13 LUG 2001

Olimpiadi alla Cina: Radicali arrestati a Mosca

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 18 min 19 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Mosca, 13 luglio 2001 - La polizia moscovita ha arrestato alle 9:10 ora locale, il coordinatore del Partito Radicale Transnazionale in Russia, Nikolaj Kramov, che aveva preso parte ad una manifestazione nonviolenta organizzata dal Prt contro l'attribuzione dei giochi olimpici del 2008 a Pechino.

Oltre al dirigente radicale, la polizia russa ha tratto in arresto un monaco buddista, due giornalisti di Reporters Sans Frontières, il direttore dell'Agenzia Prima News e l'ex dissidente sovietico Alexander Podradiniek.

La testimonianza di KramovNikolaj Kramov, responsabile del Partito Radicale
Transnazionale in Russia, è appena stato condotto ad un commissariato di Polizia.

Questa mattina aveva tentato di fare una manifestazione contro l'assegnazione dei giochi olimpici del 2006 a Pechino, nonostante la proibizione delle autorità russe.

Ai microfoni di Radio Radicale, Kramov spiega: «Abbiamo saputo che la decisione proveniva dall'alto e che non aveva motivazioni legali, ma politiche».

Al momento della decisione, il palazzo in cui si riunisce il comitato olimpico è circondato da media e giornalisti di tutto il mondo.

I manifestanti usano un big banner recante la scritta: «No ai giochi olimpici 2008 a Pechino».

Immediatamente vengono fermati dalla Polizia e portati al commissariato.

E' da qui, in attesa di essere giudicato da una corte, che il militante del Prt, fornisce la sua testimonianza.

«Stiamo aspettando - dichiara - che la polizia fornisca tutti i documenti necessari alla Corte, in un'ora o forse due ci sarà la decisione».

Il commento di Olivier DupuisNel pomeriggio interviene la decisione del Comitato Olimpico: le olimpiadi nel 2008 si faranno a Pechino.

Sul significato di questa scelta Radio Radicale chiede il parere di Olivier Dupuis, segretario del Partito Radicale Transnazionale.

«Per Pechino significa uscire dall'isolamento che ha seguito la strage di Tien'anmen» - dichiara Dupuis.

Per i radicali la decisione non rappresenta certo una sorpresa: solo una delusione.

«La delusione - spiega il leader radicale - di dover costatare che la maggioranza dei delegati olimpici abbia considerato come elemento marginale la situazione disastrosa, se non tragica, fatta di violazioni massicce, continue e strutturali dei diritti fondamentali in questo grande paese e nei territori occupati del Tibet, dell'Uiguristan e della Mongolia Meridionale».

A questo punto, secondo Dupuis, spetta in primo luogo a tutti coloro - numerosi, ivi compreso nelle democrazie - che hanno sostenuto la candidatura di Pechino sperando che l'attribuzione dei giochi alla capitale cinese avrebbe aiutato a consolidare le libertà fondamentali, dimostrare la fondatezza della loro tesi.

«Saremo certamente molto felici di prendere atto di tutti i progressi sostanziali in termini di democrazia e di libertà che potranno comunicarci.

Che sia però chiaro che in assenza di progressi significativi la coerenza vorrà che partecipino attivamente ad una campagna di boicottaggio di questi giochi».

leggi tutto

riduci

  • L'intervista a Olivier Dupuis

    <br>Nikolaj Kramov al momento dell'arresto<p>Altre foto ed informazioni su RadicalParty.org
    0:00 Durata: 18 min 19 sec