05 DIC 2001

Afghanistan: Emma Bonino, "Straordinario successo l'ingresso di due donne al governo"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 4 min 11 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Emma Bonino a Radio Radicale commenta l'ufficializzazione della notizia dell'ingresso di due donne nell'amministrazione provvisoria dell'Afghanistan nata a Bonn sotto l'egida delle nazioni Unite: una vittoria della nonviolenza organizzata.Roma, 5 dicembre 2001 - Al termine dei lavori della Conferenza di Bonn è stato ufficializzato che Sima Samar e Suhaila Siddiqui, sono rispettivamente vice premier e ministro della salute del governo provvisorio afgano.

Proprio a queste due donne, va il primo pensiero di Emma Bonino che rivolge loro un augurio di buon lavoro.

La leader radicale non dimentica
però le oltre seimila persone di 103 nazioni del mondo che con la loro azione nonviolenta hanno contribuito a raggiugnere questo risultato.

Un risultato straordinario L'ingresso delle due donne nell'amministrazione ad interim che si insedierà il 22 dicembre è definito da Emma Bonino "un risultato straordinario", soprattutto ricordando lo scetticismo che aveva accolto l'annuncio dell'iniziativa del Partito Radicale transnazionale di proclamare una giornata di digiuno e nonviolenza per l'ingresso delle donne nel futuro Governo provvisorio afgano.

Contro i cinici e i "benaltristi" "Siamo partiti - ricorda - dal fatto che non c'erano donne nelle delegazioni, poi siamo riusciti a farle introdurre, fino a farle ottenere due ruoli importanti su cui costruire costruire in questi prossimi sei mesi in vista del Governo definitivo".

Proprio di fronte ai "cinici" ed agli "insoddisfatti", a coloro che ritengono sempre ci sia bisogno di "ben altro", la leader radicale rivendica di "aver visto giusto" ed accoglie l'ingresso delle due donne come la fine di un tabù e il possibile inizio di un processo di laicizzazione dell'area medio-orientale.

La forza della nonviolenza Soprattutto Emma Bonino accoglier la nomina di Samar e Siddiqui come una ulteriore testimonianza della forza della nonviolenza: "Questa - ha affermato - è la dimostrazione che la nonviolenza organizzata può trasformare il corso delle cose" e esorta i radicali ed il movimento nonviolento a prepararsi per le prossime immintenti sfide.

leggi tutto

riduci