10 GIU 2001

Unicost: Tavola rotonda sul ruolo delle Authority nella giurisdizione e sull'obbligatorietà dell'azione penale

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 39 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Orvieto, 10 giugno 2001, h10:50 - «L'obbligatorietà dell'azione penale è una necessaria ipocrisia costituzionale».

Il vicepresidente del Csm, Giovanni Verde, ha così commentato la questione che, con un nuovo esecutivo che promette di rivedere l'art.112 della Costituzione, ha assunto centralità nel dibattito politico.Il tema è stato al centro del dibattito organizzato nell'ambito dell'assise Unicost, dal titolo «La giurisdizione tra efficienza e garanzie.

Il ruolo delle Authority» cui hanno partecipato il presidente Unicost, Abbate, il presidente Anm Gennaro, il senatore di FI Centaro,
l'ex sottosegretario agli interni dei Ds, Massimo Brutti, il presidente dell'Authority sulla privacy, Rodotà, il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Nicola Buccico.

«Il controllo e la scelta delle priorità, la valutazione dell'offensività, non possono spettare al potere esecutivo nè ad una maggioranza parlamentare».

Secondo il senatore dei Democratici di Sinistra, Massimo Brutti, nel nostro ordinamento già sussiste una sufficiente elasticità, che, diversamente dalle proposte presenti nel programma della Cdl, non esclude un accurato sistema di garanzie.

«Quando si parla di obbligatorietà si stabilisce che l'azione penale debba essere esercitata sulla base di criteri predeterminati e che vi siano anche casi di esclusione della procedibilità, ma controllati da un giudice terzo» dichiara il sottosegretario uscente.

La replica di Roberto Centaro, senatore di Forza Italia, arriva poco dopo.

«Nella valutazione dell'offensività del fatto cade il principio dell'obbligatorietà dell'azione penale», dice l'ex magistrato, che, pur tendendo «un ramoscello d'ulivo» allo schieramento opposto, spiega di non poter convenire su questo punto.

La determinazione dell'offensività/inoffensività del fatto, secondo Centaro, è infatti già implicita nella formulazione dell'articolo 112, quindi non può costituire oggetto di pretese da parte della Cdl.

Leit motiv del dibattito è stata la pressocchè unanime presa d'atto del dissesto in cui versa la giustizia italiana.

Affrontando il tema centrale della tavola rotonda, il dibattito ha rivelato dubbi notevoli anche sulle nuove autorità di garanzia.

Lo stesso Stefano Rodotà, presidente Autorità Garante per la Riservatezza dei Dati Personali, ha criticato la distorsione italiana di queste istituzioni, ma che ne sottolinea con forza anche la necessità: «L'autorità che io presiedo è stata la condizione perchè noi entrassimo nell'accordo di Schengen», rileva Rodotà.

A questa affermazione Centaro obietta che, se questo è vero, bisogna tener conto anche che «l'authority non può dare le garanzie di una magistratura ordinaria, perchè resta espressione di un potere politico».

Fondamentale anche la questione della responsabilità dei magistrati nelle irragionevoli lunghezze della giustizia, oggetto tra l'altro di un emendamento proposto dallo stesso Roberto Centaro alla discussa legge 'Pinto'.

L'emendamento in questione ha introdotto la trasmissione obbligatoria del provvedimento che sancisce l'equa riparazione in caso di lesione del diritto del cittadino alla ragionevole durata del processo al procuratore generale della Corte dei Conti e al titolare (o ai titolari) delle azioni disciplinari.

Sul punto si esprime chiaramente Giuseppe Gennaro, presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati: «Il trasferimento della responsabilità dallo Stato per omessa predisposizione degli strumenti al magistrato ha un vago sapore di pressione». .

leggi tutto

riduci

  • Saluto di Aniello Palmieri, presidente Tribunale di Orvieto

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 2 min 32 sec
  • Saluto di Valerio Venturi, avvocato

    0:02 Durata: 5 min 33 sec
  • Introduzione di Nino Abbate, presidente Unicost

    0:08 Durata: 8 min 40 sec
  • Stefano Rodotà, presidente Autorità Garante per la Riservatezza dei Dati Personali: «L'autorità che io presiedo è stata la condizione perchè noi entrassimo nell'accordo di Schengen»

    0:17 Durata: 13 min 43 sec
  • Roberto Centaro, senatore Forza Italia: «L'authority non può dare le garanzie di una magistratura ordinaria, perchè resta espressione di un potere politico»

    0:30 Durata: 11 min 31 sec
  • Massimo Brutti, senatore Ds, sull'obbligatorietà dell'azione penale: «Il controllo e la scelta delle priorità, la valutazione dell'offensività, non possono spettare al potere esecutivo nè ad una maggioranza parlamentare»

    0:42 Durata: 18 min 59 sec
  • Nicola Buccico, presidente del Consiglio Nazionale Forense: «In Italia è più facile fare una rivoluzione, che abolire un tribunale»

    1:01 Durata: 17 min 17 sec
  • Giuseppe Gennaro: «Progressivamente la giurisdizione del giudice ordinario finisce per costituire una forma di 'serie C' destinata agli interessi meno bisognevoli di protezione»

    1:18 Durata: 9 min 57 sec
  • Giovanni Verde: «Abbiamo assistito ad una dilatazione del processo penale al punto che è diventato 'processo' anche l'indagine, mentre nel processo civile si vorrebbe una concentrazione massima»

    1:28 Durata: 16 min 1 sec
  • Stefano Rodotà: «La critica alla distorsione italiana delle authority non consente la soppressione»

    1:44 Durata: 18 min
  • Roberto Centaro: «Nella valutazione dell'offensività del fatto cade il principio dell'obbligatorietà dell'azione penale»

    2:02 Durata: 10 min 10 sec
  • Massimo Brutti: «Quando si parla di obbligatorietà si stabilisce che l'azione penale debba essere esercitata sulla base di criteri predeterminati e che vi siano anche casi di esclusione della procedibilità controllati da un giudice terzo»

    2:12 Durata: 10 min 8 sec
  • Nicola Buccico: «Gli avvocati stanno predisponendo una legge affinchè in Cassazione si arrivi dopo il decorso dei 12 anni»

    2:22 Durata: 4 min 51 sec
  • Giuseppe Gennaro: «Il trasferimento della responsabilità dallo Stato per omessa predisposizione degli strumenti al magistrato ha un vago sapore di pressione»

    2:27 Durata: 5 min 37 sec
  • Giovanni Verde: «L'obbligatorietà dell'azione penale è una necessaria ipocrisia costituzionale»

    2:33 Durata: 6 min 38 sec