30 OTT 2001

Radicali Italiani: "Generazioni Contro. Pensioni, lavoro e debito pubblico: senza riforme pagano i giovani"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 9 ore 54 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Radicali Italiani: "Generazioni Contro. Pensioni, lavoro e debito pubblico: senza riforme pagano i giovani"", registrato martedì 30 ottobre 2001 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione video ha una durata di 9 ore e 54 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Emma Bonino apre i lavori

    <br>Indice
    0:00 Durata: 10 min 55 sec
  • Tutto il convegno

    <p>Roma, 30 ottobre 2001 - Radicali Italiani chiamano a convegno economisti ed esponenti politici per affrontare gli argomenti di attualità di politica economica, e soprattutto per sottolineare l'esigenza di riforme nel sistema pensionistico, del mercato del lavoro e delle politiche di bilancio nel nostro paese.<p>L'assunto da cui muove il convegno e' che in mancanza di riforme urgenti si acuirà sempre più il divario tra la generazione dei garantiti, e quella dei giovani, dei disoccupati e degli 'occupati in nero' su cui vengono scaricate tutte le esigenze di flessibilità e di risanamento che non vengono fronteggiate dalla politica.<p>Lo strumento che i radicali propongono all'attenzione di tutti - dopo la tornata referendaria del 2000, falcidiata dalla Corte Costituzionale prima e dall'invito astensionista del centrodestra poi - è quello delle 25 proposte di legge di iniziativa popolare, fra cui sono presenti le proposte di riforma strutturale del mercato del lavoro (art.18) e del sistema previdenziale che i radicali hanno avanzato, per primi ed inascoltati, a partire dai primi anni 90.<p>E’ quanto ha ricordato Emma Bonino nel suo intervento di apertura dei lavori, che sono proseguiti con gli interventi dei docenti ed esperti nella materia.<br>Tutti hanno confermato, a partire dalla realtà economica, dalle specificità del mercato del lavoro italiano e dalla evoluzione demografica, la necessità di urgenti riforme strutturali, in assenza delle quali le future generazioni rischieranno di pagare costi altissimi; sono riforme che servono non solo a migliorare l’efficienza economica, ma anche a una migliore "giustizia sociale".<p>L’intervento di Benedetto Della Vedova, tutto focalizzato sulle ragioni storiche delle battaglie radicali per le riforme economiche, ha aperto la serie degli interventi degli esponenti politici.<br>Particolarmente significativi gli interventi di Follini e Turci, che pure rappresentano due delle posizioni più aperte al cambiamento rispettivamente nella Casa delle Libertà e nell’Ulivo. Per entrambi però, le proposte radicali non sono perseguibili.<p>Se Follini ha l’urgenza delle riforme economiche e sociali al centro del convegno, ha però sottolineato la necessità di trovare per esse un consenso preliminare, senza il quale non è possibile, nemmeno per chi è al governo, imporre all’ordine del giorno questo tipo di riforme.<p>Dall’altro canto l’ulivista Turci, ha invece accusato i radicali di assumere una posizione ideologica, in particolare per quanto concerne la battaglia per l’abolizione dell’obbligo di reintegro previsto nell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori. Essa - a giudizio di Turci - non costitutisce affatto un aspetto cruciale delle pur necessarie riforme del welfare e dell’economia.<p>Ha chiuso i lavori l’ intervento di Marco Pannella che, rispondendo alle molte sollecitazioni emerse durante la mattinata, ha riconfermato la necessità dell’azione politica radicale (scientificamente e ferocemente contrastata attraverso l’illegalità impunita, anche istituzionale) dal momento che essa rappresenta l’unica proposta oggi in campo, in grado di tutelare gli interessi dei lavoratori e di coloro che non hanno lavoro, contro le derive burocratiche e corporative delle organizzazioni di categoria.
    0:00 Durata: 4 ore 57 min
  • Benedetto Della Vedova, presiede

    0:10 Durata: 1 min 13 sec
  • Giuliano Cazzola, esperto in questioni previdenziali

    <br>Relazioni introduttive
    0:12 Durata: 35 min 26 sec
  • Nicola Sartor, Ordinario di Scienze delle Finanze Università di Verona

    0:47 Durata: 26 min 25 sec
  • Giuseppe Pennisi, docente scuola superiore PA

    1:13 Durata: 18 min 49 sec
  • Giuliano Da Empoli, saggista

    1:32 Durata: 27 min 52 sec
  • Benedetto Della Vedova

    <br>Il dibattito politico
    2:00 Durata: 27 min 20 sec
  • Renato Brunetta (FI)

    2:28 Durata: 21 min 25 sec
  • Natale D'Amico (sen. Margherita, iscritto a Radicali Italiani)

    2:49 Durata: 20 min 11 sec
  • Marco Follini, presidente CCD

    3:09 Durata: 13 min 2 sec
  • Lanfranco Turci (DS)

    3:22 Durata: 17 min 15 sec
  • Marco Taradash

    3:39 Durata: 11 min 19 sec
  • Claudio Martelli, europarlamentare

    3:51 Durata: 11 min 22 sec
  • Giampaolo Landi di Chiavenna (AN)

    4:03 Durata: 14 min 11 sec
  • Benedetto Della Vedova conclude gli interventi

    4:17 Durata: 1 min 42 sec
  • Marco Pannella

    <br>Conclusioni
    4:19 Durata: 38 min 10 sec