19 MAR 2001

Pannella a RadioRadicale: "E' l'ora del Radical-Pride"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 40 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 19 mazro 2001 - Documento audiovideo della edizione straordinaria della conversazione settimanale con Marco Pannella, sull'attualità politica e sulle iniziative dei Radicali.

Nell'edizione di oggi, condotta da Paolo Martini, Pannella rivolge un appello al Radical Pride, all'orgoglio dei compagni radicali.

Il leader radicale spiega come attraverso la difesa dei propri diritti, i Radicali difendano anche quelli di tutti, dagli omosessuali di cui già a partire dagli anni '60 si condanna la discriminazione, ai milioni di malati che oggi potrebbero beneficiare della libertà di ricerca
scientifica e del "diritto ad una morte dignitosa".

Pannella, affrontando le questioni di attualità politica, sottolinea come questa sia pervasa da notizie che rievocano l'attivismo radicale, e che talvolta sono "false" e destinate soltanto a sottrarre spazio a quelle vere, mentre in altri casi, sono da salutare con favore, come l'elezione di un sindaco omosessuale per Parigi.

L'appello di Pannella è rivolto affinchè quella che si vuole come un'etnia, l'"etnia radicale", nonostante il genocidio commesso dai mezzi d'informazione più volte denunciato, la "designazione dell'uomo della Provvidenza da parte dello schieramento politico di potere e del Centrosinistra", non scompaia con le prossime elezioni.

leggi tutto

riduci

  • Il Radical Pride: «Questa condizione deve essere vissuta anche con orgoglio, con fierezza, contrapposta ad un'attualità che la mortifica come qualcosa di inesistente o di superfluo»

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 8 min 31 sec
  • La sessualità: «In un articolo su Repubblica, Adriano Sofri scrive: grazie a Radio Radicale ho potuto sentire il convegno sulle mutilazioni genitali femminili e mi sono accorto di come nulla sapessi del corpo femminile»

    0:08 Durata: 15 min 39 sec
  • La ricerca scientifica: «Non solo noi abbiamo Luca Coscioni, capolista nazionale delle liste radicali, a questo punto abbiamo un altro compagno, candidato al collegio Camera di Putignano, Camillo Colapinto, che è nelle condizioni di Luca»

    0:24 Durata: 8 min 17 sec
  • La non-violenza: «Prendiamo atto che tra Bertinotti, Taradash, Calderisi e soprattutto Panebianco, false iniziative non-violente prendono il posto delle nostre e diventano l'attualità»

    0:32 Durata: 5 min
  • L'informazione: «Abbiamo documentato il genocidio dei Radicali»

    0:37 Durata: 12 min 56 sec
  • La Chiesa: «C'è oggi una superstizione costosissima, sicuramente più mostruosa della follia del fondamentalismo talebano»

    0:50 Durata: 12 min 13 sec
  • La formazione radicale: «Barbara Spinelli ieri ha scritto che rappresentiamo una scuola di alta politica, che tutto quello che vede di positivo in Europa e in Francia, l'abbiamo preparato noi»

    1:02 Durata: 10 min 34 sec
  • Il fronte politico italiano: «Berlusconi è l'erede già designato dello schieramento di potere e del Centrosinistra»

    1:13 Durata: 5 min 43 sec
  • L'emergenza delle denunce radicali: «Stiamo vivendo una fase molto avanzata della messa a morte della civiltà giuridica moderna, di simboli che annunciano la peste ne vedo ogni giorno»

    1:18 Durata: 7 min 37 sec
  • L'attivismo omosessuale: «Non so se il Sindaco di Parigi è a favore della famiglia omosessuale, ma sono sicuro che non si vergognerà di governare senza discriminazioni»

    1:26 Durata: 7 min 21 sec
  • L'appello all'orgoglio radicale: «Compagne e compagni è il momento in cui è necessario dar corpo e parola al Radical Pride»

    1:33 Durata: 6 min 51 sec