05 GIU 2001

D'Antoni: Da soli contro un falso bipolarismo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 57 min 7 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Democrazia Europea correrà da sola contro i due poli nelle elezioni regionali siciliane del prossimo 24 giugno.

Lo conferma Sergio D'Antoni a Radio Radicale, dichiarando anche di puntare alla conferma del 7% raccolto nell'isola nelle ultime politiche, nonostante le defezioni registratesi nel partito.

"Continuiamo in autonomia la nostra battaglia per l'affermazione del centro.

Abbiamo trovato molta arroganza nelle forze della CDL aderenti al PPE con le quali abbiamo cercato un dialogo.

L'attuale bipolarismo é falso e non funziona, come dimostrano le dispute interne alle due coalizioni.

Il
centrodestra, come già nel 1994, alla prima prova di tenuta mostra i propri limiti nel garantire la governabilità; nel centrosinistra a fronte dei DS in travaglio c'è una Margherita che pare entusiasta della sconfitta della coalizione".

Il dibattito interno che ha condotto alla decisione di competere in autonomia, spiega poi D'Antoni, "é stato anche aspro, ha provocato qualche defezione, ma é stato democratico e trasparente".

La decisione permette di rilanciare il progetto politico di Democrazia Europea anche attraverso il particolare meccanismo elettorale siciliano che da un lato elegge direttamente il presidente della Regione e dall'altro, con liste provinciali collegate ad un candidato alla presidenza, elegge, con sistema proporzionale, i rappresentanti nell'Ars.

L'ex leader della Cisl, tra l'altro, respinge le accuse di chi lo ha tacciato di 'opportunismo': "Ho preso un milione di voti e non sono nemmeno entrato in Parlamento.

Ve ne sono invece altri, da ambo le parti, che, loro sì, si sono 'sistemati' con manovre di vero opportunismo".

D'Antoni ribadisce ancora una volta che non vi è stata alcuna "trattativa" con la Casa delle Libertà dopo il voto del 13 maggio, ma solo la ricerca di un dialogo.

"La storia di un ministero che sarebbe potuto andare a me è del tutto inventata.

Inventata dalla stessa Cdl per screditarmi e per risolvere dispute al proprio interno che, come ben si vede oggi, sono esplose con fragore".L'intervista è a cura di Sergio Scandura.

leggi tutto

riduci

  • Le elezioni regionali in Sicilia: «La candidatura nasce dall'esigenza di apparentarsi ad un candidato-presidente, abbiamo cercato un dialogo ma abbiamo registrato un'arroganza spaventosa»

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 3 min 35 sec
  • Il ruolo di De: «Siamo contrari a questa trasformazione pragmatica della costituzione senza un dibattito che l'accompagni»

    0:03 Durata: 4 min 18 sec
  • Lo stress tra Lega e Berlusconi: «L'avevo già notato nella campagna elettorale, mi pare che queste dispute siano la continuazione della Prima Repubblica»

    0:07 Durata: 2 min 18 sec
  • L'appoggio alla Cdl: «Il nostro orizzonte è il Ppe, del resto tutto si può discutere quando si tratta di alleanze locali»

    0:10 Durata: 3 min 53 sec
  • L'obiettivo del 24 giugno: «Il 7% è la quota su cui puntiamo, tenuto conto che il dibattito aspro che abbiamo avuto ha portato alcune defezioni»

    0:14 Durata: 2 min 3 sec
  • Il falso bipolarismo nel nostro Paese: «Bisogna aprire un dibattito per trovare un sistema elettorale di garanzia per tutti»

    0:16 Durata: 5 min 27 sec
  • I ballottaggi nelle grandi città: «Il personalismo che c'è ormai nella politica ha fatto sì che quando Berlusconi non è stato più in campo, le personalità che erano in campo avverso hanno trovato la vittoria»

    0:21 Durata: 2 min 46 sec
  • Il rilancio della Sicilia: «Lo sviluppo deve prendere la strada del Mezzogiorno, una discussione per stabilire le priorità è fondamentale»

    0:24 Durata: 6 min 48 sec
  • Interventi del pubblico

    <strong>Filodiretto con i radioascoltatori</strong>
    0:31 Durata: 4 min 31 sec
  • Le scelte elettorali: «I cittadini sono sempre gli stessi, quando votano da una parte o dall'altra. C'è un vizio degli intellettuali a definirli "siciliani servili" quando votano a destra»

    0:35 Durata: 1 min 10 sec
  • Il ruolo del sindacato: «Senza l'accordo dei 'bulloni' l'Italia non sarebbe l'Europa»

    0:36 Durata: 7 min 19 sec
  • Interventi del pubblico

    0:44 Durata: 3 min 36 sec
  • Le pensioni: «La riforma si è fatta, non c'è bisogno di altri interventi. Va regolato il settore della previdenza integrativa»

    0:47 Durata: 6 min 11 sec
  • Su Sergio Cofferati: «E' arrivato anche per lui il momento di misurarsi in politica, anzicchè dare giudizi dall'esterno»

    0:53 Durata: 3 min 12 sec