02 OTT 2001

Il falò dei lasciapassare (dal film 'Gandhi') di Richard Attenbourgh

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Il falò dei lasciapassare (dal film 'Gandhi') di Richard Attenbourgh", registrato martedì 2 ottobre 2001 alle 00:00.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • La sequenza del film "Gandhi" (Qualità ISDN)

    <strong>Altri servizi:</strong> 02.10.2001: I radicali annunciano il falò dei certificati di godimento dei diritti politici 30.09.2001: I radicali invitano gli italiani a mobilitarsi contro una consultazione illegale 22.08.2001: I radicali denunciano il Parlamento Fuori-Legge sul referendum federalista Il governo del Sud Africa emise una legge secondo la quale tutti gli indiani dovevano farsi registrare mediante una carta d'identità sulla quale venivano impresse le impronte digitali. Ogni indiano doveva portare con sé questo documento per dimostrare che aveva diritto a vivere in Sud Africa. <p>Il primo ministro, il generale Smuts, dichiarò che gli indiani che non avessero provveduto a farsi registrare sarebbero stati espulsi. <p>Gandhi protestò subito e presentò una petizione in favore della comunità indiana. Il governo però non diede alcuna risposta. Gandhi organizzò riunioni contro questo cerificato di registrazione, che egli definì "certificato nero". <p>Quando fu chiaro che il governo procedeva in quella direttiva, indisse una campagna di resistenza passiva, denominata Satyagraha. Qualunque cosa fosse avvenuta, annunciò Gandhi, gli indiani non sarebbero andati a farsi registrare. <p>Il governo avrebbe potuto metterli in prigione per aver disobbedito alle leggi, ma essi non avrebbero accettato la registrazione. Il governo decise di intimorirli arrestando il loro capo. Gandhi venne rinchiuso per due mesi. <p>Tutti gli indiani cercarono poi di farsi arrestare a loro volta. Il governo non sapeva più dove collocare i carcerati. Il generale Smuts pregò Gandhi di far terminare la protesta del Satyagraha; in cambio prometteva di ritrarre l'obbligatorietà del certificato di registrazione, purché gli indiani andassero di loro spontaneà volontà a farsi registrare. <p>Toccava ora al generale Smuts mantenere la promessa e abrogare la legge. Ma il generale non fece nulla di simile. Gandhi invitò tutti a bruciare i certificati in un grande falò. Ben presto le prigioni furono di nuovo piene. <p>Quando Gandhi tornò in India (1915), grazie al lavoro svolto in Sud Africa, era divenuto un eroe nazionale. <p>