19 LUG 2001

Bossi: «Sono l'uomo più processato nell'Occidente per motivi di libertà»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 min 34 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Bossi: «Sono l'uomo più processato nell'Occidente per motivi di libertà»", registrato giovedì 19 luglio 2001 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Umberto Bossi (LNP), ministro Riforme Istituzionali e Devoluzione

    «La nostra devoluzione, che io ho messo assieme, riguarda un 'pacchetto libertà', diciamo così. All'inizio c'è il problema dell'insindacabilità e il problema dell'immunità. Sapete bene che la relativa disciplina è stata modificata una decina di anni fa, nel '93, mi sembra. Però è rimasta l'insindacabilità e l'inviolabilità. Vuol dire che se devi arrestare un parlamentare devi passare prima dal Parlamento. L'insindacabilità vuol dire che è il Parlamento che decide se può essere processato un parlamentare nei vari campi. L'ho provato sulla mia pelle: i governi di sinistra, perchè è poi una cosa politica, mi fecero processare centinaia e centinaia di volte per reati di opinione. Abbiamo centinaia e centinaia di persone processate per reati di opinione, che è una cosa che non garantisce che il Paese sia poi così democratico come si dice. Chi governava il Paese allora era la sinistra, quindi la responsabilità di quello che è avvenuto è della sinistra. Io personalmente mi sono fatto duecento processi per la famosa democrazia della sinistra. Per cui non poteva che partire dalla insindacabilità il nostro pacchetto. Dal punto di vista processuale oggi i magistrati hanno una doppia possibilità: o accettano le scelte che fa il Parlamento oppure ricorrono alla Corte Costituzionale, che riapre provvedimenti che il parlamento aveva già chiuso. Si tratta esclusivamente d'insindacabilità nel campo delle opinioni, non in altri campi. Diciamo soltanto: il Parlamento decida e nessuno può sollevare la decisione del Parlamento. Lo dico io che sono l'uomo più processato nell'Occidente per motivi di libertà. Perchè poi è questa la vera parolina che fa paura alla sinistra: libertà». <p>(Il Ministro per le Riforme Istituzionali e la Devoluzione, Umberto Bossi, a proposito della riforma dei reati di opinione, in un dibattito alla Festa de Il Secolo d'Italia, giovedì 19 luglio 2001 h21:45)<p><br><strong>Link:</strong>La scheda e l'audiovideo completo del dibattito
    0:00 Durata: 2 min 34 sec