciata canadese circa le misure adottate nel precedente Vertice degli stati americani di Quebec City (28 maggio), con una delegazione della federazione russa (30 maggio) e dell’Ambasciata U.S.A. (6 giugno) .<p>Connesso al tema della sicurezza &egrave; quello dei controlli su aderenti a gruppi che partecipano alle manifestazioni e provenienti dall’estero. Viene in particolare valutato l’aspetto della circolazione nei Paesi della cosiddetta area Schengen. A tal fine, il 14 febbraio 2001 si tiene la riunione di coordinamento, indetta dal Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno, sull’eventuale ripristino dei controlli alle frontiere interne dei Paesi dell’area Schengen. Il 3 luglio ha luogo una riunione di servizio sul G8 presso la Direzione centrale di polizia di prevenzione (con il direttore del Servizio immigrazione e polizia di frontiera) sulla definizione delle procedure tecniche da applicare in vista della sospensione degli accordi di Schengen. L’11 luglio la Convenzione Schengen &egrave; sospesa con effetto dalla mezzanotte del 13 luglio alla mezzanotte del 21 luglio 2001. Il 14 luglio 2001 sono quindi ripristinati i controlli alle frontiere italiane per selezionare l’ingresso dei manifestanti ed impedire l’accesso ai contestatori violenti.<p>Quanto alle iniziative in vista dello svolgimento in citt&agrave; del Vertice e delle manifestazioni, sono poi effettuate riunioni per la tutela delle comunicazioni delle forze dell'ordine (il 14 e il 21 maggio) . <p>Dopo che il 23 maggio il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica ha esaminato il tema della delimitazione della zona rossa, il successivo 24 maggio, presso il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica sul G8, il prefetto di Genova presenta la pianificazione del sistema di sicurezza. Il successivo 2 giugno il prefetto emana<strong>,</strong> l'ordinanza che istituisce una "zona rossa" di massima sorveglianza e, intorno, una fascia di sicurezza, definita "zona gialla". L'ordinanza rinvia la perimetrazione dettagliata delle zone ad un successivo provvedimento del questore, che viene emanato il 20 giugno 2001. <p>Viene quindi costituito, con ordinanza del prefetto del 13 giugno, un organismo di collegamento per la programmazione e l'adozione di misure necessarie a tutelare le primarie esigenze di sicurezza delle sedi direttamente interessate dal Vertice. Viene altres&igrave; fissata la data del 15 luglio per ultimare le operazioni di bonifica di Palazzo ducale e degli immobili ubicati nella zona rossa.<p>Nelle giornate del 12, 13 e 14 luglio, si tiene un briefing operativo con i funzionari e gli ufficiali delle Forze di polizia impegnate nell’apparato di sicurezza del G8, in cui si compie l’analisi degli aspetti organizzativi e di gestione dell’ordine pubblico; si effettuano inoltre dei sopralluoghi in citt&agrave; per una diretta conoscenza del teatro delle operazioni di polizia. Si &egrave; nel frattempo svolta, il 13 luglio, una riunione indetta dal questore alla quale prendono parte tutti i funzionari di pubblica sicurezza e gli ufficiali delle altre forze di polizia e delle Forze armate impegnati nella gestione del G8. Alla riunione intervengono il prefetto di Genova, il prefetto Andreassi, il Capo della Polizia, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, l’Ambasciatore Vattani e il Ministro dell’Interno. In data 16 luglio, il Capo della Polizia invia al prefetto di Genova una lettera circa la necessit&agrave; di uno stretto coordinamento delle Forze di Polizia e della centralizzazione delle informazioni presso la Sala operativa della Questura durante il G8 (a tale lettera fa seguito la risposta del prefetto con nota del 17 .
  • <strong> [Indice]<br>H) La caserma di Bolzaneto</strong> <p>Nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica del 12 giugno 2001, per contribuire all'organizzazione dell'attivit&agrave; delle Forze di Polizia per quanto riguarda la ricezione di persone eventualmente arrestate in occasione di disordini che si immaginava che si sarebbero verificati in occasione del Vertice G8, si decide, tra l'altro, l'istituzione a Genova per motivi di sicurezza, in localit&agrave; lontane dai luoghi di svolgimento delle manifestazioni, di autonomi uffici matricola e di uffici sanitari per la successiva traduzione dei detenuti presso penitenziari non genovesi. La ragione di questa scelta risiede nella necessit&agrave; di escludere gli istituti penitenziari di Genova, vista la loro localizzazione in un'area centrale della citt&agrave;, interessata dalle manifestazioni. <p>Questa previsione si mostrer&agrave; giustificata: il carcere genovese di Marassi viene infatti attaccato da un gruppo di manifestanti nel pomeriggio del 20 luglio durante lo svolgimento del Vertice.<p>Dopo una riunione il 27 giugno presso il Ministero della Giustizia sui problemi organizzativi che si sarebbero posti nell'eventualit&agrave; di un alto numero di arrestati nel corso del Vertice, il giorno successivo, il 28 giugno, per definire le operazioni di competenza dell'Amministrazione penitenziaria, il Capo del Dipartimento facente funzioni, il dott. P. Mancuso, affida l'incarico di pianificare gli interventi a Genova al dott. Sabella dell'Ufficio centrale dell'Ispettorato del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria. Predisposto il piano, nei giorni seguenti vengono individuati gli istituti di Alessandria, Pavia, Vercelli e Voghera come sedi penitenziarie ritenute idonee ad ospitare gli eventuali arrestati. Contemporaneamente si decide di istituire, conformemente a quanto gi&agrave; convenuto, due siti, uno presso la caserma dei carabinieri di Forte S. Giuliano, per i soggetti arrestati dai Carabinieri, l'altro presso la caserma del reparto mobile della Polizia di Stato di Bolzaneto per i soggetti arrestati dagli altri Corpi di Polizia. Questi vengono qualificati, da un apposito decreto del Ministro della giustizia del 12 luglio 2001, siti "utilizzati a fini detentivi quali succursali dell'area sanitaria e dell'area matricola detenuti delle case circondariali di Pavia, di Voghera, di Vercelli e di Alessandria, nonch&eacute; della casa di reclusione di Alessandria". Tale decreto chiarisce altres&igrave; che "la gestione amministrativa delle attivit&agrave; di competenza penitenziaria nelle suddette strutture &egrave; posta a carico della Direzione della Casa circondariale di Genova-Pontedecimo, come disposto dal Dirigente dell'Ufficio Coordinamento "G8" dell'Amministrazione penitenziaria". <p>Per rendere le strutture di Bolzaneto e San Giuliano conformi alla nuova destinazione vengono, nei giorni seguenti, svolti lavori di ristrutturazione, commisurati a una previsione di afflusso di 600-700 fermati.<p>Un'area viene destinata alle attivit&agrave; di competenza della polizia giudiziaria, attivit&agrave; che dopo il fermo, si concludono con le operazioni di identificazione (fotosegnalamento, redazione di notifica del verbale di arresto) . <p>Esaurite queste operazioni i fermati vengono consegnati alla polizia penitenziaria che, in un'area appositamente destinata, provvede alle normali procedure che seguono alla traduzione dell'arrestato in un istituto penitenziario: l'immatricolazione, la perquisizione e la visita medica. <p>E’ evidente la necessit&agrave; di non utilizzare il carcere di Marassi<strong>,</strong> la scelta di compiere operazioni sia di polizia giudiziaria sia di polizia penitenziaria in uno stesso luogo, seppure suddiviso in due aree distinte, &egrave; stata oggetto di rilievi. Lo stesso dottor Sabella, responsabile a Genova di tutte le operazioni di polizia penitenziaria, durante la sua audizione, ha riconosciuto, a consuntivo, che "si &egrave; rivelata infelice la scelta di avvalerci della medesima struttura dove operava la polizia di stato". <p>Nei giorni in cui ha operato la struttura di Bolzaneto (aperta il 12 luglio e chiusa il 24 luglio), le operazioni di polizia giudiziaria vengono precedute da una prima visita medica, effettuata dai medici dell'amministrazione penitenziaria cui compete, successivamente, effettuare la visita medica che precede la traduzione dei detenuti negli istituti penitenziari. Queste operazioni di polizia giudiziaria, sono state effettuate in sette postazioni ciascuna delle quali affidata alla responsabilit&agrave; di un ufficiale. Nella notte tra sabato 21 e domenica 22, alle ore 1,30, cinque delle sette postazioni vengono chiuse (sulla base della considerazione che il personale addetto era in servizio dalle ore 7 del giorno precedente). Anche a causa di questa riduzione delle postazioni le operazioni e le procedure seguite all'arrivo dei fermati fino alla loro immatricolazione e successiva traduzione nei luoghi di detenzione (i citati carceri di Pavia, Voghera, Vercelli ed Alessandria di cui Bolzaneto in quei giorni costituisce una succursale) subisce ritardi proprio nel momento in cui maggiore &egrave; l'afflusso delle persone da trattare. Nella notte tra sabato e domenica infatti, arrivano nella caserma di Bolzaneto (tra le due e le tre di notte) le persone arrestate nell'operazione del complesso scolastico Diaz - Pertini - Pascoli, che intorno alle ore 22 di domenica vengono consegnate alla Polizia penitenziaria.<p>Nella stessa notte tra il 21 e il 22 luglio il ministro della giustizia Castelli, accompagnato dal dottor Sabella, dopo un sopralluogo al carcere di Marassi, motivato dalla finalit&agrave; istituzionale di portare la solidariet&agrave; del Governo al personale penitenziario e<strong> </strong>anche dalle segnalazioni ricevute in ordine a possibili rivolte dei detenuti, visita la caserma di Bolzaneto (tra l'1,35 e le 2) trattenendosi nelle sole aree riservate alla polizia penitenziaria. In questa occasione rileva la presenza nella camera di sicurezza di una donna e di una decina di uomini da una parte, in piedi con le gambe allargate e la faccia contro il muro, e di un unico agente sul luogo al fine di garantire il controllo. Sino alla tarda serata di domenica 22 la polizia penitenziaria poteva disporre di una sola camera di sicurezza ove collocare i detenuti. Solo a partire dalla tarda serata di domenica la polizia di stato consegna una ulteriore stanza alla polizia penitenziaria, da quest'ultima richiesta, per poter separare i detenuti a seconda del sesso. <p>Anche i tempi di espletamento delle attivit&agrave; di competenza dell'amministrazione penitenziaria, mediamente tra i quindici minuti e le quattro ore, nei momenti cruciali di maggiore afflusso subiscono ritardi che si sommano ai ritardi nelle attivit&agrave; di competenza della polizia giudiziaria. E' da tenere inoltre presente che, ai fini della traduzione dei detenuti da Bolzaneto ai penitenziari si doveva aspettare di avere un numero di detenuti sufficiente (almeno 10), a riempire i pullman all'uopo utilizzati.<p>Nel corso dei giorni in cui &egrave; stata attiva, nella struttura di Bolzaneto, vengono immatricolate complessivamente 222 persone. A supporto dell'attivit&agrave; della polizia penitenziaria sono state impiegate anche squadre del gruppo operativo mobile, sempre all'esterno degli edifici utilizzati per le operazioni di ricezione degli arrestati, con compiti di supporto al servizio della traduzione degli arrestati negli istituti penitenziari.<p>Il 24 luglio la struttura di Bolzaneto ha cessato di operare come istituto utilizzato a fini detentivi quale succursale dell'area sanitaria e dell'area matricola degli istituti penitenziari sopracitati.<p>A partire dal 26 luglio sulla stampa quotidiana compaiono testimonianze e denunce di violenze e di incidenti occorsi presso la caserma Bolzaneto a danno degli arrestati. Conseguentemente il Ministro della giustizia dispone per l'avvio di una indagine interna su quanto accaduto. <p>Analoga indagine viene disposta, il 26 luglio, dal capo della polizia De Gennaro. Il 30 luglio &egrave; presentata al Capo della polizia la relazione dell'ispettore Montanaro, per quanto di sua competenza, sulle presunte violenze accadute alla caserma di Bolzaneto, mentre il 4 settembre &egrave; presentata al Ministro della giustizia la relazione della commissione ispettiva istituita il 2 agosto per accertare "episodi di violenza fisica e psichica asseritamente commessi da appartenenti all'amministrazione penitenziaria in danno di soggetti immatricolati presso il sito penitenziario di Genova-Bolzaneto". La relazione, in una prima stesura, oltre ad una complessiva ricostruzione delle modalit&agrave; di funzionamento della struttura, tratta di 11 casi specifici denunciati dalla stampa o dagli stessi fermati, nonch&eacute; degli altri casi di violenze testimoniate da un infermiere in servizio a Bolzaneto.<p>Occorre inoltre ricordare che, nel corso della sua audizione, il questore Fioriolli ha reso noto che, a seguito di intercettazioni ambientali, alcune dichiarazioni rilasciate sia agli organi di informazione, sia in sede di interrogatorio formale, sono oggetto di revisione, essendo stati rilevati fatti ed episodi che hanno dimostrato la falsit&agrave; e l'infondatezza di tali dichiarazioni. Corre l’obbligo di segnalare che nel corso della sua audizione il questore non ha specificato a quale struttura (Bolzaneto, Forte San Giuliano o entrambe), si facesse riferimento.
  • <strong> [Indice]<br>C) Dal dialogo con le ONG alla nascita del Patto di lavoro, alle iniziative del GSF</strong> <p>1. Evoluzione e organizzazione del movimento antiglobalizzazioneVa colto un processo di graduale e costante aggregazione dei rappresentanti del movimento antiglobalizzazione nell'ambito di una progressiva organizzazione che lascia sussistere una complessa articolazione al suo interno e al tempo stesso enuclea un livello di coordinamento unitario.<p>Dall'attivismo, gi&agrave; nel mese di giugno 2000, di realt&agrave; associative quali la "Rete contro il G8", si assiste alla nascita, il 19 dicembre 2000, in vista del vertice di Genova, del "Patto di lavoro", cui aderiscono inizialmente circa 50 associazioni. <p>La posizione di tali associazioni, fin dai primi giorni successivi alla costituzione, &egrave; nel senso di evidenziare ai rappresentanti delle pubbliche istituzioni l'esigenza di adeguati spazi e modalit&agrave; che consentano la manifestazione del dissenso. In tal senso, fin dal 10 gennaio 2001, &egrave; formulata la richiesta di costituire un tavolo permanente di lavoro (con le istituzioni locali) .<p>La dimensione nazionale delle associazioni aderenti al &quot;Patto di lavoro&quot; &egrave; quindi superata in breve tempo a seguito dell'adesione, al "Patto di lavoro" medesimo, di movimenti di estrazione internazionale; viene in tal modo costituito - l'8 marzo 2001 - il "Genoa Social Forum" GSF, soggetto che terr&agrave; i rapporti con le istituzioni pubbliche in vista del vertice del G8, cui aderiscono nel tempo oltre 750 associazioni ed organizzazioni non governative. <p>2. Il dialogo con i pubblici poteri L’indagine conoscitiva ha evidenziato un atteggiamento di attenzione da parte dei pubblici poteri per le componenti pacifiche del movimento antiglobalizzazione in vista del vertice di Genova. I prodromi di una linea di dialogo emergono con la richiesta all’architetto Margherita Paolini, gi&agrave; impegnata quale consulente in attivit&agrave; di cooperazione internazionale, di individuare controparti affidabili. Un primo incontro con una delegazione della "Rete contro il G8" ha luogo, solo in sede locale, nell’ottobre del 2000. Il 10 gennaio 2001, seguono richieste di incontri da parte del "Patto di lavoro&quot;, che effettivamente hanno luogo, con autorit&agrave; locali, in Prefettura il 26 gennaio. Con la fine del gennaio 2001 (il giorno 30) viene conferito all’architetto Paolini il coordinamento delle iniziative riconducibili alle organizzazioni non governative da parte del Ministro plenipotenziario Vinci Giacchi responsabile della "Struttura di missione G8".<p>Dopo il primo incontro formale – il 7 febbraio 2001 – tra esponenti di enti locali, prefetto, regione e l’architetto Paolini, ha luogo - l'8 febbraio - un incontro tra detti rappresentanti istituzionali e una rappresentanza del &quot;Patto di lavoro&quot;. In tali prime riunioni emerge la differente impostazione dei rappresentanti di pubbliche istituzioni, disponibili allo svolgimento di manifestazioni pacifiche (culturali e musicali) nella settimana precedente il vertice, e quella dei rappresentanti del &quot;Patto di lavoro&quot;, che chiedono invece di effettuare iniziative contemporanee a quelle ufficiali e manifestazioni di massa nei giorni dal 19 al 21 luglio. Inoltre una parte del GSF si pone sin dall’inizio l’obiettivo di sfondare la zona rossa, ipotizzando comportamenti contraddittori con le dichiarazioni di pacifismo<strong>. </strong><p>Detto atteggiamento contraddittorio &egrave; evidenziato dal fatto di non aver saputo o voluto isolare la componente violenta, la cui consistenza si riveler&agrave; tutt’altro che marginale, essendo risultata pari a circa 10.000 persone.<p>Infatti molte delle vicende avvenute nel corso del G8 hanno messo in evidenza la presenza nel GSF di un estremo pluralismo politico e comportamentale: accanto all’area pacifista sono esistiti componenti (dai centri sociali alle Tute bianche e da altri) che non hanno esitato a praticare forme violente di contestazione che si sono ripetute sia il 20 che il 21 luglio. <p>Anche nell'ambito di episodi di contestazione violenta, va comunque tenuta distinta quella parte dei gruppi aderenti al cosiddetto blocco nero, da quella dei cosiddetti "parassitari", cio&egrave; diretti ad approfittare di cortei per mimetizzarvisi. <p>A pochi giorni dalla sua costituzione, avvenuta l'8 marzo 2001, il Genoa Social Forum (GSF) formula richieste specifiche in vista del Vertice (19 marzo) . <p>Il Presidente del Consiglio, On. Amato il 4 aprile conferisce al prefetto di Genova il mandato di mantenere il dialogo con le O.N.G. . Lo stesso giorno ha luogo il cos&igrave; detto telegram day su organizzazione delle associazioni del dissenso ed un sit-in davanti al Viminale. Il primo incontro a livello ministeriale con rappresentanti del GSF si svolge il successivo 5 aprile presso il Ministero dell'interno, alla presenza del Capo di Gabinetto, incaricato dal ministro. Si svolge una riunione in sede locale, convocata dal prefetto, del tavolo di Coordinamento tra gli enti locali (20 aprile) conseguita ad una richiesta specifica del GSF, relativa all'esigenza, fra l'altro, di disporre di spazi per manifestazioni ed incontri. <p>Il 26 maggio 2001 ha luogo presso il Palazzo Ducale una conferenza stampa dei rappresentanti del movimento denominato "tute bianche" nel corso della quale viene pronunciata la cosiddetta "dichiarazione di guerra" del movimento.<p>A pochi giorni da un sollecito al Governo per un incontro da parte del dott. Agnoletto, portavoce del GSF - rinnovata la compagine governativa - ha luogo una prima riunione tecnica, il 24 giugno, tra il Capo della Polizia e rappresentanti del dissenso, cui far&agrave; seguito un'altra riunione, il successivo 30 giugno. Nel frattempo, sulle componenti del movimento italiano di contestazione, sui relativi intendimenti e sulle opzioni pi&ugrave; efficaci per la sicurezza, l'architetto Paolini invia una nota al capo della Struttura di missione G8.<p>Quasi a conclusione del mese di giugno (il 28) una delegazione del GSF incontra i ministri degli affari esteri Ruggiero e dell'interno Scajola. In tale sede sono fornite assicurazioni circa il carattere non violento delle manifestazioni e viene evidenziato che la possibilit&agrave; di manifestare determina un effetto di isolamento dei violenti. <p>Il 7 luglio, nell'ambito della giornata di sensibilizzazione e di studio sui temi del G8 promosso dalla Conferenza episcopale a Genova, ha luogo un incontro cui partecipa l'Ambasciatore Vattani.<p>In rapida successione, nei giorni che seguono, ha luogo la consegna ai rappresentanti del GSF di immobili e strutture: l'11 luglio il comune di Genova consegna la scuola Diaz-Pascoli; in pari data la giunta provinciale delibera la concessione dell'Istituto Pertini, (ex Diaz) e dell'area ubicata presso il complesso Se Di. Segue la consegna di ulteriori immobili e attrezzature nei giorni 12, 15, 16 e 18 luglio, finch&eacute;, il 19 luglio, il comune consegna al GSF "Villa Gamboro", il parco chiamato "Valletta Cambiaso" e i giardini pubblici di Piazzale Rusca .
  • <strong> [Indice]<br>G) La perquisizione agli edifici scolastici Diaz-Pertini-Pascoli</strong> <p>Terminato il corteo conclusivo del Genoa Social Forum del 21 luglio, il Questore di Genova, dott. Colucci, a seguito dei violenti scontri verificatisi, dispone servizi di pattugliamento del territorio.<p>Alle ore 19,30, il dott. Mortola, dirigente della DIGOS di Genova riceve dal dott. Gratteri, direttore del Servizio centrale operativo – Criminalpol (SCO), l’ordine di mettere a disposizione un certo numero di agenti della Digos per formare, con la Squadra mobile di Genova e lo SCO, le squadre di pattugliamento con il compito di controllare il territorio, identificare ed eventualmente fermare i manifestanti autori di episodi delittuosi.<p>Alcune pattuglie miste della Mobile e della Digos, al comando del dr. Di Bernardini, della squadra mobile di Roma, mentre transitano in via Cesare Battisti, in prossimit&agrave; degli istituti scolastici Pertini (ex Diaz) e Diaz-Pascoli, concessi in uso al Genoa Social Forum, subiscono un lancio di oggetti da parte di un gruppo di manifestanti e notano sul posto numerose persone con abbigliamento simile ai cosiddetti &quot;black bloc&quot;.<p>Il dott. Di Bernardini, responsabile del pattugliamento, di ritorno in Questura, insieme al dott. Caldarozzi, capo di una della pattuglie, riferisce l’episodio al dott. Gratteri che lo accompagna dal Questore, presso il quale si trovavano riuniti anche altri dirigenti, tra i quali i prefetti Andreassi e La Barbera e il dott. Mortola.<p>L'orario dell’aggressione, nella relazione di servizio del dott. Di Bernardini, cos&igrave; come nel rapporto dell'ispettore Micalizio al Capo della Polizia, &egrave; collocato intorno alle ore 22,30, mentre la relazione svolta durante la sua audizione dal dott. Gratteri indica le ore 21,30-22; il dott. Donnini, consigliere presso la direzione centrale per gli affari generali afferma di essere stato avvertito telefonicamente dal questore, per comunicargli la necessit&agrave; di svolgere un’operazione urgente, richiedendo a tal fine la disponibilit&agrave; del VII Nucleo del I Reparto Mobile di Roma (Nucleo sperimentale antisommossa) alle ore 21-21,30; peraltro il Questore Colucci ha dichiarato di essere stato avvertito dell’aggressione intorno alle 22,20. <p>Ulteriori incertezze riguardano l’ora (tra le 21,30 e le 23) in cui sarebbe stata conseguentemente assunta la decisione di procedere alla perquisizione dell’immobile sede della scuola Pertini (ex Diaz). <p>Secondo quanto riferito dal questore e dal dottor Mortola alle ore 22,20 circa lo stesso Questore convoca il dott. Mortola (alla presenza, tra l’altro, di Andreassi, La Barbera e Gratteri) e lo informa dell’aggressione subita in via C. Battisti da alcune pattuglie miste Mobile e Digos. Il dott. Mortola fa presente che in via C. Battisti sono ubicati gli edifici scolastici concessi al GSF per insediarvi il centro stampa; lo stesso viene pertanto incaricato di compiere un sopralluogo.<p>Al suo ritorno nell’ufficio del questore (ore 22.40) il dott. Mortola riferisce di aver notato (ore 22,30 circa) nelle strade adiacenti alle scuole Pertini e Pascoli alcuni giovani con funzioni verosimilmente di vedette e davanti all’istituto circa 150 persone molte delle quali vestite di nero e riconducibili ai cosiddetti black bloc.<p>Si decide quindi di contattare i rappresentanti del GSF per verificare chi occupi effettivamente le scuole. Il dott. Mortola telefona al sig. Stefano Kovac, responsabile degli aspetti logistici del GSF. Il sig. Kovac, secondo quanto riferisce il dottor Mortola, risponde di non poter escludere la presenza di soggetti non graditi all’interno della scuola Pertini (ex Diaz) a causa della confusione in atto conseguente alla partenza dei 26 treni speciali, e quindi di non poter garantire il controllo degli edifici da parte del GSF.<p>Il sig. Kovac fornisce una versione parzialmente diversa della telefonata:<strong> </strong>il dott. Mortola gli avrebbe chiesto se la scuola Pascoli fosse a disposizione del GSF per l’accoglienza, cosa che Kovac conferma, chiarendo che anche la Diaz e la Pertini (ex Diaz) lo erano. Il dott. Mortola gli riferisce del lancio di bottiglie contro le auto della Polizia da parte di persone che si trovano sul posto e gli chiede a quale uso il GSF ha destinato le due scuole. Kovac risponde che in esse si trovano il centro stampa, gli uffici per le organizzazioni straniere e che vi dormono delle persone trasferite da alcuni luoghi di accoglienza del GSF allagati dalle forti piogge della notte del 19 luglio.<strong> </strong>Kovac aggiunge: &quot;mi raccomando: la situazione &egrave; molto tesa in citt&agrave;; ti prego di non intraprendere iniziative che possano aumentare la tensione&quot;. Mortola gli risponde di non preoccuparsi in quanto non sarebbe accaduto nulla.<p>Sulla base delle informazioni acquisite, tutti i funzionari presenti nell’ufficio del questore (oltre al dott. Colucci, il prefetto La Barbera, il prefetto Andreassi, il dott. Luperi, il dott. Gratteri, il dott. Mortola, il dott. Murgolo, vicequestore vicario di Bologna, il dott. Di Bernardini, il dott. Caldarozzi, due ufficiali dell’Arma dei carabinieri ed altri funzionari della squadra mobile e della Digos) convengono perch&eacute; si proceda, a norma dell’art. 41 del TULPS, ad una perquisizione dell’immobile di via Battisti sede dell'istituto scolastico Pertini (ex Diaz), da effettuarsi dalla Digos e dalla Squadra mobile con l’aiuto di un Reparto inquadrato che garantisca la sicurezza dei luoghi dell’operazione. <p>Il dott. Ansoino Andreassi ha riferito al Comitato che egli, pur essendo d’accordo sulla necessit&agrave; di effettuare la perquisizione, la riteneva un’operazione rischiosa e delicata. Andreassi consigliava di consultare il Capo della polizia e di impiegare il VII Nucleo del I Reparto mobile di Roma. <p>Il Questore informa telefonicamente il Capo della Polizia della decisione assunta per chiedergli l’autorizzazione all’impiego di contingenti di riserva dell’Arma dei carabinieri per le attivit&agrave; di controllo esterno dell’immobile da perquisire<strong>.</strong> <p>Dopo poco, secondo quanto affermato dal Questore, il Capo della polizia lo avrebbe richiamato, per dirgli di informare il dott. Sgalla, responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento di pubblica sicurezza. Il Capo della polizia avrebbe inoltre chiamato anche il prefetto La Barbera, secondo quanto riferito dallo stesso prefetto, per raccomandargli che l’iniziativa fosse improntata alla massima prudenza e cautela.<p>Alle 23 circa il questore di Genova Colucci informa il colonnello Tesser, comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, della possibilit&agrave; di una perquisizione ad una scuola utilizzata per l’alloggiamento dei manifestanti. L’autorit&agrave; giudiziaria viene preventivamente informata dell’operazione. Il dott. Caldarozzi dello SCO contatta il PM dott.ssa Canepa.<p>Nella sala riunioni della questura si discutono le modalit&agrave; dell’intervento (presenti, tra gli altri, il Questore, il prefetto La Barbera e il dott. Gratteri). <p>Alle ore 23 il dr. Canterini, comandante del I reparto mobile di Roma, riuniti, su ordine del dr. Donnini, gli uomini del Nucleo sperimentale, si reca presso la questura, dove partecipa alla riunione gi&agrave; in corso relativa alla pianificazione operativa; viene informato che il Nucleo sperimentale di Roma deve prestare supporto agli uffici operativi della questura per effettuare una perquisizione nella scuola Pertini (ex Diaz) in via C. Battisti.<p>Sia il Questore, sia La Barbera raccomandano prudenza e cautela nell’operazione e respingono il suggerimento di Canterini di utilizzare i lacrimogeni per far eventualmente uscire gli occupanti che si fossero barricati nell’edificio. Si decide un intervento a tenaglia con due colonne di mezzi del Reparto mobile di Roma, dei Carabinieri, del Reparto prevenzione crimine ed equipaggi di Digos e Squadra mobile incaricati di effettuare materialmente la perquisizione. <p>Nel corso della riunione, secondo quanto riportato dal dott. Gratteri, vengono definite le seguenti modalit&agrave; operative anche sulla base delle indicazione fornite dal dr. Mortola che redige una piantina del luogo:il Nucleo viene suddiviso in due colonne, composte da quattro automezzi ciascuna (40 uomini circa) per giungere sul posto da due itinerari diversi e poi ricongiungersi in prossimit&agrave; della scuola;<p>il primo gruppo, con un mezzo del reparto mobile, &egrave; guidato dal dr. Mortola (cui il dr. Canterini consegna l’apparato radio per poter comunicare con tutto il personale); <p>il secondo gruppo &egrave; diretto da un funzionario della Digos di Genova;<p>il reparto Mobile viene incaricato di penetrare per primo nell’edificio, superando le eventuali resistenze;<p>il personale del Servizio Centrale Operativo, delle Squadre Mobili e delle Digos, seguirebbe il Reparto Mobile all’interno dell’edificio per svolgere materialmente le operazioni di perquisizione;<p>le unit&agrave; dei Reparti Prevenzione Crimine, che indossano la divisa atlantica (camicia a manica corta), sono addette alla sorveglianza del perimetro esterno dell’edificio;<p>i militari dell’Arma dei carabinieri erano preposti alla vigilanza delle vie di accesso all’area.Nella riunione, sempre secondo quanto riferito dal dottor Gratteri ed evidenziato dalla relazione predisposta dall'ispettore ministeriale, non viene designato un funzionario responsabile, in termini unitari, dell’intero servizio; ciascun gruppo avrebbe fatto riferimento alle figure apicali del proprio comparto.<p>L’avvio dell’operazione ha luogo intorno alle 23,30-24. <p>Per accedere al cortile della scuola Pertini (ex Diaz), dopo inutili tentativi di aprire il cancello che risultava chiuso, viene dato l’ordine di abbatterlo con un mezzo del Reparto Mobile. La chiusura del cancello dell’edificio dimostrava una resistenza fisica e illegittima all’intimazione dell’autorit&agrave; di polizia motivata dall’esigenza di perquisire gli edifici pubblici messi a disposizione dagli enti locali.<p>Secondo la versione data dal prefetto La Barbera questi, immediatamente prima dell’irruzione, osservando che la situazione appariva eccessivamente tesa, fa presente al dott. Canterini che forse &egrave; il caso di soprassedere alla perquisizione. Il verificarsi di tale colloquio &egrave; negato dal dott. Canterini, che afferma, inoltre, di non aver visto il prefetto La Barbera sul luogo della perquisizione.<p>Mentre gli agenti nel cortile sono costretti a forzare il portone, viene lanciato contro di loro diverso materiale contundente dall’interno dell’edificio. Parte del contingente riesce a penetrare nello stabile da una porta secondaria. Della ricostruzione dell’irruzione sono state date le seguenti versioni in relazione alle modalit&agrave; dell'intervento e alle sedi perquisite:secondo quanto risulta dalla relazione dell’ispettore ministeriale, forzato il portone della scuola Pertini (ex Diaz), gli agenti del Reparto Mobile, unitamente ad altre unit&agrave;, sono entrati all’interno della scuola ove, al buio, nonostante l’intimazione di fermarsi, hanno ingaggiato violente colluttazioni con persone munite di armi proprie ed improprie; un gruppo di operatori del Reparto &egrave; salito al secondo piano, dove un agente &egrave; stato aggredito da un giovane con un coltello che gli squarciava il corpetto antisommossa (quest’ultimo evento &egrave; citato sia dal dott. Gratteri che dal dott. Canterini, presenti ambedue);<p>secondo quanto affermato dal dott. Canterini sul posto era presente, oltre al personale del Nucleo sperimentale del Reparto mobile, numeroso personale in borghese, che indossava la pettorina &quot;Polizia&quot; e personale del nucleo prevenzione crimine, che indossava la cosiddetta uniforme atlantica (camicia a manica corta); al momento dell’apertura degli ingressi, una fortissima pressione, causata da tutto il personale presente e in particolare da quello in borghese, scalzava gran parte degli uomini del reparto mobile (tra i quali il dott. Canterini) che pertanto sono potuti entrare solo dopo qualche minuto; il dott. Canterini, entrando notava recentissimi segni di colluttazione e oggetti contundenti per terra, nonch&eacute; numerosi giovani rannicchiati contro il muro, alcuni dei quali feriti alla testa, mentre agenti in borghese ne perquisivano gli indumenti; assisteva alla stessa scena al piano superiore dove dalle radio portatili degli agenti ascoltava l’ordine agli uomini di chiamare le ambulanze; al momento dell’irruzione non era stata effettuata la cinturazione dell’edificio, circostanza che ha consentito la fuga di persone dall’edificio; nella scuola entrano anche il dr. Luperi, il dr. Gratteri, il dr. Mortola e il dr. Mortara. <p>Secondo il dott. Agnoletto al momento del blitz alla Pertini (ex Diaz) le luci sono accese; vi sono, tra gli altri, poliziotti in borghese con casco e volto coperto da un fazzoletto (il dott. Gratteri ha dichiarato, in sede di audizione, che gli agenti hanno utilizzato il fazzoletto per coprirsi il volto al momento in cui, sul posto, sono giunte le televisioni); il medesimo dott. Agnoletto riferisce che il responsabile dell'ufficio stampa della Polizia di Stato, attribuisce i ferimenti e il sangue agli scontri del corteo svoltosi nel pomeriggio, atteso che parte dei locali erano destinati anche ad &quot;infermeria&quot;. <p>Personale della Polizia di Stato che faceva parte di uno dei due gruppi fa irruzione anche nella sede della scuola Pascoli-Diaz, sede del centro stampa e degli uffici legali del GSF, nonch&eacute; dell'infermeria per i feriti delle manifestazioni, situata di fronte all’immobile da perquisire; il dr. Gratteri riferisce di aver chiesto al funzionario che lo ha informato del fatto di raggiungere il centro stampa e invitare il personale a ritornare in strada. Secondo il dott. Agnoletto le forze di polizia una volta entrate nell’istituto obbligano i presenti ad entrare nella palestra e salgono ai piani superiori dove distruggono i computer e manomettono hard disk e sequestrano video cassette e documenti dei legali; il materiale sottratto non risulta verbalizzato. La manomissione e distruzione delle attrezzature nei locali perquisiti &egrave; riportata de relato anche dal Presidente della Federazione nazionale della stampa italiana, dott. Paolo Serventi Longhi.<p>Due mezzi del reparto mobile sono messi a disposizione dal dott. Canterini per il trasporto di fermati; le operazioni di sgombero dei feriti e dei fermati risultano difficoltose in quanto non era stato previsto uno specifico mezzo deputato a tale scopo e quello successivamente richiesto dal dr. Mortola alla centrale operativa della questura tarda a giungere sul posto. <p>I carabinieri all’esterno fronteggiano la folla numerosa che si &egrave; riunita davanti la scuola, mentre sul posto sopraggiungono numerosi giornalisti della stampa e della televisione, a stento trattenuti, secondo quanto riferito dal dottor La Barbera, dal responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento della pubblica sicurezza, dott. Sgalla.<p>A seguito della perquisizione sono sequestrate armi proprie ed improprie e materiale riconducibile, secondo la relazione ispettiva, alle frange pi&ugrave; violente resesi responsabili degli episodi di violenza verificatisi a Genova in occasione del G8.<p>A conclusione dell'operazione risultano arrestate 93 persone, tra cui tre giornalisti.<p>Nel corso dell'operazione presso la scuola Pertini (ex Diaz) restano feriti gran parte degli occupanti e 17 agenti di polizia, di cui 15 appartenenti al reparto mobile, e 62 arrestati.<p>L’episodio della perquisizione alla scuola Pertini (ex Diaz), nei termini in cui &egrave; stato variamente prospettato, appare come l’esempio forse pi&ugrave; significativo di carenze organizzative e disfunzioni operative.
  • <strong> [Indice]<br>B) L'Agenda politica del vertice</strong> <p>Il vertice G8 di Genova &egrave; preceduto, come nelle altre edizioni, da una serie di vertici preparatori dei Ministri di settore.<p>Contemporaneamente si va organizzando il movimento del dissenso che si riunisce, per la prima volta, il 29 giugno del 2000 a Genova (riunione della ''Rete contro il G8''). Il Governo italiano avvia il dialogo con le organizzazioni del dissenso, dialogo le cui tappe sono ripercorse nel paragrafo precedente e in quello successivo.<p>Queste iniziative di dialogo vengono rilanciate dopo una pausa, a seguito degli avvenimenti di Goteb&ouml;rg (14-15 giugno 2001) dal Ministro degli affari esteri del nuovo Governo Renato Ruggiero anche in sede parlamentare. L'agenda del vertice di Genova &egrave; oggetto di dibattiti parlamentari che aprono la XIV legislatura e che si concludono, sia alla Camera sia al Senato, con l'approvazione di atti di indirizzo. Alla Camera, il 4 luglio, anche se non v'&egrave; convergenza su un unico atto di indirizzo, la maggioranza e gran parte dell’opposizione, reciprocamente astenendosi, manifestano una volont&agrave; sostanzialmente convergente sui dispositivi delle mozioni presentate. Sono cos&igrave; approvate le mozioni Boato e Calzolaio, che impegnano il Governo alla &quot;riconferma degli impegni presi nel Protocollo di Kyoto&quot;, e la mozione Burlando e altri nella parte in cui impegna il Governo:&quot;a condurre a termine il dialogo con i Paesi non G8, consentendo cos&igrave; un confronto fra i membri del G8 ed alcuni dei paesi pi&ugrave; colpiti dalla povert&agrave;, pi&ugrave; esposti a malattie distruttive e pi&ugrave; vulnerabili agli squilibri indotti dal processo di globalizzazione&quot;;<p>a proseguire il dialogo con gli organismi del mondo non governativo, garantendo una reale possibilit&agrave; di manifestazione pacifica delle idee ed occasioni di incontro fra esponenti del Governo e ONG;<p>a trasmettere a tutti gli altri Governi i contenuti espressi nel rapporto finale della Genoa non governmental initiative (GNG) in tema di strategie di riduzione della povert&agrave;, di governance internazionale, di finanza per lo sviluppo e cancellazione del debito, di ambiente e sviluppo sostenibile;<p>a valutare iniziative di coinvolgimento di istituzioni rappresentative (come i parlamenti) dei paesi del G8 e di altri paesi democratici.<p>Viene poi approvata la mozione firmata dai Presidenti dei gruppi della maggioranza che impegna il Governo:<p>&quot;a collaborare con gli altri paesi europei per l’approvazione dei protocolli di Kyoto e la realizzazione degli obiettivi in essi contenuti;<p>a favorire presso gli altri partner europei un pi&ugrave; stretto e proficuo dialogo con gli Stati Uniti d’America per una comune ricerca sull’ambiente; <p>a ricercare ogni utile strumento volto a coinvolgere i cittadini, le comunit&agrave; e le imprese per la valorizzazione delle energie presenti, tenendo conto del deficit energetico del nostro Paese che recentemente ha avuto difficolt&agrave;, per certi aspetti simili a quelle riscontrate dagli USA, nella riduzione delle emissioni di gas nocivi&quot;.Al Senato, l'11 luglio, il dibattito non si conclude con una sostanziale convergenza sugli atti di indirizzo. Sono infatti respinte le mozioni presentate dalle opposizioni. E’ invece approvata la mozione presentata dalla maggioranza che, al fine di raccogliere un maggior consenso, viene modificata prevedendo anche un impegno del Governo &quot;a porre allo studio forme di tassazione sulle transazioni finanziarie internazionali con carattere speculativo e la loro fattibilit&agrave; anche nell’interesse dei paesi in via di sviluppo&quot;.<p>Nel frattempo si svolge l'ultima sessione preparatoria del vertice dei Capi di Stato e di Governo con la riunione plenaria degli <strong>&quot;</strong>Sherpa<strong>&quot;</strong> tenutasi a Genova tra il 26 e il 28 giugno. Oggetto della riunione &egrave; quello di definire il contenuto dei documenti finali che dovranno essere approvati dai Capi di Stato e di Governo a Genova.<p>Nel corso del Vertice di Genova vengono raccolte le fila della complessa azione diplomatica volta a valorizzare il dialogo tra i Governi, la societ&agrave; civile e l'opinione pubblica internazionale sui temi della globalizzazione. Il vertice si apre sostanzialmente il 18 e 19 luglio con l'incontro a Roma dei Ministri degli affari esteri del G8 che pone le basi per le successive conclusioni della riunione dei Capi di Stato e di Governo. Nel corso di tale riunione, su iniziativa italiana, si segnala l'esigenza di approfondire la discussione con i movimenti e le associazioni di contestazione che accettano il dialogo e si dissociano dalla violenza. Questo dibattito dovr&agrave; proseguire a settembre nel corso della tradizionale riunione di lavoro dei Ministri degli esteri del G8 che si terr&agrave; a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. <p>Il vertice di Genova si apre, ufficialmente, il 20 luglio, con una riunione cui partecipano anche i Capi di Stato e di Governo di Algeria, Bangladesh, El Salvador, Mali, Nigeria, Senegal, Sudafrica, nonch&eacute; i vertici dell'ONU, della FAO, della Banca Mondiale, dell'Organizzazione mondiale del commercio e dell'Organizzazione mondiale della sanit&agrave;.<p>Tra il 20 e il 22 luglio si svolgono invece le riunioni dei Capi di Stato e di Governo del G7-G8, i cui esiti sono illustrati nel comunicato finale del vertice. Fra le pi&ugrave; significative decisioni assunte dai Capi di Stato e di Governo dei paesi pi&ugrave; industrializzati vi sono: la creazione di un gruppo di lavoro per la partnership Africa-G8; il lancio del fondo globale per la lotta all'AIDS, alla malaria e alla tubercolosi, cui viene assegnata immediatamente una disponibilit&agrave; di 1300 milioni di dollari da parte degli 8 paesi partecipanti al vertice e di 500 milioni di dollari provenienti dal settore privato; ulteriori progressi nel processo di cancellazione del debito dei paesi in via di sviluppo; il sostegno al lancio di un nuovo ciclo di negoziati globali in materia commerciale, fissando un'agenda pi&ugrave; equilibrata ed attenta ai temi che interessano i paesi in via di sviluppo; la valorizzazione dei sistemi di istruzione e di accesso alle opportunit&agrave; offerte dalle tecnologie digitali intese come un fattore essenziale di accelerazione dello sviluppo delle aree pi&ugrave; penalizzate del mondo; l'intento comune di affrontare costruttivamente il problema dei cambiamenti climatici. Si segnala infine l'esito positivo del confronto tra i Presidenti Bush e Putin in tema di difesa missilistica. <p>&#9;Il Vertice, pertanto, si conclude con un bilancio interamente positivo.
  • [Indice]<br>6) La presenza di esponenti politici <p>Nel corso delle giornate di svolgimento del vertice, oltre ai rappresentanti del Governo impegnati negli eventi ufficiali, sono presenti a Genova diversi esponenti politici.<p>Nelle giornate del 19, 20 e 21 luglio partecipano ai cortei ed alle manifestazioni, anche come componenti del cosiddetto "gruppo di contatto" incaricato di tenere i rapporti con i funzionari di pubblica sicurezza responsabili dell'ordine pubblico, i deputati Bertinotti, Cento, Deiana, Alfonso Gianni, Giordano, Mantovani, Mascia, Pisapia, Valpiana, Vendola, Zanella e il senatore Malabarba.<p>Il giorno 20 i deputati Ascierto, Bornacin e Bricolo effettuano, attorno alle ore 10-10.30, una visita di saluto presso la caserma del Comando provinciale dell'Arma dei carabinieri, soffermandosi nella sala stampa. Si trattengono pi&ugrave; a lungo del previsto (sino alle ore 16.30 circa) a causa della contingente inagibilit&agrave; delle vie adiacenti interessate dalle manifestazioni.<p>Peraltro, nella serata precedente avevano visitato le strutture alloggiative presso la Fiera e si erano recati in questura per un saluto al personale.<p>Il giorno 21 il Vice Presidente del Consiglio, on. Fini, si trova a Genova per la registrazione della trasmissione televisiva &quot;Porta a porta&quot; e in mattinata si reca in visita presso la prefettura e la questura di Genova; successivamente, accompagnato dai deputati Ascierto, Bornacin e Bricolo, visita il comando provinciale dell'Arma dei carabinieri e a causa dei disordini nei dintorni della caserma &egrave; costretto a prolungare la sua presenza sino al deflusso del corteo (ore 16.30 circa), su indicazione degli ufficiali dell’Arma. <p>Della presenza del ministro Castelli si riferir&agrave; in seguito.
  • <strong> [Indice]<br>A) La preparazione del Vertice</strong> <p>In vista dello svolgimento del vertice dei Capi di Stato e di Governo dei principali paesi industrializzati del 2001 sotto la presidenza italiana (cosiddetto G7/G8), il 4 dicembre 1999, il Presidente del Consiglio D’Alema annuncia l’intenzione del Governo di scegliere Genova come sede della riunione finale. Conseguentemente a questa decisione il Consiglio dei ministri approva, l’11 febbraio del 2000, un disegno di legge recante disposizioni per l’organizzazione di questo vertice a Genova.<p>L’individuazione di Genova quale sede del Vertice &egrave; motivata soprattutto dalla volont&agrave; di compensare la Regione per l’esclusione da alcuni finanziamenti dall’Unione europea, anche a costo di incontrare prevedibili e gravi difficolt&agrave; derivanti dalla configurazione orografica e urbanistica della citt&agrave;. Sulla scelta di Genova, operata dal Governo D'Alema, emerge il consenso successivo anche delle forze politiche che all'epoca erano all'opposizione.<p>Nel frattempo, proprio nei giorni in cui si decide la scelta di Genova, si conclude a Seattle la riunione annuale del WTO (30 novembre 1999 – 4 dicembre 1999) teatro di un’ampia e violenta contestazione da parte dei movimenti che si contrappongono alla globalizzazione economica. <p>Manifestazioni che si ripropongono anche a Davos (il 29 gennaio del 2000) in occasione del World Economic Forum e a Washington durante la riunione primaverile della Banca Mondiale (11-17 aprile 2000), con scontri di altissima violenza, distruzioni e devastazioni. Solo sporadici e lievi incidenti segnano invece due avvenimenti ospitati in Italia quell'anno: la mostra-convegno Tebio sulle biotecnologie (Genova 25 maggio 2000); il vertice dell'OCSE di Bologna (14-15 giugno 2000). Il 26 giugno 2000 si apre a Ginevra il vertice ONU sulla povert&agrave; che definisce obiettivi comuni a ONU, Banca Mondiale, Fondo monetario e OCSE. Le oramai consuete manifestazioni antiglobalizzazione si svolgono del tutto pacificamente.<p>Il disegno di legge per l’organizzazione del Vertice viene definitivamente approvato il 30 maggio del 2000, divenendo la legge n. 149 dell’8 giugno dello stesso anno. Questo provvedimento, tra l’altro, prevede l’istituzione di una apposita Struttura di missione, struttura della Presidenza del Consiglio che ha il compito di organizzare, per tutto l’anno di Presidenza italiana del G8, una serie di manifestazioni, tra le quali in particolare il vertice conclusivo dei capi di Stato e di governo di Genova; riunione preceduta da una serie di riunioni preparatorie, tutte organizzate dalla struttura di missione. Alla struttura &egrave; preposto quale responsabile il Ministro plenipotenziario Vinci Giacchi il 20 ottobre del 2000. <p>Gli altri componenti sono: la dottoressa Bassi, la dottoressa Gemma e la dottoressa La Pera della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il consigliere D’Alessandro del Ministero degli Affari esteri, la dottoressa Soderini del Ministero del Tesoro. Di essa fanno altres&igrave; parte il prefetto Gianni, il generale Lorenzetti, il dottor Loreto. Il 2 febbraio del 2001 il Presidente del Consiglio Amato delega al Ministro degli affari esteri Dini le sue funzioni di referente politico della struttura di missione medesima.<p>Il 21 luglio del 2000 si svolge in Giappone, ad Okinawa, il vertice G8 del 2000, senza particolari problemi di ordine pubblico che invece segnano successivi incontri internazionali ed in particolare la riunione annuale del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Praga (26-28 settembre 2000), il Consiglio europeo del 2000 (7 dicembre 2000). Nel frattempo si svolgono le prime riunioni preparatorie in vista del G8 di Genova. A Torino tra il 10 e l’11 novembre del 2000 si svolge in particolare la prima riunione dei ministri di settore, quella dei Ministri del lavoro del G8.<p>Con l’inizio del nuovo anno, il 10 gennaio del 2001, il Presidente del Consiglio dei ministri Amato inaugura, con una conferenza stampa, l’anno italiano di presidenza del G8. Contemporaneamente le associazioni che intendono organizzare manifestazioni di protesta a Genova, associatesi dapprima in una &quot;rete contro il G8&quot; (28 giugno 2000), si legano stabilmente in un &quot;Patto di lavoro&quot; (19 dicembre 2000 e 10 gennaio 2001).<p>Nei giorni successivi iniziano le attivit&agrave; di preparazione del Vertice nelle quali sono in primo luogo coinvolte le istituzioni locali. In particolare, il Presidente del Consiglio, il 19 gennaio del 2001, indica nel Prefetto il soggetto cui spetta questa opera di coordinamento. Il 24 gennaio e il 29 gennaio si tengono riunioni presso la Prefettura tra i rappresentanti di Regione, Provincia, Comune, Questura ed altri corpi di pubblica sicurezza per discutere dei problemi dell'accoglienza. Sempre il 29 gennaio viene ricevuta in Prefettura, alla presenza del Sindaco e di un rappresentante della regione, una delegazione del Patto di lavoro (al quale al momento aderivano 50 associazioni). L’opera di prendere contatti con i movimenti di protesta viene affidata dal Ministro Vinci Giacchi, responsabile della struttura di missione, all’architetto Margherita Paolini (30 gennaio 2001) che, anche prima della formalizzazione del suo incarico, su iniziativa dell’Ambasciatore Olivieri, addetto diplomatico del Presidente del Consiglio Amato, sin dall’ottobre del 2000 aveva ricevuto l’incarico di occuparsi dei rapporti con le componenti propositive del dissenso al G8. <p>A febbraio si svolge, quindi, una serie di riunioni presso la Prefettura tra i soggetti istituzionali coinvolti nell’organizzazione del Vertice. In particolare, i rappresentanti della Regione, del Comune e della Provincia si mostrano favorevoli ad accogliere manifestazioni del dissenso purch&eacute; contenute tra il 27 giugno ed il 15 luglio, ad una settimana, dunque, prima dell’inizio del Vertice. Questa posizione (formalizzata l'8 febbraio 2001) &egrave; comunicata (dall'architetto Paolini) ai rappresentanti del &quot;Patto di lavoro&quot; (che l’8 marzo del 2001 si trasformer&agrave; nel Genoa Social Forum a seguito dell’adesione di molte associazioni e movimenti internazionali), i quali tuttavia insistono nella loro richiesta di manifestare a Genova contemporaneamente allo svolgimento del Vertice. <p>Negli stessi giorni, a livello internazionale, si svolge una serie di riunioni preparatorie del Vertice di Genova: l’incontro dei Ministri delle finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G7 a Palermo (17 febbraio 2001); l’incontro dei Ministri dell’interno e della giustizia del G8 (Milano, 26-27 febbraio 2001); l’incontro dei Ministri dell’ambiente del G8 (Trieste, 2-4 marzo 2001).<p>Il 9 marzo il Ministro degli affari esteri Dini invia al Ministro dell’interno Bianco una lettera per richiamare i problemi che si pongono nel dialogo con le associazioni che intendono manifestare a Genova.<p>Gravi incidenti si verificano a Napoli il 17 marzo 2001, in occasione del Global Forum organizzato dal Governo italiano con il patrocinio delle Nazioni Unite e dell’OCSE cui partecipano delegazioni governative di 122 Paesi. Negli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine vi sono circa 100 feriti. <p>Viene affidato al Prefetto di Genova un apposito mandato da parte del Presidente del Consiglio Amato (4 aprile) a tenere i rapporti con il GSF, che porta ad un incontro (5 aprile 2001) tra il Capo di Gabinetto del Ministro dell’interno, il Prefetto ed una piccola delegazione del Genoa Social Forum. Lo stesso GSF manifesta apprezzamento perch&eacute; il Governo avrebbe accettato di non sospendere il Trattato di Schengen e la concomitanza delle manifestazioni.<p>Il confronto tra istituzioni e GSF si arresta il 20 aprile dopo un lungo incontro svoltosi nella Prefettura di Genova tra il Prefetto ed una delegazione del Genoa Social Forum che non recede dall’intenzione di svolgere manifestazioni negli stessi giorni del Vertice. E’ in queste settimane che si registra una &quot;stagnazione&quot; operativa a livello governativo, segnalata tra gli altri nell’audizione dell’architetto Paolini. <p>Manifestazioni antiglobalizzazione si ripropongono in quei giorni (20-22 aprile 2001) a Quebec City, in Canada, in occasione del Vertice delle Americhe. Anche in quei giorni vi sono gravi incidenti tra forze dell’ordine e contestatori. Mentre nel Vertice dei ministri dell’ambiente dei paesi aderenti al G8, svoltosi a Trieste, non si sono registrati incidenti. <p>Dopo le elezioni politiche del 13 maggio, il 31 maggio dello stesso mese, costituite le nuove Camere, il Presidente Amato rassegna le dimissioni del suo Governo. Le notizie allarmanti sulle manifestazioni antiglobalizzazione spingono il Ministro degli esteri Dini, il 14 maggio, ad inviare una lettera al Presidente del Consiglio Amato per segnalare l'urgenza di predisporre "un piano dettagliato e credibile per la sicurezza e l'ordine pubblico". Nei giorni seguenti si svolgono a Roma (22 maggio e 8 giugno) due riunioni tra i vertici della Farnesina, i responsabili dell'ordine pubblico e gli ambasciatori dei paesi del G8. Nella prima di queste riunioni il Capo della Polizia De Gennaro illustra il quadro della sicurezza generale predisposto per il vertice.<p>Le preoccupazioni per il mantenimento dell’ordine pubblico durante lo svolgimento del Vertice motivano l’ordinanza del Prefetto di Genova del 2 giugno 2001 che disegnava il quadro complessivo delle misure di sicurezza. Nei giorni precedenti (pi&ugrave; esattamente a partire dal 14 febbraio) si decide, proprio per assicurare condizioni di sicurezza nello svolgimento del Vertice, di alloggiare le delegazioni su sei navi nel porto di Genova. Fra queste la European Vision. E solo a met&agrave; giugno, si pu&ograve; avere un quadro abbastanza preciso della sistemazione definitiva sulle navi sia delle delegazioni ufficiali, sia dei giornalisti. Solo il Presidente Bush ed i suoi pi&ugrave; stretti collaboratori non accolse la proposta ed accetta, solo nella seconda met&agrave; di giugno, di essere ospitato in un albergo collocato nella "zona rossa", sul porto, invece che a Rapallo come inizialmente programmato. <p>Il 10 giugno entra in carica il Governo Berlusconi che si trova subito impegnato in importanti scadenze internazionali. Il 14 e 15 giugno, infatti, si svolge a Goteborg il Consiglio europeo. In quella occasione si tiene anche un vertice tra Unione europea e Stati Uniti. La citt&agrave; di Goteborg &egrave; teatro, in quei giorni, di aspri scontri tra manifestanti e forze dell’ordine; negli scontri viene gravemente ferito un giovane dimostrante. Le preoccupazioni di analoghi scontri causati da manifestazioni antiglobalizzazione inducono la Banca mondiale ad annullare la riunione prevista a Barcellona tra il 25 ed il 27 giugno. Il Ministro degli affari esteri Ruggiero sin dal 16 giugno segnala la necessit&agrave; di insistere nel dialogo con i manifestanti e pi&ugrave; in generale con l’opinione pubblica internazionale sui temi del governo della globalizzazione. L’obiettivo del Governo &egrave; quello di fare del Vertice di Genova un'occasione privilegiata di dialogo tra il Nord ed il Sud del mondo, in grado di fornire delle risposte concrete alle istanze sempre pi&ugrave; pressanti circa l’esigenza di uno sviluppo equilibrato e sostenibile. Questi sforzi sono culminati in una serie di incontri e manifestazioni che denotano l’intendimento del Governo stesso di avviare, nei tempi ristretti in cui era costretto ad operare, un confronto aperto e &quot;morbido&quot; con i movimenti antiglobalizzazione. Tra questi si ricordano gli incontri del 20 e 21 giugno al Viminale tra il Ministro Ruggiero, il Ministro Scajola, gli onorevoli Francescato e Bertinotti ed una delegazione di parlamentari liguri che esprimono apprezzamento per la linea di dialogo intrapresa dal nuovo esecutivo; ma allo stesso tempo taluni sottolineano la necessit&agrave; che tale disponibilit&agrave; al dialogo trovi ulteriore conferma attraverso l’approntamento di strutture di accoglienza e la garanzia per i manifestanti di poter raggiungere Genova attraverso treni, pullman e altri mezzi di trasporto. Cose che verranno realizzate. <p>Negli stessi giorni sono poste le basi per la organizzazione, alla vigilia del Vertice di Genova, di una riunione con eminenti personalit&agrave; indipendenti di riconosciuta autorit&agrave; morale (incontro che si svolge a Roma il 13 luglio, alla presenza del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio e del Ministro degli esteri, cui partecipano l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Robinson, il premio Nobel Rita Levi Montalcini, l’ex Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, signora Ogata, l’arcivescovo brasiliano De Almeida ed il pakistano Sattar Edhi).<p>Le iniziative del nuovo Governo di introdurre nell’agenda del G8 i temi del riequilibrio dei rapporti tra il Nord ed il Sud del mondo furono oggetto di vari dibattiti parlamentari: nell’Assemblea della Camera, il 3 e il 4 luglio, l’11 luglio nell’Aula del Senato con l’approvazione di atti di indirizzo; nelle Commissioni affari esteri di Camera (4 luglio) e Senato (10 luglio) nonch&eacute; di un intenso giro di incontri del Ministro degli affari esteri Ruggiero a Parigi (26 giugno), a Berlino (27 giugno), a Londra (5 luglio), a Madrid (9 luglio) ed a Roma, l’11 luglio, con il Presidente di turno del Consiglio dei ministri degli esteri dell’UE, il belga Michel. Queste iniziative del Governo italiano sono riprese nelle conclusioni della riunione del Consiglio affari generali dell’Unione europea tenutosi a Bruxelles il 16 luglio, ove i 15 Ministri degli affari esteri dell’Unione si sono ulteriormente soffermati sull’importanza di fornire chiari segnali dei Governi circa la volont&agrave; di dialogo con settori della societ&agrave; civile sui temi della globalizzazione.<p>Nel frattempo, il 19 giugno, il Ministro dell'Interno Scajola incontra i rappresentanti degli enti locali liguri. <p>Il Capo della Polizia ha, il 24 giugno, un primo incontro con i rappresentanti delle associazioni che contestano il vertice. Per dare un segno tangibile alla volont&agrave; di dialogo con le organizzazioni di protesta, la Camera dei deputati il 21 giugno 2001, nel convertire il decreto-legge n. 160 del 2001 (recante ulteriori risorse finanziarie per lo svolgimento del Vertice G8) approva un emendamento, presentato dal Governo e illustrato in Aula dal Ministro Scajola, che prevede lo stanziamento di tre miliardi a favore degli enti locali e della regione Liguria per allestire "spazi di servizio, aree e strutture attrezzate per l'accoglienza dei cittadini che intendono partecipare ad iniziative o raduni in cui esprimere liberamente la propria opinione in merito al G8''. Il 28 giugno una delegazione di 15 persone del Genoa Social Forum, guidata dal portavoce, dottor Agnoletto, incontra alla Farnesina i Ministri degli affari esteri e dell’interno, Ruggiero e Scajola. Il Genoa Social Forum appare in quel momento un soggetto rappresentativo del vasto arcipelago della protesta parlando a nome di oltre 750 associazioni ed organizzazioni non governative. In quell’occasione il Ministro degli affari esteri illustra un’agenda del Vertice che si sarebbe dovuto concentrare sulla fissazione di una strategia integrata per la lotta contro la povert&agrave; nel mondo. I rappresentanti del ministero dell’interno in quell’occasione evidenziano i problemi di ordine pubblico al fine di incanalare le manifestazioni di protesta in forme civili e non violente. L’obiettivo manifestato dai rappresentanti del GSF &egrave; quello di ottenere spazi ed occasioni perch&eacute; nei giorni del vertice, a Genova, possa svolgersi tutta una serie di eventi da loro ritenuti importanti, escludendo ogni ipotesi di manifestazione violenta. A questo incontro seguono altri incontri del Ministro degli affari esteri con associazioni quali i giovani missionari e le associazioni sindacali (3 luglio). Il 14 luglio il Ministro degli affari esteri ha, invece, un incontro-dibattito con i rappresentanti delle &quot;Associazioni ONG italiane&quot; che riunisce 165 organizzazioni non governative nazionali di area laica e cattolica ed altre 65 del &quot;Forum permanente del terzo settore&quot; (tra queste associazioni ve ne erano diverse aderenti al Genoa Social Forum).<p>Il 28 giugno il prefetto Andreassi viene nominato componente della struttura di missione in sostituzione del prefetto Gianni; mentre il 30 giugno il Capo della Polizia De Gennaro ha un secondo incontro con i rappresentanti del GSF. Seguono riunioni tra i rappresentanti degli enti locali, prefetto e questore, per definire le modalit&agrave; di accoglienza dei manifestanti (2-5 luglio) che comunicano, nei giorni seguenti, i luoghi di svolgimento delle manifestazioni. Per l'accoglienza dei manifestanti e l’organizzazione delle loro iniziative il Comune di Genova e la Provincia consegnano a rappresentanti del GSF una serie di strutture pubbliche, tra le quali le scuole Diaz-Pascoli e Pertini (11 e 16 luglio) ed il campo sportivo Carlini (15 luglio), nonch&eacute; materiali e attrezzature per organizzare, presso la scuola Diaz-Pascoli, un centro stampa (12 luglio) . Lo stesso giorno (12 luglio) la Giunta comunale di Genova approva il piano di accoglienza dei manifestanti. Segue, il 16 e il 18 luglio, la consegna, sempre da parte del comune e della provincia, a rappresentanti del GSF, di altre strutture pubbliche. Tutte le consegne vengono fatte a vari soggetti per conto del GSF, vista la non rappresentativit&agrave; legale dello stesso.<p>La preparazione diplomatica del vertice di Genova si compie con le riunioni dei Ministri delle finanze del G7 (7 luglio) e degli esteri del G8 (18-19 luglio) che, per ragioni di sicurezza, si svolgono a Roma a Villa Madama e non in localit&agrave; della Liguria, come preventivamente programmato. Nel frattempo, il 7 luglio, si tiene a Genova una giornata di sensibilizzazione e studio sui temi del G8 a cura della Conferenza Episcopale, cui partecipa anche il Segretario Generale della Farnesina Vattani.
  • [Indice]<br>5) La giornata del 21 luglio Nel corso della giornata si ripetono gli scontri tra manifestanti e forze di polizia, e gli episodi di danneggiamenti nei confronti di edifici privati, esercizi pubblici, autovetture ed arredi urbani. La situazione risulta particolarmente grave soprattutto a partire dal primo pomeriggio, in concomitanza con lo svolgimento del &quot;corteo internazionale&quot;: in questa fase, per far fronte allo stato di emergenza venutasi a creare nei pressi della zona Fiera, la sala operativa interforze della Questura ordina al personale del Corpo della Guardia di Finanza di schierarsi a supporto dei reparti di Polizia, al fine di fronteggiare i manifestanti. I momenti di maggiore tensione insorgono quando la testa del corteo trova di fronte a s&eacute; un gruppo di un centinaio di persone che fronteggia le forze dell’ordine, determinando incidenti, lanci di lacrimogeni e cariche di polizia, che coinvolgono il corteo. <p>Sempre nel corso del corteo le forze di polizia provvedono alla perquisizione di furgoni ritenuti contenere armi improprie, procedendo in alcuni casi al sequestro di materiale ed all’arresto di alcune persone.<p>Durante l’arco della giornata si ripetono altres&igrave; gli attacchi, gi&agrave; verificatisi nei giorni precedenti, al Comando provinciale dei carabinieri di Forte San Giuliano.
  • <p> [Indice]<br>4) La giornata del 20 luglio. La morte di Carlo Giuliani <p>Nel contesto dei duri scontri tra gruppi di manifestanti violenti e forze dell’ordine che si svolgono nel corso del pomeriggio del 20 luglio si sviluppano gli eventi drammatici di Piazza Alimonda, che si concludono con la morte di Carlo Giuliani. <p>Un contingente di circa 100 carabinieri, intervenuto in via Caffa per dare ausilio ad altri reparti gi&agrave; impegnati nella zona, viene a trovarsi accerchiato da gruppi di manifestanti e costretto a ritirarsi disordinatamente verso Piazza Alimonda. Nella piazza due camionette dei carabinieri tipo Land Rover, utilizzate per funzioni di supporto logistico ai reparti, rimangono isolate all’interno del gruppo di manifestanti e sono dagli stessi attaccate. Una delle due camionette riesce ad allontanarsi, mentre l’altra resta bloccata e subisce un’ulteriore violenta aggressione.<p>Uno dei carabinieri rimasto rinchiuso nella camionetta assediata da decine di dimostranti esplode un colpo di pistola che uccide il manifestante Carlo Giuliani, il quale si accingeva a scagliare un estintore all’indirizzo del carabiniere e dopo che lo stesso carabiniere era stato raggiunto al capo da un violento colpo di spranga infertogli da un altro manifestante. <p>In relazione a questo specifico episodio, anche in considerazione del procedimento pendente davanti all’autorit&agrave; giudiziaria che dovr&agrave; pronunziarsi sulle responsabilit&agrave; individuali dei protagonisti della vicenda, il Comitato paritetico si &egrave; soffermato piuttosto sulla raffigurazione della situazione complessiva dalla quale &egrave; poi derivato il tragico evento.<p>E’ stato oggetto di particolare attenzione il sistema delle comunicazioni tra i contingenti impiegati nei servizi di ordine pubblico e i loro comandanti e le sale operative, al fine di verificare le modalit&agrave; di coordinamento tra i diversi reparti.
  • <strong>Documenti audiovideo Tutte le audizioni (in sede di Comitato bicamerale) Inizio discussione in I Commissione Senato (18.9.2001) Seguito Discussione in I Commissione Senato (19.9.2001) Votazione documento conclusivo in I Commissione Senato (20.9.2001)</strong>
  • <p> [Indice]<br>3) La giornata del 20 luglio. Via Tolemaide<p>Le cariche delle forze di polizia nei confronti del corteo sono iniziate quando lo stesso transitava in zona (via Tolemaide, angolo Corso Torino), non vietata sebbene ormai molto adiacente a piazza Verdi, individuata nel provvedimento del questore del 19 luglio come limite al proseguimento del corteo.<p>Dalla relazione di servizio del funzionario di polizia responsabile in quella zona e dalla audizione dello stesso questore Colucci si &egrave; per&ograve; appreso che i reparti delle forze dell’ordine giunti in via Tolemaide, a seguito di segnalazioni da parte della sala radio che informavano di scontri in corso sul luogo anche precedentemente all'arrivo del corteo, furono oggetto di un nutrito lancio di bottiglie molotov e di pietre e che le prime file dei manifestanti, per lo pi&ugrave; travisati e dotati di protezioni di vario genere, procedevano incendiando pneumatici e automezzi. Si manifestava, pertanto, gi&agrave; prima che il corteo raggiungesse piazza Verdi, l’evidente intenzione di violare i limiti posti al suo svolgimento. Lo stesso Casarini, nel corso dell’audizione, riferiva che, giunto all’altezza dello sbarramento delle forze dell’ordine, il corteo si apprestava a superarlo con quello che lo stesso Casarini ha definito: &quot;un gesto di disobbedienza civile&quot;.<p>Il ministro, on. Scajola, nel corso della sua audizione, ha dato notizia di una indagine amministrativa condotta dal ministero stesso al fine di chiarire le precise modalit&agrave; di svolgimento dei fatti in precedenza descritti.
  • <p> [Indice]<br>2) La giornata del 20 luglio Sia il 20 che il 21 luglio l’intenzione di gestire in maniera morbida l’ordine pubblico si scontra con provocazioni di massa determinate dall’intrecciarsi – non ostacolato dagli organizzatori – di una folla di circa 10.000 violenti con le manifestazioni pacifiche; da tale intreccio risulta l’impossibilit&agrave; di separare i violenti dai non violenti.<p>Nella giornata sono programmate manifestazioni consistenti nelle cosiddette "piazze tematiche", avvenimenti ipotizzati anche per attenuare la tensione in citt&agrave;.<p>Gli episodi di violenza sono derivati anche dalle incursioni di gruppi di black bloc all'interno di pacifiche manifestazioni statiche (piazze tematiche).<p>La giornata del 20 luglio si caratterizza fin dalle prime ore del mattino per numerosi episodi di violenza, dovuti, secondo le dichiarazioni rese dai rappresentanti delle forze dell’ordine al Comitato, in alcuni casi allo svolgimento del corteo, in parte degenerato in scontri di piazza, in altri al tentativo, da parte di alcuni manifestanti, di forzare le barriere poste a protezione della zona rossa. <p>Gli episodi pi&ugrave; gravi hanno luogo soprattutto nei quartieri di Brignole, Foce, Marassi e San Martino. Particolarmente aggressiva e violenta e per le tattiche adottate, poco controllabili, risulta l’attivit&agrave; degli esponenti del cosiddetto blocco nero, i quali occupavano lo spazio di Piazza Paolo Da Novi originariamente destinato al Network e compivano numerosi atti di devastazione. In particolare, viene data alle fiamme un’agenzia della BNL ed un supermercato adiacente, con interessamento di abitazioni sovrastanti, viene devastata un’agenzia del Credito italiano, e si registra il danneggiamento di una ricevitoria del lotto, di distributori di carburante e vetrine di negozi, nonch&eacute; la distruzione di numerose autovetture.<p>Gli incidenti proseguono anche nel pomeriggio, soprattutto nella zona di levante della citt&agrave;, a partire dall’attacco al carcere di Marassi, iniziato alle 14,30 e proseguito con numerosi scontri concentrati soprattutto nella zona di piazza Manin.<p>Particolarmente grave risulta la situazione nella zona di corso Italia, dove, dopo ripetuti scontri, un contingente di circa 100 carabinieri viene accerchiato da gruppi di manifestanti, tra Piazza Alimonda e via Caffa, e costretto a ritirarsi disordinatamente: in tale contesto si inquadra l’episodio, avvenuto in Piazza Alimonda alle 17,20, dell’uccisione di Carlo Giuliani. <p>Nel pomeriggio ha luogo, senza che si verifichino incidenti di sorta, il corteo dell’organizzazione sindacale CUB, nella zona di ponente della citt&agrave;.<p>Nel corso della giornata il Comando provinciale dei Carabinieri di Forte San Giuliano, che gi&agrave; era stato obiettivo di violenze nel corso del 19 luglio, viene nuovamente attaccato per due volte; vengono altres&igrave; assaliti o fatti oggetto di atti vandalici la caserma della Compagnia Carabinieri di Genova San Martino e il Comando Regionale Ligure della Guardia di Finanza di via Nizza.<p>Nella serata del 20 il Questore di Genova dispone, a seguito dell’episodio che ha causato la morte di Carlo Giuliani, la sostituzione dei contingenti dell’Arma dei carabinieri di cui era previsto l’impiego nella giornata del 21 con contingenti della Polizia di Stato.
  • <p> [Indice]<br>1) La giornata del 19 luglioIn generale, la giornata del 19, sul piano dell’ordine pubblico, non registra episodi significativi: in particolare, nel corso della medesima giornata, il corteo dei &quot;Migrantes&quot;, organizzato dal Genoa Social Forum, ha luogo pacificamente, senza che si verifichino incidenti di sorta.<p>Tale manifestazione in particolare ha luogo con una larga partecipazione e si svolge secondo le modalit&agrave; programmate in un clima sereno. Analogamente si svolge nella stessa giornata in modo del tutto pacifico la manifestazione delle donne iraniane.<p>Alcuni episodi violenti si registrano tuttavia a partire dalla serata, quando il Comando provinciale dei Carabinieri di Forte San Giuliano &egrave; fatto oggetto di una sassaiola nonch&eacute; di atti vandalici. Nella stessa serata le forze di polizia, su richiesta del Presidente della Provincia di Genova che faceva presente tra l'altro che le persone che occupavano i locali del complesso Se.Di. erano in numero superiore a quello per il quale era stato consegnato l'edificio e che risultava che alcuni degli stessi occupanti si stavano munendo di armi improprie, intervengono presso l’asilo nido di via G. Maggio 3, situato nel complesso Se.Di., precedentemente concesso in uso al Genoa Social Forum, nel timore di danneggiamenti all’interno della struttura. Gli interventi delle forze dell’ordine presso l’asilo di via Maggio si ripeteranno anche nelle prime ore del 20 e nella mattina del 21 luglio, in quest’ultimo caso su sollecitazione dell’assessore provinciale Massolo.
  • <p><strong> [Indice]<br>F) Le giornate del 19, 20 e 21 luglio: Le manifestazioni e gli scontri</strong> <p>Nei paragrafi seguenti sono sinteticamente elencati gli avvenimenti relativi alle manifestazioni ed agli scontri verificatisi nelle giornate del 19, 20 e 21 luglio, sulla base dei dati e delle informazioni forniti al Comitato paritetico nel corso delle audizioni svolte.
  • <strong> [Indice]<br>E) Il piano di sicurezza: l'adozione di zone di rispetto e i provvedimenti per lo svolgimento delle manifestazioni</strong> <p>L'11 agosto 2000 si tiene una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica nel quale si affrontano i problemi relativi alla pianificazione del progetto sicurezza ed in particolare la necessit&agrave; di costituire zone di rispetto nonch&eacute; di individuare zone della citt&agrave; dove far svolgere le manifestazioni di dissenso.<p>Il 23 gennaio 2001 una lettera del coordinamento nazionale delle associazioni del dissenso ribadisce le richieste gi&agrave; avanzate precedentemente dai diversi movimenti e comunica la disponibilit&agrave; ad affrontare il problema relativo agli spazi destinati alle manifestazioni.<p>L'11 aprile del 2001 con lettera del Genoa social forum viene formulata in modo dettagliato la richiesta di spazi per incontri e manifestazioni.<p>Dopo la gi&agrave; citata lettera del 9 marzo,<strong> </strong>tra il 14 maggio e il 18 maggio il ministro Dini scrive al Presidente del Consiglio onorevole Amato e al Ministro Bianco per sollecitare misure e interventi per ci&ograve; che riguarda l’apprestamento di definitive misure sul terreno dell’ordine pubblico.<p>Dopo che il 23 maggio il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica ha esaminato il tema della delimitazione della zona rossa ed i problemi relativi alla circolazione stradale, ferroviaria e marittima, il successivo 24 maggio, presso il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica sul G8, il prefetto di Genova presenta la pianificazione del sistema di sicurezza. <p>Il successivo 2 giugno il prefetto emana, cos&igrave;, l'ordinanza che istituisce una "zona rossa" di massima sorveglianza (per i giorni dal 18 al 22 luglio) e, intorno, un’area di sicurezza, definita "zona gialla", al cui interno si vietano pubbliche manifestazioni di qualsiasi genere, rimettendo al questore - secondo quanto dallo stesso dottor Colucci asserito - la valutazione in momento delle ragioni di ordine e sicurezza pubblica preponderanti, rispetto al diritto di manifestare, in riferimento ad ogni singola manifestazione. L'ordinanza, che rinvia la perimetrazione dettagliata delle zone ad un successivo provvedimento del questore, chiude al traffico, nei giorni considerati, il porto, l'aeroporto, la sopraelevata, la metropolitana leggera e sospende altres&igrave; i cantieri. <p>Viene quindi costituito, con ordinanza del prefetto del 13 giugno, un organismo di collegamento per la programmazione e l'adozione di misure necessarie a tutelare le primarie esigenze di sicurezza delle sedi direttamente interessate dal Vertice. Viene altres&igrave; fissata la data del 15 luglio per ultimare le operazioni di bonifica di Palazzo ducale e degli immobili ubicati nella zona rossa.<p>Con successiva ordinanza del 20 giugno 2001 il questore di Genova provvede alla dettagliata delimitazione del perimetro della zona rossa e della zona gialla a seguito dell'ordinanza prefettizia del 2 giugno.<p>Il 12 luglio 2001 il TAR Liguria con due distinte ordinanze (nn. 944/2001 e 945/2001) respinge le domande incidentali presentate allo stesso tribunale, da soggetti privati direttamente riconducibili al GSF, al fine di ottenere la sospensiva dell’ordinanza prefettizia n. 288/D.P. del 2 giugno 2001 istitutiva, tra l’altro, delle zone interdette per motivi di sicurezza e ordine pubblico (zona rossa e zona gialla) .<p>In pari data il questore di Genova adotta, quindi, un’ordinanza di servizio (2143/R), anche attuativa dell’ordinanza prefettizia del 2 giugno precedente, che rappresenta, cos&igrave; come &egrave; stato affermato in sede di audizione dal dottor Colucci, allora questore di Genova, il documento che conclude 12 mesi di lavoro istruttorio e che costituisce, insieme alle successive ordinanze in parte modificative della stessa, la principale e pi&ugrave; articolata fonte di riferimento per tutto ci&ograve; che riguarda l’ordine e la sicurezza nelle giornate del vertice.<p>In tale ordinanza, infatti, si trovano rappresentate analiticamente le caratteristiche dell’area interessata al vertice e alle manifestazioni, le informazioni attinenti ai programmi e agli alloggiamenti delle singole delegazioni, le disposizioni di sicurezza da attivare nelle diverse zone, la previsione dei singoli servizi di sicurezza, la strutturazione delle diverse sale radio con l’istituzione di una sala radio interforze nonch&eacute; le informazioni fino ad allora disponibili sul fronte della protesta anti-G8. <p>In particolare, per quest’ultimo aspetto vengono elencate le caratteristiche del fronte eterogeneo della protesta, individuando quattro &quot;blocchi&quot; (rosa, giallo, blu e nero) a seconda delle diverse modalit&agrave; di protesta attuate dai singoli blocchi ed in base quindi all’appartenenza dei diversi gruppi di manifestanti ad un fronte moderato, intenzionato cio&egrave; a manifestare pacificamente e senza disordine, o ad un fronte radicale disposto ad arrivare all'utilizzo di forme di protesta pi&ugrave; incisive fino all’uso della violenza. Va precisato, peraltro, che dei blocchi cos&igrave; individuati si &egrave; rivelata numericamente prevalente la componente non violenta. <p>Si elencano analiticamente, e sulla base dell’attivit&agrave; informativa fino ad allora eseguita, le possibili modalit&agrave; della protesta e delle eventuali azioni violente, gli arrivi previsti dalle diverse citt&agrave; italiane nonch&eacute; dall’estero ed il numero e le caratteristiche dei manifestanti in arrivo.<p>Nella stessa ordinanza si d&agrave; conto, anche ai fini della predisposizione dei necessari servizi di ordine pubblico, delle manifestazioni di cui fino a quel momento era stato dato preavviso; in particolare l’ordinanza d&agrave; conto e predispone i susseguenti servizi d’ordine pubblico per la manifestazione internazionale dei migranti prevista per il 19 luglio e per la manifestazione internazionale con corteo del 21 luglio. La stessa ordinanza del 12 luglio d&agrave; conto del preavviso di alcune manifestazioni da svolgersi nella giornata del 20 luglio; si tratta della manifestazione organizzata dal C.U.B. e di una serie di manifestazioni di piazza in forma statica nonch&eacute; di un corteo lungo tutto il perimetro della zona di svolgimento del vertice. Per tali manifestazioni, sussistendo secondo l’ordinanza motivi ostativi sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, si rappresenta la necessit&agrave; di procedere ad ulteriori valutazioni riservandosi, alla data del 12 luglio, le determinazioni al riguardo.<p>In data 16 luglio perviene alla questura il preavviso definitivo, recante sostanziali modifiche, riguardante le manifestazioni del 20 luglio e in data 17 e 19 luglio vengono adottati due provvedimenti da parte del questore in riferimento a tali manifestazioni.<p>In particolare, con provvedimento del 19 luglio, il questore vieta manifestazioni in alcune piazze e, per quanto riguarda il corteo lungo il perimetro della zona di svolgimento del Vertice, ne vieta la prosecuzione oltre Piazza Verdi.<strong> </strong>In pari data dispone la rimozione dei cassonetti.<p>Tali determinazioni si fondano sulla circostanza che alcuni luoghi nei quali sono programmate le suddette manifestazioni si trovano in parte nell’area di massima sicurezza (&quot;zona rossa&quot;) e in parte nelle immediate adiacenze dei palazzi che ospitano i lavori del Vertice e delle iniziative collaterali, in cui insistevano consistenti servizi di sicurezza nonch&eacute; sedi istituzionali ("zona gialla"). <p>Sulla base di tali determinazioni, sempre il 19 luglio, viene adottata dal questore un’ordinanza di servizio, in parte modificativa e comunque a carattere integrativo di quella adottata il 12 luglio, contenente la disciplina dei servizi di ordine e sicurezza pubblica del giorno 20 luglio .
  • <strong> [Indice]<br>SENATO DELLA REPUBBLICA </strong></strong> <strong>Commissione Affari costituzionali, affari della Presidenza del Consiglio e dell'Interno, ordinamento generale dello Stato e della pubblica amministrazione</strong> <strong>INDAGINE CONOSCITIVA SUI FATTI ACCADUTI IN OCCASIONE DEL VERTICE DEL G8 TENUTOSI A GENOVA</strong> <strong>DOCUMENTO CONCLUSIVO</strong>20 settembre 2001Introduzione<p>Dopo i fatti accaduti in occasione del Vertice G8 di Genova (19-22 luglio 2001), gi&agrave; il 23 luglio la Commissione affari costituzionali del Senato era riunita per ascoltare le comunicazioni del Ministro dell'interno Scajola a proposito di quei fatti.<p>Il 24 luglio 2001, presso la Commissione affari costituzionali del Senato, la senatrice Dentamaro, insieme a 8 altri senatori dell'opposizione (dei gruppi Magherita, Democratici di sinistra, Verdi), richiedeva, ai sensi dell'art. 48-bis del Regolamento, lo svolgimento di un'indagine conoscitiva. Successivamente, il 1° agosto, dagli stessi Gruppi di opposizione era presentata in Senato una proposta di inchiesta parlamentare sui fatti di Genova. Sia la proposta di indagine conoscitiva, sia la proposta di inchiesta erano tempestivamente iscritte all'ordine del giorno della Commissione affari costituzionali del Senato. Nella seduta antimeridiana del 1° agosto il Senato discuteva, respingendola, una mozione di sfiducia individuale, proposta dai Gruppi dell'opposizione nei confronti del Ministro dell'interno Scajola. Subito dopo la Commissione affari costituzionali del Senato conveniva all'unanimit&agrave; di procedere a una indagine conoscitiva sui fatti accaduti in occasione del Vertice G8 tenutosi a Genova. Contestualmente, la Commissione affari costituzionali della Camera dei deputati, in sede di Ufficio di Presidenza, conveniva su analoga proposta.<p>Conseguentemente, il 2 agosto i Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati procedevano a un'intesa circa lo svolgimento congiunto dell'indagine conoscitiva da parte delle Commissioni affari costituzionali dei due rami del Parlamento.<p>L'intesa prevedeva che le due Commissioni avrebbero svolto l'indagine costituendo un apposito Comitato paritetico costituito da 36 membri (18 deputati e 18 senatori), ripartiti tra i Gruppi secondo i criteri della rappresentativit&agrave; e della proporzionalit&agrave;, nel rispetto del margine di maggioranza. <p>Nella riunione del 3 agosto 2001 gli Uffici di presidenza, integrati dai rappresentanti dei gruppi delle due Commissioni procedevano alla costituzione del Comitato paritetico. In quella sede si conveniva di identificare l'oggetto dell'indagine nei termini indicati dalla Commissione affari costituzionali del Senato ("i fatti accaduti in occasione del Vertice G8 tenutosi a Genova"). <p>Il Comitato &egrave; stato composto dai deputati Donato Bruno (FI), Fabrizio Cicchitto (FI), Filippo Mancuso (FI), Nitto Francesco Palma (FI), Michele Saponara (FI), Luciano Violante (DS-U), Antonio Soda (DS-U), Grazia Labate (DS-U), Katia Zanotti (DS-U), Gianfranco Anedda (AN), Roberto Menia (AN), Filippo Ascierto (AN), Gianclaudio Bressa (Margherita, DL-L'Ulivo), Giannicola Sinisi (Margherita, DL-L'Ulivo), Marco Boato (Misto), Erminia Mazzoni (CCD-CDU - Biancofiore), Pietro Fontanini (LNP), Graziella Mascia (RC) e dai senatori Gabriele Boscetto (FI), Luciano Falcier (FI), Maria Claudia Ioannucci (FI), Andrea Pastore (FI), Antonio Tomassini (FI), Franco Bassanini (DS-U), Massimo Villone (DS-U), Antonio Iovene (DS-U), Luciano Magnalb&ograve; (AN), Luigi Bobbio (AN), Ida Dentamaro (Margherita, DL-L'Ulivo), Pierluigi Petrini (Margherita, DL-L'Ulivo), Antonio Del Pennino (Misto), Cesare Marini (Misto), Graziano Maffioli (CCD-CDU - Biancofiore), Cesarino Monti (LNP), Sauro Turroni (Verdi - L'Ulivo) e Alois Kofler (Per le autonomie).<p>Sulla base delle intese raggiunte negli Uffici di presidenza integrati dai rappresentanti dei gruppi delle due Commissioni, l'Ufficio di presidenza del Comitato &egrave; stato cos&igrave; costituito: Presidente il deputato Donato Bruno; Vicepresidenti, il deputato Gianfranco Anedda e il senatore Franco Bassanini; Segretari, il deputato Gianclaudio Bressa e il senatore Graziano Maffioli nonch&eacute;, quali rappresentanti dei Gruppi parlamentari, il deputato Michele Saponara (Forza Italia), il deputato Luciano Violante (Democratici di sinistra), il senatore Luciano Magnalb&ograve; (Alleanza nazionale), il deputato Giannicola Sinisi (Margherita), il deputato Marco Boato (Misto), la deputata Erminia Mazzoni (CCD-CDU, Biancofiore), il deputato Pietro Fontanini (Lega Nord-Padania), il senatore Alois Kofler (Autonomie), il senatore Sauro Turroni (Verdi), la deputata Graziella Mascia (Rifondazione comunista).<p>Il Presidente della Commissione affari costituzionali del Senato, senatore Andrea Pastore ha partecipato ai lavori del Comitato paritetico e dell' Ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi anche per garantire continuit&agrave; allo svolgimento delle procedure di cooperazione tra le due Commissioni. <p>Il termine per la conclusione dell’indagine veniva fissato al 20 settembre 2001 in conformit&agrave; a quanto convenuto nell'intesa tra i Presidenti.<p>Nella medesima giornata del 3 agosto 2001 l'Ufficio di presidenza del Comitato, integrato dai rappresentanti dei gruppi, ha deliberato il programma dei lavori che, iniziati il 7 agosto, sono proseguiti con lo svolgimento delle audizioni sino al 7 settembre, per un totale di dieci sedute e 27 audizioni. <p>Conclusa questa fase procedurale, secondo quanto convenuto nelle intese dei Presidenti dei due rami del Parlamento, si &egrave; quindi stabilito che il Comitato avrebbe proseguito i lavori per la predisposizione di uno schema di documento conclusivo. I lavori istruttori finalizzati alla predisposizione di una bozza dello schema di documento conclusivo si sono svolti in sede di Ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi, alle cui riunioni hanno potuto comunque partecipare tutti i componenti il Comitato.<p>Sulla base degli orientamenti emersi in sede di Ufficio di presidenza, il Presidente del Comitato ha quindi presentato uno schema di documento conclusivo allo stesso Comitato, che nella seduta del 14 settembre lo ha discusso prendendone atto.<p>&#9;Lo schema di documento conclusivo cos&igrave; predisposto dal Comitato &egrave; stato quindi trasmesso alle due Commissioni affari costituzionali per la fase conclusiva dell'indagine, relativa alla discussione e all'approvazione dello stesso documento. <strong>Il documento </strong> <br>Introduzione<br><strong>A) La preparazione del Vertice</strong><br><strong>B) L'Agenda politica del vertice</strong><br><strong>C) Dal dialogo con le ONG alla nascita del Patto di lavoro, alle iniziative delGSF</strong><br><strong>D) Il piano di sicurezza: atti e provvedimenti riguardanti l'organizzazione delle forze di polizia</strong><br><strong>E) Il piano di sicurezza: l'adozione di zone di rispetto e i provvedimenti per lo svolgimento delle manifestazioni</strong><br><strong>F) Le giornate del 19, 20 e 21 luglio: Le manifestazioni e gli scontri</strong> <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;1) La giornata del 19 luglio <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;2) La giornata del 20 luglio <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;3) La giornata del 20 luglio. Via Tolemaide<br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;4) La giornata del 20 luglio. La morte di Carlo Giuliani <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;5) La giornata del 21 luglio <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;6) La presenza di esponenti politici&#9;<br><strong>G) La perquisizione agli edifici scolastici Diaz-Pertini-Pascoli&#9;</strong><br><strong>H) La caserma di Bolzaneto&#9;</strong><br> <strong>Considerazioni conclusive&#9;</strong>