01 APR 2002

MO: Israele, "scudo di difesa" contro il terrorismo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "MO: Israele, "scudo di difesa" contro il terrorismo", registrato lunedì 1 aprile 2002 alle 00:00.

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Esteri.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • <strong>Servizi correlati</strong> (31.03.2002) - Arafat sotto assedio, Israele nel terrore (30.03.2002) - Israele respinge la risoluzione Onu (30.03.2002) - L'Onu chiede ritiro di Israele da Ramallah (29.03.2002) - Le prime reazioni internazionali (29.03.2002) - Escalation infernale <strong>Si estende l'operazione militare israeliana nelle città palestinesi: obiettivo stanare i terroristi, ma non si fermano gli attentati</strong><p><em>Aggiornamento ore 23.55</em><p>1 aprile 2002 - La campagna senza precedenti e senza limitazioni temporali e geografiche che Ariel Sharon ha lanciato contro il terrorismo palestinese lo scorso 29 marzo ha assunto la denominazione "scudo di difesa".<p>Da parte israeliana, infatti, l'escalation terroristica che ha seminato terrore e morte tra i civili israeliani è vissuta sempre più come un attacco al cuore dell'esistenza stessa dello stato d'Israele. <p><strong>Battaglia per la sopravvivenza</strong> <p>A pensarla così non è solo il 'falco' Sharon, ma anche il moderato ministro degli esteri, Shimon Peres che ha esplicitamente parlato di "battaglia per la sopravvivenza".<p>Con queste permesse, le pressioni internazionali affinchè Israele si ritiri dalle città palestinesi non hanno finora sortito alcun esito: i carri armati israeliani hanno esteso la pressione militare circondando le città di Betlemme, Lakilya e Tulkarem, mentre prosegue l'assedio al quartier generale di Arafat a Ramallah.<p><strong>Caccia ai terroristi</strong><p>Proprio da Ramallah giungono notizie di scontri armati tra le due parti, ma anche di numerosi arresti operati dall'esercito d'Israele. Fonti autorevoli militari e governative affermano che nell'edificio dell'Anp a Ramallah, dove si trova il quartier generale di Arafat, sono nascosti alcuni dei terroristi maggiormente e da molto tempo ricercati da Israele. <p><strong>Ultimatum a Rajub</strong><p>In tal senso, significativa è stata la notizia riportata da Al-Jazeera per la quale Israele avrebbe dato un ultimatum al capo della sicurezza palestinese in Cisgiordania, colonnello Jibril Rajub, a consegnare i "terroristi ricercati", scaduto il quale, Rajub potrebbe essere sottoposto ad un attacco militare. La tv del Quatar ha anche aggiunto che Rajub ha rigettato l'ultimatum.<p><strong>Scenario internazionale</strong><p>In questo clima mentre le Nazioni Unite in un'altra riunione urgente hanno reiterato l'invito ad Israele a riirarsi, gli Usa - che pure hanno votato a favore della risoluzione del Consiglio di Sicurezza - preferiscono rivolgersi, attraverso il Presidente Bush ad Arafat chiedendo una ferma condanna del terrorismo.<p>Domani (martedi) sarà invece la Lega Araba a riunirsi d'urgenza: una settimana dopo il vertice di Beirut che aveva approvato il piano di pace saudita, si prevede un esito completamente diverso della riunione che esprimerà la ferma e compatta condanna di tutti i paesi arabi nei confronti di Israele.<p>Le implicazioni internazionali non hanno solo impatti diplomatici: infatti, in Francia a Marsiglia un incendio doloso ha distrutto una Sinagoga e comincia a crescere il timore che la tensione medio-orientale possa generare episodi di violenza contro simboli israeliani in altre parti del mondo.