27 MAR 2001

Pannella in Sicilia: Conferenza stampa a Palermo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 18 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Palermo, 27 marzo 2001 - Documento audiovideo della conferenza-stampa di presentazione dei candidati e del programma elettorale della Lista Bonino in Sicilia, in cui figurano quali capolista, Gianfranco Dell'Alba, il senatore Pietro Milio e il presidente dell'Air Sicilia, Luigi Crispino.

 Nel corso del suo intervento, Marco Pannella, si è soffermato sulla vicenda siciliana, sottolineando come la corruzione da parte della "mafia partitocratica" abbia finito per coinvolgere anche la mafia tradizionale.

Il leader radicale ha confermato la scelta di presentarsi autonomamente rispetto alle due
coalizioni: "Il regime governato dal Centrosinistra punta alla sua salvezza attraverso una rigenerazione che può avvenire con Berlusconi" definito "l'uomo della provvidenza" anche ricordando l'invito astensionista contro i referendum del maggio 2000 con il quale il leader dell'opposizione "ha salvato 42 partiti su 44", ma anche il partito dei pm e quello del potere sindacale. Soprattutto però, Pannella ha posto al centro del proprio intervento l'annunciato satyagraha radicale di Emma Bonino, "uno sciopero della fame che si tradurrà subito in sciopero della sete", e l'ipotesi di chiusura di trasmissioni di Radio Radicale come momento di massimo scontro nella incessante lotta politica dei radicali per proporre al centro della decisione politica del paese alcune questioni inerenti la "vita e la morte" di milioni di cittadini, dalla ricerca scientifica all'eutanasia, dalle riforme del mercato del lavoro alle pensioni: "Non siamo riusciti ad ottenere che il popolo italiano conoscesse, per poter sciegliere".

  A tal proposito il leader radicale ha nuovamente richiamato la situazione della fine degli anni '30 quanto l'Italia era "unitissima nel tripudio all'annuncio di Mussolini dell'ingresso in guerra, un tripudio di quasi tutti ed il 'quasi' era clandestino: il popolo italiano non poteva sapere che lo stato maggiore ed altri dittatori fascisti come Salazar e Franco non volevano l'ingresso in guerra dell'Italia, e non essendo informati tutti hanno fatto una scelta suicida".

Pannella ha proseguito nel parallelo ricordando che allora come adesso, c'erano dei radicali ed erano il 'quasi': "Erano al confino o all'estero e comunque impossibilitati nel comunicare la loro diversa opinione.

Oggi, con il monopartitismo imperfetto della partitocrazia, non siamo riusciti minimamente a informare il popolo italiano di questo che è suo diritto vitale" e la censura dei radicali si rivela "lo strumento per ottenere" l'ignoranza del paese su queste possibilità di miglioramento delle condizioni di vita di milioni di italiani.

 Rispetto a tutto questo e ricordando che come in Jugoslavia o Medio-Oriente, anche per l'Italia, resta la convinzione radicale che "dove c'è strage di diritto c'è strage di persone", Pannella rivendica il "diritto dovere di parlare per essere giudicati e non di essere ignorati dal popolo italiano che si appresta a votare" e che quindi l'iniziativa nonviolenta di Emma Bonino è volta ad evitare che seguano "ore molto più buie di quelle che seguirono il tripudio del '39".

leggi tutto

riduci

  • Gianfranco Dell'Alba, europarlamentare e capolista Lista Bonino in Sicilia, presenta le candidature

    <strong>Indice degli interventi</strong><br>
    0:00 Durata: 4 min 16 sec
  • Luigi Crispino, presidente Air Sicilia e candidato Sicilia 1 e Sicilia 2: «Il partito Radicale è l'unico che mi garantisce una libertà di pensiero che oggi questo tipo di regime non mi garantisce»

    0:04 Durata: 9 min 34 sec
  • Pietro Milio, senatore Lista Pannella e candidato Lista Bonino: «La mia solitaria attività parlamentare ha sempre avuto il partito dietro»

    0:13 Durata: 6 min 13 sec
  • Marco Pannella: «Si è eliminato il soggetto politico radicale dall'inormazione per impedire il dibattito sui temi della vita e della morte di milioni di cittadini»

    0:20 Durata: 49 min 40 sec
  • Pannella, sulle elezioni regionali: «Quello che mi interesserebbe è la rivoluzione siciliana per l'Italia e l'Europa, una Sicilia che adotta uno statuto e una legge lettorale americani e svizzeri»

    <strong>Domande dei giornalisti</strong>
    1:09 Durata: 4 min 12 sec
  • Luigi Crispino : «La classe politica attuale rifiuta il cambio della mentalità»

    1:13 Durata: 4 min 46 sec