10 OTT 2002

Legittimo sospetto: Rissa tra An e Udc alla Camera su 'Mani pulite'

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 35 min 18 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Un riferimento a Mani Pulite di La Russa innesca l'ira degli ex-Dc.

Follini: "E' una vergogna!" Roma, 10 ottobre 2002 - La maggioranza approva alla Camera il testo del disegno di legge sul legittimo sospetto, ma proprio al momento del voto si apre una rissa tra gli esponenti di AN e i centristi dell'Udc.

Ad innescare la miccia sono state le dichiarazioni in sede di dichiarazione di voto da parte del capogruppo di Alleanza Nazionale, Ignazio La Russa.

L'esponente di AN, infatti, nel suo intervento ha voluto replicare al popolare della Margherita, Franceschini che nell'intervento immediatamente
precedente aveva elencato le prese di posizione di esponenti della destra, dello stesso La Russa e di Gianfranco Fini a sostegno dei magistrati di Milano nell'epoca d'oro di Mani Pulite.

La frase incriminata "Vede - ha detto La Russa, rivolto a Franceschini - lei ha citato una frase di Fini.

Mi sarebbe stato facile, onorevole Franceschini, dire come mai quelle frasi poteva dirle Fini, poteva dirle Bossi, ma non potevano dirle esponenti del partito in cui lei allora militava".

A queste parole si sono sollevate proteste virulente da parte di tutte le componenti centriste del parlamento, ed in particolare degli esponenti dell'Udc, la componente ex-democristiana della maggioranza.

La rissa in Transatlantico Il corrispondente dalla Camera di Radio Radicale, Alessio Falconio ha riferito di alcuni autorevoli esponenti come il ministro Buttiglione e il presidente Marco Follini che hanno lasciato l'aula senza prendere parte al voto: scuro in volto il primo, furente il secondo che proprio ai microfoni di Radio Radicale ha affermato: "E' una vergogna! E' giustizialismo all'amatriciana".

In transatlantico vi sono stati dei veri e propri scontri verbali e la situazione non si è placata nemmeno nelle ore successive, quando si sono susseguite dichiarazioni furenti da parte di esponenti centristi che hanno chiesto un "immediato chiarimento" agli alleati di centrodestra.

Per la cronaca, il testo del ddl Cirami è stato approvato con 307 si, 253 no, un astenuto.

Per diventare legge, però, deve ora tornare nuovamente al Senato.

leggi tutto

riduci

  • La cronaca di Alessio Falcionio

    0:00 Durata: 4 min 1 sec
  • <strong>Il dibattito alla Camera</strong> (25.09.2002) - Esame di questioni pregiudiziali e sospensive, discussione generale (26.09.2002) - Inizio esame articoli (10.10.2002) - Seguito esame articolo unico (10.10.2002) - Conclusione esame articolo unico (10.10.2002) - Dichiarazioni di voto e votazione finale <strong>Il dibattito al Senato</strong> (01.08.2002) - Esame pregiudiziali, inizio discussione generale (01.08.2002) - Seguito discussione generale, esame articoli (01.08.2002) - Dichiarazioni di voto e votazione finale
    0:00 Durata: 10 min 56 sec
  • Gli scontri verbali tra deputati centristi e di An

    <br><strong>In transatlantico</strong>
    0:04 Durata: 3 min 14 sec
  • Dichiarazioni di Castagnetti a Radio Radicale

    0:07 Durata: 2 min 56 sec
  • Dichiarazioni di Volontè a Radio Radicale

    0:10 Durata: 26 sec
  • Dichiarazioni di Follini a Radio Radicale: "E' una vergogna"

    0:10 Durata: 19 sec
  • L'antefatto: Le citazioni di Franceschini

    <br><strong>In aula</strong>
    1:00 Durata: 8 min 22 sec
  • Il fatto: Le dichiarazioni di La Russa che hanno scatenato la rissa

    1:15 Durata: 5 min 4 sec