29 OTT 2001

Guerra in Afghanistan: L'America fronteggia le difficoltà

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Guerra in Afghanistan: L'America fronteggia le difficoltà", registrato lunedì 29 ottobre 2001 alle 00:00.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Scheda informativa: Che cos'è l'antrace<strong>Giorno dopo giorno</strong><br> 26.10.2001: Antrace alla Cia e alla Corte Suprema<br> 25.10.2001: L'antrace colpisce anche il Dipartimento di Stato<br> 23.10.2001: Traccie alla Casa Bianca e polemiche<br> 22.10.2001: Due morti sospette <br> 18.10.2001: Il vero pericolo è la paura <br> 17.10.2001: Antrace, Chiuso il Congresso<br> 16.10.2001: Antrace, si espande il contagio<br> 15.10.2001: L'antrace colpisce il Senato Usa<br> 14.10.2001: Antrace, aumentano le infezioni 13.10.2001: Antrace, Panico, psicosi e mitomanie<br> 12.10.2001: Antrace, Due casi a New York<br> 12.10.2001: Allarme FBI, Imminenti nuovi attacchi terroristici <br> 11.10.2001: Terzo caso di carbonchio, forse "un atto criminale" <strong>Terzo caso di antrace respiratorio per una impiegata delle poste. Gli Usa oltre al bioterrorismo devono fronteggiare anche i primi sintomi di impazienza sull'azione militare</strong><p>29 ottobre 2001 - aggiornamento delle ore 4.20am (CET)<p>Non accenna a placarsi negli Usa l'incubo antrace: la Cnn parla di spore del batterio killer ritrovate anche ad un centro di smistamento della posta del Dipartimento di Giustizia. La notizia più grave però, è l'ufficializzazione del terzo caso di infezione respiratoria (quella che rischia di avere conseguenze fatali) che ha colpito una donna di 56 anni, di cui non sono state rese note le generalità, ma che è impegata all'ufficio postale di Trenton nel quale sono già morti due postini. <p><strong>Un nervosismo crescente</strong><p>Quella della minaccia biooterroristica, però, non è l'unica seria difficoltà che gli Stati Uniti stanno affrontando in queste ore: mentre comincia la quarta settimana di bombardamenti, cominciano a sorgere seri dubbi sull'effettiva efficacia della strategia e dell'azione militare in Afghanistan. Se le autorità, dalla Casa Bianca alla Difesa tentano di rassicurare la popolazione parlando di una campagna che procede secondo previsioni, nell'opinione pubblica aumenta il nervosismo.<p><strong>Rumsfeld parla di guerra lunga e altre truppe di terra</strong><p>Il ministro della Difesa, Rumsfeld assicura che le operazazioni militari "non si stanno impantanando", ma deve però poi immediatamente aggiungere che la guerra al terrorismo richiederà uno sforzo prolungato e parla esplicitamente dell'invio di altre truppe di terra. <p>Rumsfeld ha rigettato le considerazioni di chi ritiene che i bombardamenti abbiano ottenuto l'effetto di consolidare il fronte afgano e di aver coagulato intorno ai Taleban gli estremismi islamici: "La campagna aerea è molto efficacie" ha sottolineato il ministro.<p>Un altro elemento che aveva incrinato la fiducia negli scorsi giorni era stata l'uccisione di Abdul Haq, inviato in Afghanistan a rompere le fila dei talebani, la cui missione si è trasformata in un fallimento con la sua cattura e la sua esecuzione da parte degli studenti di teologia che dominano la regione caucasica. Rumsfeld ha rigettato le responsabilità: "Gli Usa hanno assicurato la difesa al comandante Haq" ha affermato, ma si trattava di un sostegno aereo, mentre "lui è stato attaccato a terra" si è difeso il ministro.<p><strong>Gli errori e le vendette trasversali</strong><p>Altro elemento che mette in difficoltà l'azione statunitense sono gli errori nei bombardamenti. Oggi è stato reso noto che bombe anglo-americante avrebbero colpito un bus pieno di profughi ed una abitazione privata a Kabul coinvolgendo sette bambini che vi vivevano ed altri due che abitavano in un locale vicino. <p>Queste immagini e queste notizie, rischiano di mettere in difficoltà la colaizione internazionale e di fomentare l'odio inter-religioso che ha vissuto una giornata drammatica con l'irruzione di uomini armati in una chiesa cattolica in Pakistan che ha provocato almeno quindici vittime. <br>Intanto, il ramadam si avvicina e l'America non esclude affatto di proseguire l'azione militare anche nel periodo sacro all'Islam.<p>