05 LUG 2001

Confindustria: Incontro con il ministro dell'Economia argentino, Domingo Cavallo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 23 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 5 luglio 2001, h15:33 - Il Ministro dell'Economia argentino, Domingo Cavallo, è in questi giorni in visita ufficiale in Italia.

Questa mattina Cavallo ha incontrato il Ministro degli Esteri, Renato Ruggiero, nel pomeriggio si è recato presso la sede di Confindustria, dove ha risposto alle domande degli imprenditori italiani.

L'incontro con gli industriali è stata l'occasione per approfondire la situazione argentina - che, secondo l'autorevole economista, "ha una soluzione" - e per una ricognizione dei rapporti con l'Italia e l'Ue.Le iniziative per rilanciare la competitività in
ArgentinaCavallo, soprattutto, ha parlato delle iniziative messe in cantiere per rilanciare la competitività del paese.

L'obiettivo primario - ha affermato - è il rilancio dell'attività produttiva, senza toccare la convertibilità del peso.

Il ministro ha ricordato che il parlamento ha approvato una risoluzione che dovrebbe legare la moneta argentina anche all'Euro ma solamente quando la valuta europea raggiungerà la parità con il dollaro.

La riduzione della spesa dello Stato, l'abolizione dei tributi per le imprese, insieme al piano di competitività, sono i punti fondamentali del piano di competitività nell'agenda del governo argentino per arginare una crisi che si trascina ormai da diversi anni.

"La delega al potere esecutivo data dal parlamento al governo nel marzo scorso - ha spiegato Cavallo - dà al governo De La Rua un potere decisionale che accelererà l'approvazione delle leggi, altrimenti ci sarebbero voluti anni.

In Argentina abbiamo un governo, abbiamo un potere e lo useremo per ricostruire un clima di fiducia e di crescita, così da riuscire a risolvere i nostri problemi".

Verso l'integrazione Ue/Mercosur Gli incontri di quest'oggi rivestono un particolare rilievo anche perchè l'Argentina rappresenta un mercato tradizionalmente importante per le imprese.

Lo ha sottolineato il Presidente di Confindustria, Antonio D'Amato, spiegando che si tratta di un mercato "che offre grandi opportunità di forti investimenti produttivi".

"Il nostro augurio - ha aggiunto - è che si arrivi ad una più stretta integrazione tra Mercosur e Unione Europea".

Per questo gli Industriali Italiani hanno invitato il ministro Cavallo ad avere un occhio di riguardo alle forti potenzialità che l'Europa offre al continente latino-americano.

"E' vitale ed essenziale per l'Italia e per l'Europa - è il ragionamento di D'Amato - avere uno spazio di integrazione reale con il Mercosur.

Con l'Unione Europea l'integrazione è possibile, con gli Stati Uniti, lo insegna la storia, si tratta più di un'espansione che di un'integrazione".

La risposta del ministro argentino non si è fatta attendere.

"L'Argentina intende procedere ad un negoziato parallelo con Stati Uniti e Unione Europea, così come hanno fatto Messico e Cile.

A voi imprenditori non dico di aprire i mercati, non lo potete fare.

Ma a Renato Ruggiero e alle autorità italiane l'ho detto.

L'Italia e la Spagna ci devono aiutare a far sì che Bruxelles e l'Unione Europea aprano i mercati soprattutto per quanto riguarda il settore alimentare e la produzione argentina". .

leggi tutto

riduci

  • Introduzione di Antonio D'Amato, presidente di Confindustria

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 3 min 28 sec
  • Domingo Cavallo, ministro dell'Economia argentino

    0:03 Durata: 51 min 57 sec
  • La debolezza dell'Euro: «Il problema dell'Euro è allo stesso tempo quello del dollaro»

    <em>Cavallo risponde alle domande del pubblico in sala</em>
    0:55 Durata: 13 min 59 sec
  • Domande del pubblico

    1:09 Durata: 7 min 41 sec
  • L'integrazione Ue/Mercosur

    1:17 Durata: 6 min 35 sec