18 APR 2002

Consulta: Pannella commenta le decisioni dei presidenti delle Camere (73a ora di sciopero della sete)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 34 min 51 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Parlamento convocato per martedi 23 aprile: tre votazioni, poi si vedrà.

Intanto Pannella viaggia verso un rischiosissimo quarto giorno di sciopero della sete e Giachetti verso il secondo Roma, 18 aprile 2002 - Dopo l'ennesima votazione nulla ai fini dell'elezione dei due giudici costituzionali, il presidente Casini nell'aula ha annunciato un nuovo calendario di lavori che prevede tre votazioni per martedi 23 aprile e poi "in successione continuativa, in caso di nuovi esiti negativi, nelle giornate seguenti".

A Radio Radicale, Marco Pannella ha commentato le decisioni dei presidenti delle
Camere, osservando come alla fine abbia prevalso la tesi del presidente Pera, favorevole alle votazioni in sedute successive in opposizione alla tesi della "seduta fiume", proposta dal leader radicale che al contrario continua a giudicarla come l'unico strumento procedurale che possa garantire l'elezione dei due giudici vacanti.

Le intenzioni di Casini Se Roberto Giachetti, il parlamentare della Margherita che dalle 10 di mercoledi sta conducendo uno sciopero della sete con Marco Pannella, ha rivelato che il Presidente Casini, lo ha autorizzato a comunicare che la decisione assunta "equivale ad una seduta fiume".

Il presidente della Camera aveva incontrato Giachetti per indurlo a lasciare l'aula della Camera che l'esponente dell'Ulivo aveva deciso di occupare proprio per contestare la decisione di non convocare la "seduta fiume".

Per Pannella non bastano le buone intenzioni Le intenzioni di Casini riferite da Giachetti, però, non hanno affatto convinto Pannella che ha avuto buon gioco a ricordare gli analoghi annunci giunti dai presidenti di Camera e Senato che, pur informalmente considerando le proprie decisioni come "equivalenti" alle votazioni ad oltranza che il leader radicale chiede, alla fine si sono rivelate, nei fatti, completamente differenti dalla "seduta fiume".

"Le intenzioni sono una cosa - ha sottolineato Pannella - ma quello che il parlamento sta facendo sono una cosa completamente opposta".

I chiarimenti di Casini alla stampa Successivamente, nel corso della trasmissione, sono state trasmesse alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa dal presidente Casini che è tornato sul senso delle decisioni assunte in vista delle prossime votazioni: "La nostra decisione è assai chiara, non lascia spazio a dubbi, abbiamo deciso di dar vita ad una sorta di votazione permanente per la Corte Costituzionale" ha detto il presidente della Camera.

Il fatto che la prossima votazione sia stata convocata per martedi prossimo, è stata motivata da Casini, come una attenzione rispetto alla "sensibilità istituzionale avvertita dai capigruppo".

"Ma - ha avvertito - ma non ci sarà un secondo tempo".

Rispondendo poi a chi gli chiedeva se la decisione assunta oggi potesse essere intesa come la "seduta-fiume" chiesta da Pannella, Casini ha affermato di non ritenere importante l'aspetto "terminologico".

"Io e Pera - ha sottolinato - abbiamo deciso già di materializzare le tre votazioni da martedi", e questo significa "un impegno senza sosta del parlamento per risolvere il problema della Consulta".

Pannella, "Un bilancio desolante" Le affermazioni di Casini, però, non hanno costituito affatto un passo avanti per il leader radicale, che dopo aver duramente stigmatizzato la scelta del parlamento di "prendersi un week-end lungo" anzichè interrompere la "flagranza del reato" che prosegue da mesi, ha poi sottolineato che nelle dichiarazioni di Casini c'è l'assicurazione di tre votazioni solo nella giornata di martedi, ma "non ha detto nulla per i giorni successivi".

Serve un messaggio da Ciampi "Il presidente Casini - ha aggiunto Pannella - spera ardentemente che martedi le forze politiche si siano messe d'accordo e dunque il parlamento italiano si rimette totalmente alle espressione politico-partitiche, per non dire 'partitocratiche'.

"E' un bilancio desolante" ha concluso il leader radicale che si è quindi apprestato ad intraprendere il quarto drammatico giorno di sciopero della sete, in attesa anche di quel terzo obiettivo annunciato nella conferenza stampa in mattinata: un messaggio alle Camere del Presidente Ciampi.

(vai al servizio correlato) Il presidente della Repubblica, però, oggi si è espresso con un comunicato stampa, auspicando "le indispensabili intese", tra i gruppi parlamentari.Il Satyagraha, dunque, prosegue.

leggi tutto

riduci

  • Collegamento con Roberto Giachetti, deputato Margherita in sciopero della sete da 32 ore riferisce del colloquio con Casini

    <br>Indice
    0:00 Durata: 7 min 12 sec
  • Marco Pannella commenta le decisioni dei presidenti delle Camere

    0:07 Durata: 14 min 28 sec
  • Bordin annuncia l'incidente del Pirellone

    0:21 Durata: 1 min 24 sec
  • Falconio introduce dichiarazioni di Casini

    0:23 Durata: 30 sec
  • Dichiarazioni di Pierferdinando Casini

    0:23 Durata: 2 min 41 sec
  • Pannella commenta le dichiarazioni di Casini

    0:26 Durata: 3 min 7 sec
  • Giachetti commenta le dichiarazioni di Casini

    0:29 Durata: 3 min 13 sec
  • Pannella ulteriori considerazioni

    <strong>Servizi correlati</strong> (18.04.2002): Pannella rilancia, Serve messaggio di Ciampi alle Camere (66a ora) (17.04.2002): L'illegalità si aggrava, Pannella prosegue sciopero sete (52a ora) (17.04.2002): Pannella al termine dell'incontro con Casini (45a ora) (17.04.2002): Pannella contro il "silenzio omertoso dei media" (40a ora) (16.04.2002): Pannella, Rischio la vita contro il massacro di civiltà (26a ora) (16.04.2002): I medici, Pannella è già a grave rischio di vita (16.04.2002): Annullate votazioni, Pannella prosegue sciopero sete (15.04.2002): Pannella beve l'ultimo bicchiere d'acqua ed avvia lo sciopero della sete (15.04.2002): Verso una nuova fumata nera e niente "seduta fiume" (13.04.2002): Abbattere il regime fondato sul culto dell'illegalità (11.04.2002): Casini e Pera annunciano «votazioni continue», parte il Satyagraha (11.04.2002): Verso la nuova fumata nera (10.04.2002): Se domani ci sarà l'ennesima fumata nera, Pannella inizierà lo sciopero della sete (09.04.2002): Fumata nera sulla consulta, Pannella incontra Casini e insiste per "seduta fiume" (28.03.2002): Conferenza stampa di Pannella sul rilancio del Satyagraha al 12 aprile (27.03.2002): Sospensione del Satyagraha e il rilancio al 12 aprile (26.03.2002): Pannella chiede chiarimenti a Pera e Casini (25.03.2002): Pannella a Pera e Casini: "Interrompere 'flagranza del reato'" (25.03.2002): Casini e Pera: "Se necessario votazioni senza interruzioni" (24.03.2002): Pannella: Casini ha proposto una seduta-fiume del Parlamento (22.03.2002): Pannella: Il mio sciopero della sete vuole aiutare il rientro nella legalità costituzionale (21.03.2002): Pannella incontra Casini (21.03.2002): Reazioni positive di politici e parlamentari all'annuncio di Pannella (17.03.2002): Pannella: «E' un messaggio alle Camere» (17.03.2002): Pannella annuncia lo sciopero della sete (22.02.2002): Dopo la denuncia di Ruperto, Ciampi scrive a Pera e Casini (16.02.2002): I Radicali denunciano l'Italia in sede Europea (11.02.2002): Un anno dopo anche Ruperto "striglia" il parlamento: «Eleggete i giudici mancanti» (14.01.2001): Pannella denuncia la mancata elezione dei due giudici costituzionali
    0:32 Durata: 2 min 16 sec