12 NOV 2001

Usa: Precipita aereo a New York, incidente?

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Usa: Precipita aereo a New York, incidente?", registrato lunedì 12 novembre 2001 alle 00:00.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • <br>Il motore del Boeing precipitato Le autorità statunitensi tendono ad escludere l'ipotesi attentato e proprendono per un incidente. Tra le 255 persone a bordo non sembra esserci nessun supersiste<p>12 novembre 2001, aggiornamento ore 22.00 (CET)Un Airbus A300s dell'American Airlines, decollato alle 15.15 (ora Italiana, le 9 e un quarto del mattino a NY) dall'aeroporto JFK di new York e diretto a Santo Domingo è precipitato pochissimi minuti dopo il decollo sul quartiere del Queens, a pochi chilometri dell'aeroporto internazionale dal quale era decollato.<p>A bordo dell'aereo si trovavano 246 passeggeri e 9 membri dell'equipaggio. <p>Il sindaco di New York, Rudolph Giuliani ha affermato di ritenere altamente improbabile che tra gli occupanti il veivolo ci possano essere dei sopravvissuti. I corpi recuperati sono 161, ma per il momento non si conosce il numero esatto delle vittime, anche perchè non è chiaro se e quante persone possano essere rimaste coinvolte a terra, nelle villette residenziali dove i pezzi dell'aereo si sono abbattuti provocando la distruzione di almeno quattro case.<br>Il motore è caduto separatamente nei pressi di un distributore di benzina, la carlinga invece è finita sull'abitato.<p><strong>Verso l'ipotesi incidente</strong><p>Il timore che potesse trattarsi di un nuovo attacco terrorista ha immediatamente preso corpo appena si è avuta la notizia dello schianto, ma col passare delle ore, le autorità statunitensi hanno sempre più fatto comprendere che probabilmente si è trattato di un incidente. <p>Se la casa Bianca ha parlato di indagini in corso e lo stesso Giuliani ha affermato esplicitamente di "sospendere il giudizio" in attesa di ulteriori informazioni, sia la National Transport Safety, che lo stesso dipartimento di Stato, così come tutte le voci di corridoio raccolte dagli organi di informazione in ambienti dell'amministrazione Bush hanno fatto esplicito riferimento all'assenza di qualsiasi indizio che potesse far pensare ad un attacco terroristico e quindi sono più propensi ad attribuire a cause meccaniche la nuova tragedia che ha colpito New York. <p><strong>Ritrovata la scatola nera</strong><p>La scatola nera è stata ritrovata qualche ora dopo lo schianto e l'agenzia per la sicurezza dei trasporti (NTS), ha annunciato che essa è già in viaggio per Washington da dove si potranno ottenere ulteriori informazioni, ma un ulteriore elemento che fa pensare ad un incidente è stato fornito da un pilota in attesa di decollo all'aereoporto JFK, che afferma di aver visto del fumo nero da uno dei motori del veivolo appena dopo la fase di decollo. <p>Tutte le testimonianze dei cittadini del Queens convergono nel riferire che uno scoppio si è verificato a lato della carlinga prima che l'aereo precipitasse al suolo, evenienza questa evenienza che rende plausibile però sia l'ipotesi di un guasto ad un motore che quella di un attentato.<p><strong>Italiani a bordo?</strong><p>Nei minuti immediatamente successivi alla notizia dell'incidente da un operatore turistico di Milano era giunta la notizia della presenza di 25 turisti italiani a bordo dell'Airbus diretti a Santo Domingo.<br>Nelle ore successive la notizia non ha però trovato conferma e lo stesso console italiano a Santo Domingo, Luciana Sartori ha annunciato che nessun turista italiano era atteso per oggi nell'isola con il volo 587 dell'American Airlines.