20 MAG 2001

Conversazione settimanale con Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 58 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 20 maggio 2001, h22.00 - Ad una settimana dalle elezioni, nel corso della consueta conversazione settimanale, Marco Pannella analizza i risultati del voto e le ragioni della sconfitta dei Radicali.

Nell'immediato futuro del partito, secondo il leader radicale, l'iniziativa politica costituita dal Comitato di Osservatori Internazionali con cui si cercherà di dare "corpo ad un monitoraggio della democrazia reale".

Anche senza rappresentanti in Parlamento, i Radicali conserveranno, dunque, un ruolo di garanzia, per "scoprire la realtà di uno Stato, attraverso le sue illegalità
costanti".

Più in generale, allargando l'analisi allo schieramento che esce vincitore dalle consultazioni del 13 maggio, Pannella segnala le incognite legate alla dicotomia "governo/potere".

Secondo il leader radicale, infatti, anche se il Centrodestra ha conquistato un ruolo di governo, non ha ancora preso il potere, per far questo dovrà necessariamente attivare contatti con il Centrosinistra.

L'atteggiamento, comunque, dei Radicali nei confronti del nuovo esecutivo è di attesa.

Pannella sottolinea il ruolo-chiave della persona del Presidente della Camera, nella valutazione del governo Berlusconi.

In particolare, il leader sconsiglia vivamente, per la terza autorità della Repubblica, la scelta di un candidato leghista, quale potrebbe essere Roberto Maroni, mentre vedrebbe di buon occhio la nomina di Antonio Martino, che potrebbe riequilibrare anche il ruolo di Mirko Tremonti nella Casa delle Libertà.

In merito, invece, alla questione dei 15 deputati mancanti in vista della prima riunione della Camera, Pannella suggerisce una soluzione alternativa.

"L'articolo per il quale non hanno rappresentanza coloro che non hanno raggiunto il 4%, in questo caso, non è applicabile" - afferma il leader radicale, spiegando che, far prevalere gli altri requisiti di legge sullo sbarramento, permetterebbe di ripristinare il metodo D'Hondt per tutti i partiti esclusi dall'assegnazione dei seggi nella quota proporzionale.

In studio, Massimo Bordin.

leggi tutto

riduci

  • Il risultato del 13 maggio: «Questa volta la Cdl ha preparato meglio la struttura corrispondente alla legge elettorale»

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 7 min 33 sec
  • Il nuovo governo: «Se questo nuovo blocco di destra parte dando la terza personalità dello stato ad uno della Lega, dimostra il senso dello Stato che ha»

    0:07 Durata: 8 min 40 sec
  • La posizione dei Radicali: «Mai con questa destra, ma se vi fosse la rottura con la Lega e la scelta di Martino come terza personalità della Repubblica, noi staremmo a guardare interessati»

    0:16 Durata: 10 min 57 sec
  • Il Comitato di Osservatori: «Cerchiamo di dar corpo ad un monitoraggio della democrazia reale, come iniziativa politica. Si parte dall'Italia in cui diventa quasi demagogicamente conveniente»

    0:27 Durata: 10 min 56 sec
  • La funzione dei Radicali: «Togliere il lenzuolo e mostrare quel che c'è sotto, scoprire la realtà di questo Stato, attraverso le sue illegalità costanti, condizione di sopravvivenza di questo regime»

    0:38 Durata: 10 min 12 sec
  • Il prossimo futuro: «Occorre trovare l'assetto conseguente al fatto che per 4 anni non ci saranno più elezioni»

    0:48 Durata: 4 min 15 sec
  • Il Falun Gong: «Si tratta di una nuova ondata buddista, priva di qualsiasi struttura, con un'ideologia (pare) del tutto libertaria»

    0:52 Durata: 7 min 3 sec
  • L'atteggiamento dei due schieramenti: «Dovunque potevano scegliere l'elezione di un radicale, invece di un leghista o un dipietrista, la sinistra ha preferito la destra, e viceversa»

    0:59 Durata: 10 min 12 sec
  • I "grandi vecchi" e il nuovo governo: «Si tiene ad occhio chi andrà ai servizi segreti, perchè ci sono cadaveri negli armadi»

    1:09 Durata: 13 min 43 sec
  • Il problema dei 15 deputati mancanti: «L'articolo per il quale non hanno rappresentanza coloro che non hanno raggiunto il 4%, in questo caso, non è applicabile»

    1:23 Durata: 12 min 44 sec
  • Gli errori di questa campagna elettorale e le cause della sconfitta

    1:36 Durata: 16 min 41 sec
  • La settimana che si apre

    1:52 Durata: 5 min 20 sec