28 NOV 2001

Giustizia & Governo: Voci di dentro "sul caso Taormina"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Giustizia & Governo: Voci di dentro "sul caso Taormina"", registrato mercoledì 28 novembre 2001 alle 00:00.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • "Se Taormina fosse una persona di buon senso si sarebbe già dimesso. Invece continua a dire che non se ne va e in questo modo espone tutto il Governo". <p>Parole che in questi giorni si potrebbero mettere in bocca praticamente a tutti i ministri. Ed a pronunciarle è stato infatti uno dei più importanti uomini del Berlusconi-bis, in un Senato quasi deserto. Proprio a Palazzo Madama dove martedì prossimo, a meno di un generoso ripensamento da parte del diretto interessato, verrà discussa e votata la mozione di sfiducia nei confronti dello scomodo sottosegretario. <p>"Se si arriva alla mozione - assicura l’autorevole componente del Governo - Taormina prenderà a malapena i voti di metà Forza Italia e della Lega. Gli altri non li vede proprio". L’insofferenza fa anche giungere a paragoni azzardati: "A cosa è servito arrivare ad uno scontro di questo tipo? Le cose non si dicono, si fanno. Guardi gli americani con i talebani...". <p>Dunque un’autorevole voce dal di dentro del Governo Berlusoconi non ritiene che il muro contro muro possa contribuire a creare il terreno per chiedere lo spostamento del processo Iri-Sme da Milano. Dal momento che questa è la preoccupazione principale degli avvocati di Berlusconi. (In primavera potrebbe arrivare la sentenza di condanna). <p>La strategia incarnata da Taormina non convince il nostro ministro: "Comincio a pensare - afferma - che questi avvocati non ne azzecchino una. Basta pensare alle rogatorie: una legge che ci ha esposto ad attacchi sia all'estero che in Italia. E non è servita a niente. I magistrati milanesi fanno quel che vogliono. E sembra che abbiano pure ragione". Come, hanno ragione le toghe rosse? "Fosse solo un antiberlusconiano come Borrelli... ma li ci sono argomentazioni molto serie e da parte di diversi magistrati. Nessuno si chiede come mai da Via Arenula non vengono inviati gli ispettori"? Già, come mai? "Perchè darebbero ragione alla magistratura, sarebbe insomma un autogoal". <p>Sembra addirittura che al Ministero della Giustizia sia stato commissionato uno studio che sulla questione la dice molto chiara: i magistrati milanesi sono inattaccabili per le loro decisioni. E' una questione interpretativa. <p>"No, non sono certo le sparate di Taormina a poter far saltare il processo Iri-Sme. La soluzione è un'altra, un'altra S.Sebastiano...". <p><em>28 novembre 2001</em>