31 MAR 2002

MO: Arafat sotto assedio, Israele nel terrore

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "MO: Arafat sotto assedio, Israele nel terrore", registrato domenica 31 marzo 2002 alle 00:00.

Tra gli argomenti discussi: Esteri.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • <strong>Servizi correlati</strong> (30.03.2002) - Israele respinge la risoluzione Onu (30.03.2002) - L'Onu chiede ritiro di Israele da Ramallah (29.03.2002) - Le prime reazioni internazionali (29.03.2002) - Escalation infernale <strong>Mentre il leader dell'Anp è circondato a Ramallah, in poche ore due attentati terroristici spargono sangue israeliano</strong><p><em>Aggiornamento ore 16.00</em><p>31 marzo 2002 - Ieri sera un attentato suicida a Tel Aviv, oggi ad Haifa: gli israeliani contano a decine i morti e i feriti degli attentati terroristici che stanno facendo strage di popolazioni civili.<p>Se Sharon annuncia che 'ogni mezzo' sarà usato per estirpare il terrorismo, i gruppi estremistici non sembrano certo essere intimiditi dalle prese di posizione di Sharon.<p><strong>Arafat sotto assedio</strong><p>Vittime sta provocando anche sul fronte militare l'assedio al quartier generale di Yasser Arafat a Ramallah, in Cisgiordania. <p>Il presidente dell'Anp vive momenti drammatici, con i media occidentali che diffondono immagini del leader dell'Anp al buio, circondato dalle sue guardie del corpo nel suo ufficio trasformato in bunker.<p>Le notizie da Ramallah sono spesso contrastanti: all'allarme più volte lanciato dai palestinesi sull'imminente rischio di vita per Arafat, fanno riscontro le prese di posizione israeliane che rassicurano sull'incolumità del presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese.<p><strong>A vuoto l'appello dell'ONU</strong><p>Sul fronte internazionale, Israele ha decisamente respinto l'invito dell'Onu a ritirarsi dalle città palestinesi e se questo ha suscitato indignazione nel mondo arabo, per il momento gli Usa sembrano voler sostenere ancora l'alleato israeliano.<p>George Bush, ha infatti eplsicitamente dichiarato che Arafat "puo' fare molto di piu' per prevenire gli attacchi terroristici". Il presidente Usa non si è limitato a rivolgere l'invito all'Anp, ma ha stigmatizzato Iran e Siria che devono "smettere di aiutare il terrorismo". Bush ha poi chiesto a Israele di "trovare un sentiero di pace" per uscire dalla grave crisi di questi giorni.<p>Sharon però, sin dall'inizio aveva avvisato che la campagna militare sarebbe statata lunga e senza limitazioni geografiche. Di più, aveva sin dall'inizio invitato il popolo israeliano a restare unito a fronte delle pressioni internazionali che sarebbero giunte. Sicchè la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, con l'invito al ritiro dai territori e l'avvio di un significativo cessate il fuoco, non ha minimamente intaccato le intenzioni del premier israeliano.