30 OTT 2001

Guerra all'Afghanistan: Usa confermano presenza truppe di terra

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 59 min 15 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Guerra all'Afghanistan: Usa confermano presenza truppe di terra", registrato martedì 30 ottobre 2001 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 59 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • L'annuncio di Rumsfeld che però sottolinea, solo per un supporto logistico all'Alleanza del Nord. Nervosismo dopo l'annuncio del rischio di nuovi imminenti attacchi. Antrace, una donna in fin di vita<p>Aggiornamento del 30 ottobre 2001, ore 23.59 (CET)<p>Per la prima volta dall'inizio delle operazioni militari, il Pentagono ammette la presenza di forze di terra in Afghanistan, anche se solo con compiti logistici e di assistenza alla vera fanteria, i guerriglieri mujaidin dell'alleanza del Nord.<p>L'annuncio è giunto oggi nella conferenza stampa congiunta dei ministri degli di Usa e GB, Donald Rumsfeld e Geoffrey Hoon.<br> "Abbiamo un modesto numero di truppe terrestri nella regione - ha affermato Rumsfeld - dislocate con compiti di collegamento e stanno facendo un eccellente lavoro con il coordinatore per fornire assistenza di vario tipo e per l'individuazione dei bersagli".<p>Rumsfeld ha precisato che il dislocamento delle truppe non può essere paragonato a quanto fatto nella seconda guerra mondiale o nella guerra del Golfo, ma questa opzione non viene esclusa.<p>Dal suo canto Hoon ha precisato che le truppe di terra britanniche, pur essendo disponibili in zona, non sono presenti nel teatro di guerra.<p>I mujaidin, la vera fanteria<p>Rumsfeld ha però precisato che le truppe americane non hanno funzioni di comando e che l'attacco di terra verrà sferrato dall'alleanza di terra quando i loro comandanti lo riterranno opportuno. "Questa gente ha combattuto per anni - ha affermato Rumsfeld - e si conoscono bene, sicchè si muoveranno quando si sentiranno pronti". Anche l'ammiraglio John Stufflebeem che ha partecipato alla conferenza stampa con i due ministri ha ribadito la fiducia statunitense sull'alleanza del Nord: "Sicuramente sconfiggeremo i Taleban e lo faremo con l'alleanza del Nord" ha affermato.<p>L'allarme interno<p>Intanto a 24 ore di distanza dal reiterato annuncio del ministro Ashcroft e del direttore dell'Fbi Meuller sul rischio di imminenti attentati terroristici contro gli Stati Uniti, il Presidente Bush cerca di invitare gli americani ad andare avanti partecipando alla partita di World Series, la fase finale del campionato di Baseball, uno degli sport più popolari negli Stati Uniti.<br>Se Bush va alla partita, il vicepresidente Cheney viene nascosto in un posto segretissimo per evitare che in caso di pericolo il vertice dell'amministrazione possa essere decapitato.<p>E' stato il nuovo direttore per la sicurezza interna, Tom Ridge a tornare sull'allarme terroristico: da un lato Ridge ha spiegato che si tratta di una ulteriore riproposizione del medesimo allarme lanciato lo scorso 11 ottobre dall'Fbi, ma soprattutto ha invitato le forze dell'ordine e i cittadini ad essere estremamente attenti a quanto succede: in particolare Ridge ha chiesto alle aziende che lavorano nel settore dell'energia di stare particolarmente in allerta. <p>Sicurezza aerea<p>Per la visita di Bush al Yankee Stadium di New york, lo spazio aereo nel raggio di 30 miglia dall'aeroporto JFK della metropoli è stato temporanemante chiuso: il provvedimento ha riguardato anche le centrali nucleari della zona.<p>Dopo l'allarme terroristico di ieri, notevoli sono state le prese di posizione in materia di sicurezza aerea: il ministro dei Trasporti ha parlato di "tolleranza zero" nelle procedure di imbarco e di controllo dei documenti e dei bagagli dei passeggeri, mentre l'America Airlines ha annunciato di aver adottato speciali misure di protezione per impedire qualsiasi accesso indesiderato nella cabina di pilotaggio.<p>Antrace, una donna in fin di vita<p>La vera inquietudine per gli americani è determinata soprattutto dagli attacchi di antrace. Oggi la notizia di possibili attacchi ad abitazioni domestiche ha aumentato il clima di nervosismo della popolazione, cui si deve aggiungere la conferma che la donna impiegata all'ospedale di laringoiatria di New York è in gravissime condizioni per aver inalato il batterio mortale.<br>A questo già difficile scenario bisogna aggiungere anche la notizia di nuove tracce di spore, trovate in due distaccamenti postali nella zona nord-Ovest di Washington ed quello di dell'aereoporto Internazionale di Dulles in Virginia.
  • Briefing Tom Ridge

    <br>Scheda informativa: Che cos'è l'antrace<strong>Giorno dopo giorno</strong><br> 29.10.2001: Nuovo allarme per imminenti attacchi terroristici<br> 28.10.2001: L'America fronteggia le difficoltà<br> 26.10.2001: Antrace alla Cia e alla Corte Suprema<br> 25.10.2001: L'antrace colpisce anche il Dipartimento di Stato<br> 23.10.2001: Traccie alla Casa Bianca e polemiche<br> 22.10.2001: Due morti sospette <br> 18.10.2001: Il vero pericolo è la paura <br> 17.10.2001: Antrace, Chiuso il Congresso<br> 16.10.2001: Antrace, si espande il contagio<br> 15.10.2001: L'antrace colpisce il Senato Usa<br> 14.10.2001: Antrace, aumentano le infezioni 13.10.2001: Antrace, Panico, psicosi e mitomanie<br> 12.10.2001: Antrace, Due casi a New York<br> 12.10.2001: Allarme FBI, Imminenti nuovi attacchi terroristici <br> 11.10.2001: Terzo caso di carbonchio, forse "un atto criminale"
    0:00 Durata: 15 min 13 sec
  • Briefing Rumsfeld ed Hoon

    Audiovideo dalla Cnn
    0:00 Durata: 44 min 2 sec