28 MAR 2002

Governo: L'intervento di Silvio Berlusconi al Costanzo Show

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 51 min 6 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Cambio di strategia da parte del premier: E' tempo di comunicare.

Apertura al confronto con le parti sociali, ma solo per il cambiamento Roma, 27 marzo 2002 - Silvio Berlusconi è ospite del Maurizio Costanzo Show, in quella che lo stesso premier ha annunciato essere la prima di una lunga serie di apparizioni sui mezzi di informazione per informare i cittadini sulle iniziative e sui risultati che il governo ha raggiungere e sta per raggiungere.

Addio "presidente-operaio" Berlusconi nel corso della trasmissione ha più volte annunciato questa "svolta" nella strategia del governo: dovrà venir
dunque meno - ha ammesso lo stesso premier - alla promessa fatta in campagna elettorale agli elettori di essere "presidente-operaio", di essere dunque un presidente del Consiglio impegnato solo a lavorare ma non a informare.

Anzi, Berlusconi ha ammesso di aver commesso un errore a non essere stato capace finora di trovare il tempo di comunicare con i cittadini sui risultati conseguiti dal governo.

No alle menzogne sul fantomatico art.

18 Dunque, al Maurizio Costanzo Show, è un Berlusconi desideroso di smentire tutte le menzogne che si sono diffuse sul conto del governo, a partire da quello che ha definito il "fantomatico articolo 18".

Il premier ha fatto un sondaggio nella platea del Parioli chiedendo quanti degli spettatori ritenessero di conoscere veramente i contenuti della riforma proposta dal governo.

Alle poche mani che si sono alzate in sala, Berlusconi ha quindi fatto seguire una requisitoria contro "il clima di menzogna" che si è scatenato sul governo a partire da quella che egli stesso ha definito "una piccola, modesta, limitata riforma".

Soprattutto però, Berlusconi ha inteso sottolienare che la proposta del governo "non tocca nessuno degli italiani che hanno un lavoro", ma al contrario riguarda "soltanto quei giovani italiani che hanno la speranza di poter trovare un lavoro che oggi non hanno".Il premier ha quindi sottolineato che solo 8 milioni di lavoratori su un totale di 21 milioni, hanno questa tutela garantita dall'articolo 18, mentre l'altro 64% dei lavoratori non ha garanzie "e questa - ha sottolienato - è un'ingiustizia da riparare".

Apertura al dialogo con i sindacati, ma per il cambiamento A Maurizio Costanzo che chiedeva un incontro con Cofferati per superare il clima di tensione sociale, il premier ha ribadito più volte che nelle intenzioni del governo il dialogo con il sindacato "protagonista importatnte della democrazia", va assolutamente ripreso.

Nelle continue aperture al dialogo sociale, il presidente del Consiglio non ha mai mancato però di sottolienare che per il Governo il confronto con le parti sociali è volto ad ottenere quel cambiamento, quelle riforme che anche l'Ue chiede all'Italia per rilanciare l'economia e l'occupazione.

"Non possiamo accettare che ci sia chi vuole la conservazione di quanto c'è stato finora e che ci ha fatto diventare il paese con la più alta discoccupazione" ha detto Berlusconi, criticando l'atteggiamento di chi resta attaccato alla difesa degli 8 milioni di lavoratori garantiti "senza aprirsi agli interessi di chi non è protetto o non ha lavoro".Dunque, il Governo - ha concluso Berlusconi - "non ha mai pensato di chiudere la porta al dialogo con le forze sociali, ma queste però devono aprire le porte al cambiamento".

leggi tutto

riduci

  • Non sarò più presidente-operaio, ora devo comunicare

    <br>Indice degli argomenti
    0:00 Durata: 1 min 31 sec
  • Precisazioni sul "fantomatico" articolo 18

    0:01 Durata: 6 min 43 sec
  • Contro il clima di menzogna della Cgil

    0:08 Durata: 1 min 21 sec
  • Voglio il dialogo con il sindacato

    0:09 Durata: 2 min 34 sec
  • L'incremento dell'occupazione e le riforme del governo

    0:12 Durata: 1 min 29 sec
  • Dopo lo sciopero ci sarà dialogo per le riforme che l'Ue ci chiede

    0:13 Durata: 3 min 18 sec
  • Boutade su Fabio Capello al Barcellona

    0:16 Durata: 26 sec
  • La promessa elettorale d'innalzamento delle pensioni al minimo

    0:17 Durata: 5 min 22 sec
  • La questione immigrazione

    0:22 Durata: 6 min 47 sec
  • Gli aiuti ai paesi in via di sviluppo

    0:29 Durata: 5 min 49 sec
  • La politica di contrasto all'immigrazione clandestina

    0:35 Durata: 2 min 29 sec
  • Il nuovo ministro degli esteri dopo riforma della Farnesina

    0:37 Durata: 59 sec
  • L'elenco delle riforme in cantiere, il record dei disegni di legge

    0:38 Durata: 2 min 52 sec
  • Il governo vuole il dialogo con i sindacati, ma no alla conservazione

    0:41 Durata: 2 min 35 sec
  • Fuori dalle loro competenze i ministri parlano a titolo personale

    0:44 Durata: 2 min 25 sec
  • Pronti al dialogo con le parti sociali, ma per il cambiamento

    0:46 Durata: 4 min 26 sec