02 NOV 2001

Russia: Blair e Berlusconi "Mosca indispensabile contro il terrorismo"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Russia: Blair e Berlusconi "Mosca indispensabile contro il terrorismo"", registrato venerdì 2 novembre 2001 alle 00:00.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Altri approndimenti Crisi in Georgia: Shevarnadze destituisce il Governo (e Mosca incombe) Caucaso: Le ambizioni russe dietro il conflitto Abkhazia-Georgia? Cecenia: Attenti ai proclami anti-terroristici di Putin Cecenia: I pericoli della santa alleanza antiterrorismo Nel vertice di Genova i due premier esaltano il ruolo di Putin per risolvere le crisi internazionali<p>Se Condoleeza Rice, consigliera personale del presidente Bush per gli affari esteri sembra essere l'unica persona nell'amministrazione Usa a frenare sulle aperture nei confronti della Russia, in Europa, il maggior significato dell'incontro tra il primo ministro britannico Tony Blair e il Presidente del Consiglio Italiano, Silvio Berlusconi, svoltosi ieri in tarda serata a Genova, sembra essere proprio il via libera ad una nuova abilitazione di Mosca come protagonista della scena internazionale, fino a considerarla un attore "indispensabile" per la soluzione delle crisi internazionali. <p>Da quanto si è appreso al termine del vertice di Genova, infatti, Blair e Berlusconi avrebbero auspicato "che si instauri un nuovo rapporto da parte dell'Ue e della Nato nei confronti della Russia, paese che si sta rivelando indispensabile nelle iniziative contro il terrorismo internazionale".<p>I due premier non hanno rilasciato dichirazioni ufficiali alla stampa, ma alcuni collaboratori del premier italiano hanno confermato questa netta impressione. Secondo quanto riferito dal consigliere diplomatico del premier italiano, Giovanni Castellaneta, Blair e Berlusconi hanno rivalutato il ruolo russo sia in Afghanistan che in Medio Oriente. <p>Convinti entrambi sulla necessità di proseguire nell'azione militare fino a sconfiggere Bin Laden ed i Taleban, hanno però pensato ad un futuro della regione afgana in cui il ruolo della russia è giudicato "essenziale" - ha spiegato Castellaneta - "sia per l'esperienza che ha avuto in Afghanistan, sia perchè può contribuire ad una soluzione nella formazione del futuro governo".<p>Anche sulla questione Medio-Orientale, la Russia insieme ad Usa ed Ue è stata individuata come partner necessario per risolvere la crisi e per trovare una soluzione politica al più presto con soddisfazione per i palestinesi ma che garantisca anche la sicurezza di Israele.