26 OTT 2001

Democrazia in Laos: Arrestati cinque militanti radicali

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 29 min 43 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Nessuna notizia da parte delle autorità laotiane sulla sorte dei cinque militanti del Partito Radicale Transnazionale arrestati nel corso di una manifestazione a VientianeAggiornamento delle ore 23.00 (CET) del 26 ottobre 2001Sono ormai passate cinque ore da quando i 5 militanti del Partito Radicale Transnazionale sono stati arrestati a Vientiane per aver dimostrato pubblicamente, davanti al palazzo presidenziale, contro l'arresto il 26 ottobre del 1999 di 5 leader del movimento studentesco del Laos.I cinque militanti radicali, di vari paesi fra i quali due parlamentari, hanno deciso di mantenere l’anonimato in solidarietà con i cinque leaders laotiani, veri e propri desaparecidos, arrestati il 26 ottobre 1999 e di cui non si è più avuta notizia.Il volantino "incriminato"Questo il teso del volantino che i radicali hanno distribuito e che riproduce letteralmente lo stesso testo diffuso dagli studenti laotiani due anni fa:«Il 26 ottobre 1999, un gruppo di studenti, di insegnanti, di funzionari e di cittadini lao manifestava in modo pacifico nella capitale Vientiane per richiedere la Libertà, la Democrazia e la Giustizia.

Numerosi organizzatori - tra i quali Thongpaseuth Keuakoun, Seng-Aloun Phengphanh, Khamphouvieng Sisa-At, Bouavanh Chanmanivong e Keochay - sono stati arrestati ed incarcerati senza che le loro famiglie né nessuno potesse finora ricevere notizie sulle loro sorti e senza che siano resi pubblici i loro capi di imputazione né, a fortiori, senza che abbiano avuto diritto ad un processo».

«In occasione del secondo anniversario del "Movimento del 26 Ottobre" e del rapimento e del sequestro di questi militanti della democrazia da parte delle autorità Lao, abbiamo voluto rendere omaggio alla loro azione ridistribuendo l'appello che Thongpaseuth Keuakoun e i suoi amici distribuivano prima del loro arresto.

In segno di solidarietà con la condizione di "senza nomi", di "anonimi" e "desaparecidos" che è la loro da due anni, abbiamo deciso di diventare noi stessi anonimi manifestando senza documenti di identità».

L'iniziativaIl testo è stato distribuito nel pomeriggio in Laos (mattina in Italia) nel principale luogo di ritrovo giovanile di Vientiane, capitale del paese comunista, e nel viale che costeggia il Mekong all'altezza del palazzo presidenziale e della sede della Gioventù rivoluzionaria laosiana.

In particolare lungo quest'ultima strada, una delle arterie principali della cittadina, i radicali hanno esposto uno striscione poi fatto ripiegare dalla polizia.

In questo caso é scattato il fermo.

5 militanti del Prt in memoria dei 5 desaparecidosIl gesto degli anonimi militanti del Prt ha il significato di ricordare precisamente la manifestazione del 26 ottobre 1999.

Per questa ragione il volantino contiene anche la riproduzione di quello che fu distribuito dallo scomparso rappresentante del Movimento degli Studenti Thongpraseuth Keuakoun.

Il volantinaggio non é stato annunciato in alcun modo alle autorità locali.

La questione prettamente umanitaria dei cinque studenti desaparecidos non esiste per la stampa internazionale.

Il Partito Radicale ha tentato di sollecitare l'attenzione del parlamento europeo.

L'Onu del resto é abbondantemente presente nel paese, con gli uffici delle varie agenzie.

La comunità internazionale invia molti aiuti al Laos, fondamentalmente un paese poverissimo.

La proposta dei radicali é di vincolare gli aiuti al rispetto dei diritti umani da parte delle autorità comuniste.

Uno dei punti cardine del volantino era di porre fine all'accordo di cooperazione e amicizia speciale tra Vietnam e Laos, stipulato nel 1977.

Le autorità locali tuttavia in occasione della manifestazione del '99 hanno dimenticato o finto di dimenticare che in Laos c'è stata una sorta di primavera studentesca.

Resta il fatto che il piccolo Laos, accartocciato al confine con la Thailandia, il Vietnam, la Cambogia e la Cina è sostanzialmente uno stato-fantoccio.

leggi tutto

riduci

  • Il significato della manifestazione dei Radicali

    <strong>Radio Radicale in collegamento con Vientiane</strong>
    0:00 Durata: 14 min 43 sec
  • I militanti radicali stendono lo striscione

    <br><strong>Link:</strong><br>Il sito del Movimento studentesco del Laos<br>Ulteriori informazioni su Radicalparty.org<p><p>
    0:14 Durata: 15 min