16 MAR 2002

Articolo 18: Angeletti al Work Day di Roma, Sarà scontro totale e referendum

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 9 min 25 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Giornata di mobilitazione della Uil sui temi del lavoro.

Angeletti promette battaglia senza quartiere contro le modifiche dell'articolo 18 Roma, 16 marzo 2002 - "Il nostro obiettivo è convincere tutti che siamo di fronte a un grandissimo tentativo di mistificazione, un vero e proprio inganno" Così ha esordito Luigi Angeletti nel corso della manifestazione romana nell'ambito delle iniziative della Uil per il "Work Day".

Angeletti ha duramente criticato il governo per la decisione di procedere alla riforma dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, accusando più volte l'esecutivo di usare
argomentazioni menzognere per giustificare la propria iniziativa legislativa.

Il Governo ha scelto Confindustria In realtà, il governo - ha accusato Angeletti - ha scelto di essere sublaterno a Confindustria: "Cercano di spiegarci che la modifica dell'articolo 18 serve a creare nuove opportunità di lavoro soprattutto per i gionai, ma non ci spiegano come mai, se questa modifica è così decisiva, il governo non l'ha mai proposta nè in campagna elettorale, nè nel programma di governo, nè nel libro bianco".

Angeletti ha chiaro il motivo: "Hanno scoperto la necessità di modificare l'articolo 18 dopo che la Confindustria a gli ha spiegato che per loro era una cosa importante".

Pronti al referendum La Uil, comunque, ha promesso battaglia senza quartiere sia contro il Governo che contro gli industriali: "Hanno scelto la Confindustria e la pagheranno cara" ha deto Angeletti, assciurando che "il sindacato non si limiterà ad una giornata di protesta", ma porterà "lo scontro in ogni luogo di lavoro, per tutto il tempo necessario, e - ha concluso - se il governo dovesse pensare di vincere in parlamento, noi il giorno dopo cominceremo a racogliere le firme e indiremo un referendum abrogativo che vinceremo".

leggi tutto

riduci