10 APR 2001

Giuliano Amato all'Inaugurazione dell'anno accademico del Politecnico di Torino

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 32 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Torino, 10 aprile 2001 - Documento audiovideo dell'inaugurazione dell'anno accademico 2001-2002 del Politecnico di Torino, con la partecipazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuliano Amato.

"La disputa un po' sciocca tra la nuova e vecchia economia deve essere risolta pensando ad un'economia innovata e ad una società innovata attraverso innesti con le nuove tecnologie " - afferma il Presidente del Consiglio, sottolineando l'importanza dei ruoli di università, ricerca e impresa, in questo compito.

Con l'obiettivo di stimolare il mondo accademico presente, Amato cita ad esempio la
realtà del Mit (Massachusetts Institute of Technology ), spiegando che se le imprese provenienti da ricercatori di questo celebre istituto americano costituissero da sole l'utile industriale di uno Stato, sarebbero la 24esima economia del mondo.

Il potenziale innovativo della ricerca e la creazione di un canale di comunicazione con l'applicazione industriale, secondo il premier, sono ancora più importanti in Italia, dato l'esiguo spazio riservato ad essi negli anni passati. .

Nel ricordare i passi compiuti dai governi del Centrosinistra su questo fronte, Amato sottolinea l'introduzione dello spin-off, nell'ambito dei provvedimenti per favorire la mobilità dei ricercatori, e l'istituzione delle fondazioni per l'università.

Il Presidente del Consiglio, tra l'altro, evidenzia che queste riforme sono state ispirate da suggerimenti provenienti proprio dai politecnici di Torino e Milano.

"Ci tengo a dirlo perché qualcuno pensa che i nostri governi, in questi anni, non abbiano sentito abbastanza la voce del Nord" - spiega il presidente del Consiglio.

Concludendo il suo discorso, Giuliano Amato, in riferimento alla istituita autonomia delle università, riserva qualche commento alla guerra nominalistica scatenatasi intorno alle mini-lauree, "fatta per evitare che portasse in qualche modo il nomen lo stesso laureato triennale" e giudicata "degna dei tempi della Secchia Rapita", ed al ruolo del dottorato che deve consistere di "una preparazione specifica e non solo accademica".

Nel corso della cerimonia, il Rettore dell'università, Rodolfo Zich, premia alcuni prestigiosi ex-allievi del Politecnico.

La prolusione, in questa 141° dalla fondazione, è svolta dal professore Carlo Olmo ed ha come tema: "Dalla proto-industria alla società della conoscenza: le metamorfosi della cultura politecnica".

leggi tutto

riduci

  • Rodolfo Zich, rettore del Politecnico di Torino

    <strong>Indice degli interventi</strong><br>
    0:00 Durata: 32 min 26 sec
  • Roberto Arrigoni, rappresentante degli studenti

    0:34 Durata: 7 min 28 sec
  • Giuliano Amato, presidente del Consiglio dei Ministri

    0:41 Durata: 14 min 50 sec
  • Carlo Olmo, direttore Istituto di Scienze Umane

    <em>Prolusione: "Dalla proto-industria alla società della conoscenza. Le metamorfosi della cultura politecnica"</em>
    0:56 Durata: 22 min 11 sec
  • Premiazione degli ex-allievi del Politecnico

    1:18 Durata: 16 min