24 OTT 2001

Politica estera: Conferenza stampa di Renato Ruggiero a Strasburgo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 18 min 24 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

L'Unione Europea non ha una «meravigliosa politica estera e di sicurezza», ma ne ha unaStrasburgo, 25 ottobre 2001 - «Oggi abbiamo quel numero di telefono che Kissinger voleva a nome dell'Europa.

Risponde Xavier Solana».

E' questa una delle forme in cui si sostanzia la «politica estera e di sicurezza europea».

A spiegarlo è il Ministro degli Esteri Renato Ruggiero, oggi nella sede francese del Parlamento Europeo per incontrare gli eurodeputati.«Non dico che abbiamo una meravigliosa politica estera...» «Non dico che abbiamo una meravigliosa politica estera e di sicurezza», afferma
Ruggiero.

«Dico però che abbiamo una politica estera e di sicurezza».

Le forme in cui si estrinseca questa politica sono diverse.

La prima è appunto quella portata avanti con un solo nome, che é quello di Xavier Solana.

«Poi abbiamo la forma della troika» - spiega il diplomatico napoletano.

«Una forma un po' difficile da capire, però nella tradizione evolutiva delle politica estera italiana è una forma istituzionale interessante.

Si riunisce Solana, il presidente del Consiglio in esercizio, ed un membro della Commissione.

Questa è una seconda formula che esprime una posizione europea».

Una terza forma, che può dare ancora un'«impressione diversa» - continua Ruggiero - «è quella del coordinamento dei ministri degli Esteri nelle loro visite».

Coordinamento che viene fatto in primo luogo a Bruxelles attraverso gli statements che tutti conoscono.

«Noi viaggiamo secondo un coordinamento di date - chiarisce il ministro - per presentare una dopo l'altra queste posizioni che sono posizioni europee».

E' la ragione per cui tornato da Ankara la prima cosa che il ministro italiano ha fatto è parlare con Xavier Solana.

Oggi, dunque, quando si discute di Medio Oriente non c'è nessuno che pensi che l'unico mediatore possibile possano essere gli Stati Uniti - assicura Ruggiero.

Né vale opporre che l'Alto Rappresentante dell'Unione per la Politica Estera e di Sicurezza Comune, Xavier Solana, non appertenga alla Commissione.

«Per i paesi terzi - spiega il ministro - il fatto che Solana appartenga al segretariato del Consiglio e non alla Commissione è assolutamente irrilevante».«Un vertice a tre che è durato 35 minuti non può essere un grande fatto della vita politica internazionale»Nessuna importanza anche per un'altra questione che pure ha appassionato gli italiani.

«Questa storia del vertice a tre che è durato 35 minuti non può essere un grande fatto della vita politica internazionale» - afferma Ruggiero.

Certo, il ministro ammette che «avrebbe fatto piacere anche ad altri partecipare».

Ed alcuni hanno provato «un certo senso di disagio», colto perfettamente dalle parole di Romano Prodi.

«Ma non drammatizzerei» - dice Ruggiero.

Se l'umiliazione poi dipende dal fatto che l'Italia è poco considerata nelle decisioni della coalizione che combatte in Afghanista, il ministro ricorda che «fino a tuttora non siamo parte attiva nelle operazioni militari».

«Gli americani non ci hanno chiesto ancora quale è il contributo militare che vogliono da noi».

Inutile offendersi, «tecnicamente è così».Il ruolo dell'Italia in Europa è chiaramente diverso.

«Le idee del governo sul futuro dell'Europa trovano un'identità di vedute con tutte le forze politiche che oggi erano qui» - informa Ruggiero.

«Se poi uno vuol dire che gli altri hanno parlato e noi no...», il ministro degli esteri ricorda che «ci sono stati due discorsi di Ciampi, ha parlato Pera e come ha scritto Fischer ha scritto Ruggiero».

leggi tutto

riduci

  • «Le idee del governo sul futuro dell'Europa trovano un'identità di vedute con tutte le forze politiche che oggi erano qui»

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 1 min 53 sec
  • «Oggi abbiamo quel numero di telefono che Kissinger voleva a nome dell'Europa. Risponde Xavier Solana»

    0:01 Durata: 4 min 5 sec
  • «Oggi quando si discute di Medio Oriente non c'è nessuno che pensi che l'unico mediatore possibile possano essere gli Stati Uniti»

    0:05 Durata: 1 min 46 sec
  • «Per i paesi terzi il fatto che Solana appartenga al segretariato del Consiglio e non alla Commissione è assolutamente irrilevante»

    0:07 Durata: 2 min 9 sec
  • Sull'airbus internazionale: «C'erano certamente degli aspetti di bilancio difficili da superare»

    0:09 Durata: 1 min 54 sec
  • Sulla cooperazione giudiziaria: «Quello che è stato deciso per la lotta contro il terrorismo internazionale è di un importanza che supera il terrorismo internazionale»

    0:11 Durata: 2 min 28 sec
  • «Questa storia del vertice a tre che è durato 35 minuti non può essere un grande fatto della vita politica internazionale»

    0:14 Durata: 2 min 31 sec
  • «Non credo che servirebbe a qualcuno stabilire un modello democratico valido per tutti gli altri»

    0:16 Durata: 1 min 38 sec