25 GIU 2001

Conversazione settimanale con Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 49 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 25 giugno 2001 - Il dibattito interno ai Radicali, ma soprattutto l'attualità politica italiana ed internazionale, al centro della conversazione tra il direttore di Radio Radicale e Marco Pannella, questa settimana.

L'appuntamento di oggi cade nel giorno dei funerali di Massimo Finoia, che affetto da una grave forma di cancro è mancato venerdì.

Finoia, era un economista, già preside della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università "Roma Tre" e collaboratore de "Il Sole 24 Ore", nell'ultimo anno aveva partecipato attivamente alle iniziative radicali, candidandosi per la Lista
Bonino nel collegio senatoriale n° 6 Lazio 1.

Pannella ne ricorda soprattutto la storia diversa e infine comune con quella radicale, annunciando che Radio Radicale si occuperà di pubblicare tutto quello da lui detto in questo ultimo anno, comprese alcune sue toccanti lettere private.

«Dobbiamo riprendere consapevolmente il rischio di grandi fallimenti», dichiara il leader radicale, sottolineando che il 'comitato lungo un mese' ed i conclusivi incontri del 12-15 luglio prossimi rappresentano «un momento di ritrovata legalità e chiarezza».

Intanto, rileva ancora Pannella, va registrata la rottura della «conventio ad excludendum» nei confronti del segretario del Partito Radicale, visto che ieri Vittorio Feltri e Libero hanno pubblicato un articolo di Olivier Dupuis che racconta la situazione in Vietnam.

«La storia deve fare salti» - aggiunge - non importa dunque se ciò che viene seminato dai Radicali, viene raccolto da altri.

E' il caso della proposta di un Tribunale ad hoc per i crimini nella ex Yugoslavia, adottata dai Radicali nel '91, ed oggi sul punto di essere realizzata.

Domani, potrebbe trattarsi delle affermazioni di Marco Pannella che ribadiscono il legame tra famiglia e pedofilia e le responsabilità della giustizia e della Chiesa italiane che si rifiutano di andare «al cuore del problema», e che per il momento valgono al leader radicale solo la querela del procuratore capo di Torre Annunziata, Alfredo Ormanni.

Torna di grande attualità il dibattito sui rapporti tra politica e giustizia.

Radioradicale.it ha seguito in diretta il convegno di MD a Lerici, in cui è intervenuto tra gli altri, il capogruppo dei Ds, Luciano Violante.

Secondo Pannella, l'ex presidente della Camera, «torna ad avere gli accenti di dieci anni fa» e ricorda che si deve a lui soprattutto la costituzione di quel centro di potere «sovversivo» dai radicali conosciuto come «il partito dei giudici».

Ma oggetto delle cronache politiche di questa mattina è anche la situazione nei Democratici di Sinistra, che questa sera riuniranno la Direzione Nazionale.

Il leader radicale usa parole dure contro la sinistra italiana, che - dichiara - non ha mai creduto nello «scontro democratico», «sempre sospettando di essere accusata da Bertinotti di totalitarismo».

Se Gianfranco Pasquino e Franco Debenedetti, paiono essersi accorti del costo in termini di democrazia e legalità del mancato appoggio della sinistra ai referendum radicali, Pannella afferma di non poter dire lo stesso di Giuliano Amato, che, invece «fa parte di una sinistra sociologica in cui si muove come «dentro il ventre materno».In studio: Massimo Bordin.

leggi tutto

riduci

  • Politica e giustizia: «Luciano Violante torna ad avere gli accenti di dieci anni fa»

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 13 min 33 sec
  • Pedofilia e famiglia: «Ormanni sa ed occulta, accendendo i fuochi su un aspetto che riguarda il 2-3% delle vittime di pedofilia. Come Don Noto non va al cuore del problema»

    0:13 Durata: 11 min 27 sec
  • La questione ambientale: «Come Radicali occorrerà riprendere i contatti con gli Amici della Terra»

    0:25 Durata: 9 min 33 sec
  • Le responsabilità della sinistra italiana: «Non hanno mai creduto nello scontro democratico, sempre sospettando di essere accusati da Bertinotti di essere totalitari»

    0:34 Durata: 15 min 20 sec
  • Il Comitato lungo un mese (e gli incontri del 12-15 luglio): «Si tratta di un momento di ritrovata legalità e chiarezza»

    0:49 Durata: 5 min 47 sec
  • La politica estera italiana: «Renato Ruggiero sul G8 sta dimostrando di consigliare bene Berlusconi e di lanciare un dibattito»

    0:55 Durata: 9 min 6 sec
  • Altri problemi della sinistra italiana: «Giuliano Amato fa parte di una sinistra sociologica in cui si muove come dentro il ventre materno»

    1:04 Durata: 16 min 23 sec
  • Una corte ad hoc per i crimini nella ex Yugoslavia: «Nel '91 all'Ergife convocammmo tutti per vedere cosa fare. Allora venne fuori questa mozione»

    1:21 Durata: 16 min 2 sec
  • Il futuro dei Radicali: «Dobbiamo riprendere consapevolmente il rischio di grandi fallimenti»

    1:37 Durata: 7 min 52 sec
  • In ricordo di Massimo Finoia: «Pubblicheremo tutto quello che lui ha detto in questo ultimo anno, lettere private e altro»

    1:45 Durata: 4 min 6 sec