03 NOV 2001

Russia: Non invieremo truppe in Afghanistan

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Russia: Non invieremo truppe in Afghanistan", registrato sabato 3 novembre 2001 alle 00:00.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Altri approfondimenti Blair e Berlusconi "Mosca indispensabile contro il terrorismo" Caucaso: Le ambizioni russe dietro il conflitto Abkhazia-Georgia? Cecenia: Attenti ai proclami anti-terroristici di Putin Cecenia: I pericoli della santa alleanza antiterrorismo L'esito della visita di Rumsfeld a Mosca rafforza la cooperazione Usa-Russia nella lotta antiterrorismo, ma Ivanov chiarisce che l'armata rossa non tornerà a calpestare il suolo afgano. Spiragli di compromesso sulla questione dei missili<p>3 novembre 2001 - aggiornamento delle ore 16.30<p>La missione asiatica di Donald Rusmfeld parte dalla Russia, dove il segretario alla difesa Americano ha incontrato prima il suo omologo Igor Ivanov e quindi il capo del Cremlino, Vladimir Putin: la collaborazione tra Usa ed Urs sulla lotta al terrorismo, l'evoluzione della campagna afgana e la questione della revisione dell'accordo del 1972 sui missili balistici al centro dei colloqui.<p>La Russia non invierà truppe in Afghanistan<p>Nel corso delle dichiarazioni seguite all'incontro con Rumsfeld, il ministro della Difesa Russo, Igor Ivanov ha ribadito che Mosca sta offrendo collaborazione piena e positiva agli Stati Uniti nella lotta al terrorismo, ma ha precisato che questo sostegno si configura come scambio di informazioni di intelligence, ma non coinvolgerà in alcun modo le truppe dell'esercito russo.<p>Ampiamente positivi, al contrario sono stati giudicati i risultati della collaborazione tra i servizi di informazione tra le due nazioni, e Ivanov ha spiegato che questa è la forma di collaborazione che la Russia intende fornire agli Stati Uniti nella campagna anti-terrorismo.<p>Verso il compromesso sui missili<p>Più complicata è la situazione rispetto ai negoziati sulla revisione del trattato antimissilistico del 1972.<br>Se gli Usa vorrebbero annullarlo, Mosca invece non è disponibile ad andare oltre una riduzione progressiva degli armamenti, concedendo agli americani la possibilità di avviare il progetto di "scudo stellare".Il trattato Abm (Anti-ballistic missiles) è una componente importante, ma non è l'unica della strategia della stabilità" ha affermato Ivanov. br"Ci è già stato detto che il trattato Abm appartiene al periodo della guerra fredda - ha affermato Ivanov - e noi siamo in parte, ripeto in parte, d'accordo con questa tesi, ma quasi tutti gli accordi Usa-Russia sono un residuo della guerra fredda". <br>"Russia e Usa comprendono - ha aggiunto - che debbono guardare al futuro insieme, ma crediamo che sia meglio approntare una nuova soluzione prima di annullare un accordo". <p>Queste precisazioni di Ivanov aprono la strada al compromesso, ma fanno ritenere improbabile che nel prossimo summit tra Putin e Bush, il prossimo 13-15 novembre possa essere firmato il nuovo acccordo.