09 APR 2002

Legalità Costituzionale: Fumata nera sulla consulta, Pannella incontra Casini e insiste per "seduta fiume"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 13 min 57 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "Legalità Costituzionale: Fumata nera sulla consulta, Pannella incontra Casini e insiste per "seduta fiume"", registrato martedì 9 aprile 2002 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione audio ha una durata di 13 minuti.
  • Dichiarazioni di Marco Pannella al termine dell'incontro con il Presidente Casini

    Ancora una votazione a vuoto per l'elezione dei due giudici Costituzionali al Parlamento. Pannella rinnova a Casini la richiesta di "seduta fiume" e si dichiara pronto allo sciopero della sete <p>Roma, 9 aprile 2002 - Proprio mentre si apprendeva che un'altra seduta del Parlamento a Camere congiunte per l'elezione dei due giudici costituzionali necessari a garantire il plenum della Consulta, Marco Pannella incontrava il Presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini, per ribadirgli la necessità che il Parlamento si riunisca in seduta-fiume per l'elezione dei due giudici costituzionali, rifiutando invece la soluzione di tenere una seduta al giorno che il leader radicale ha giudicato "strampalata".&nbsp; <p>"Abbiamo parlato ovviamente dell'iniziativa nonviolenta che abbiamo sospeso rinviandola al 12 aprile (sciopero della sete di Pannella e digiuno di almeno altre 500 persone, ndr) sulla base anche delle valutazioni di ordine generale che non condividevo, ma che ho dovuto constatare che da molte parti invece erano condivise, secondo cui con queste due sedute, oggi e giovedì, si sarebbe risolto il problema del plenum della Corte Costituzionale". <p>Seduta fiume al più presto possibile <p>"Ho potuto ribadire al presidente della Camera - ha affermato Pannella - che dalle notizie che si hanno non avevo torto. Quindi quantomeno noi dobbiamo avere una vittoria di principio da questo punto di vista per le istituzioni: che vi sia una 'seduta fiume' e non quella cosa strampalata di una seduta al giorno. E al più presto possibile".<br><br>"Il presidente, ovviamente - ha proseguito il leader radicale - si è riservato ma ho già detto che credo di sapere che in passato il presidente Casini si era pronunciato per una soluzione di seduta fiume. Lui sa che io inizierò lo sciopero della sete. Questo lo addolora, lo preoccupa". <p>Killeraggio del centrosinistra contro Mancuso <p>Il leader radicale ha concluso soffermandosi nel merito dell'esito delle votazioni, criticando duramente l'ostracismo dell'Ulivo sulla candidatura di Filippo Manciso: "Devo anche dire, con molta serenità e altrettanta onestà, che questo linciaggio e questo ricatto della sinistra, del centrosinistra, contro una persona è di stampo fascista, comunista e clericale culturalmente parlando". <p>Prospettive difficili <p>Che la richiesta di Pannella di "seduta fiume"&nbsp;appaia sempre più come l'unica strada percorribile per ottenere l'elezione dei due giudici costitizionali, è apparso chiaro anche dalle dichiarazioni delle varie forze politiche dopo la votazione nulla della giornata odierna. Se il capogruppo di Forza Italia alla Camera Elio Vito ha parlato di "atteggiamento di assoluta irresponsabilita' politica e&nbsp; istituzionale" del centrosinistra ed ha confermato la difessa di Filippo Mancuso come candidato della Casa delle Libertà, il deputato Ds Bersani pur assicurando che "si sta lavorando per una soluzione", non ha però potuto garantire che il veto su Mancuso possa essere superata. <p>Sul fronte del centrosinistra, oggi lo Sdi aveva invano invitato a votare Mancuso, e dopo il voto di oggi il senatore Ottaviano Del Turco ha definito necessaria l'ipotesi di seduta fiume, pur restando una voce ancora minoritaria nel centrosinistra. <p>Novità sul fronte del plenum della Camera <p>L'azione nonviolenta dei radicali che rischia di vedere Marco Pannella intraprendere uno sciopero della sete dall'ormai imminente 12 aprile non concerne solo la Consulta, ma anche la questione dei seggi vacanti alla Camera. <p>Su questo fronte, dopo le pressioni esercitate anche dal presidente della Camera,&nbsp;il presidente della Giunta per le Elezioni, l'esponente della Margherita, Antonello Soro ha deciso di stringere i tempi e di mettere all'ordine del giorno della riunione di mercoledi' prossimo la decisione sulla vicenda, dichiarandosi ottimista sulle prospettive&nbsp; che tra i diversi schieramenti non si torni al 'muro contro muro. <p>Sul tappeto oltre alla proposta della maggioranza di suddividere i seggi vacanti tra le altre forze della Casa delle Libertà e quella dell'opposizione di suddividere i seggi tra tutte le forze che hanno superato il 4% (dunque, sia di maggioranza che di opposizione), la Giunta sembra intenzionata a prendere in seria considerazione anche l'ipotesi avanzata da Vincenzo Caianiello di non assegnare i seggi, "ma questa&nbsp; - ha precisato Soro - non deve essere una rinuncia, bensì una scelta". <p>In realtà, i radicali avevano proposto una ulteriore soluzione che prevede la redistribuzione dei seggi assegnati nella quota proporzionale a tutte le liste (incluse quelle fermatesi sotto la soglia del 4%) con il metodo d'Hondt e per questo avevano chiesto un'audizione alla giunta che però non è arrivata.
    0:00 Durata: 2 min 36 sec
  • Elio Vito, capogruppo FI alla Camera

    <br>Dichiarazioni dei parlamentari dopo la nuova fumata nera per l'elezione dei giudici costituzionali
    0:02 Durata: 3 min 24 sec
  • Pier Luigi Bersani (DS)

    0:06 Durata: 41 sec
  • Luigi Compagna (UDC)

    0:06 Durata: 2 min 40 sec
  • Ottaviano Del Turco, Sdi

    <strong>Servizi correlati</strong> (28.03.2002): Conferenza stampa di Pannella sul rilancio del Satyagraha al 12 aprile (27.03.2002): Sospensione del Satyagraha e il rilancio al 12 aprile (26.03.2002): Pannella chiede chiarimenti a Pera e Casini (25.03.2002): Pannella a Pera e Casini: "Interrompere 'flagranza del reato'" (25.03.2002): Casini e Pera: "Se necessario votazioni senza interruzioni" (25.03.2002): Servizio del Tg2 sul Satyagraha radicale e lo sciopero della sete di Marco Pannella (24.03.2002): Pannella: Io sono il difensore manifesto della legalità delle istituzioni (24.03.2002): Pannella: Casini ha proposto una seduta-fiume del Parlamento (22.03.2002): Pannella: Il mio sciopero della sete vuole aiutare il rientro nella legalità costituzionale (22.03.2002): Pannella: Il mio sciopero della sete vuole aiutare il rientro nella legalità costituzionale (21.03.2002): Pannella incontra Casini (21.03.2002): Reazioni positive di politici e parlamentari all'annuncio di Pannella (17.03.2002): Pannella: «E' un messaggio alle Camere» (17.03.2002): Pannella annuncia lo sciopero della sete (22.02.2002): Dopo la denuncia di Ruperto, Ciampi scrive a Pera e Casini (16.02.2002): I Radicali denunciano l'Italia in sede Europea (11.02.2002): Un anno dopo anche Ruperto "striglia" il parlamento: «Eleggete i giudici mancanti» (25.01.2001): Andreotti d'accordo con Pannella: "Grave la mancata elezione dei due giudici costituzionali" (14.01.2001): Pannella denuncia la mancata elezione dei due giudici costituzionali
    0:09 Durata: 4 min 36 sec