07 GEN 2002

Ulivo: Manifestazione con Rutelli e Veltroni in Campidoglio per l'impegno europeista dell'Italia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 39 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Ulivo: Manifestazione con Rutelli e Veltroni in Campidoglio per l'impegno europeista dell'Italia", registrato lunedì 7 gennaio 2002 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 1 ora e 39 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Valter Veltroni, sindaco di Roma

    0:00 Durata: 16 min 57 sec
  • La manifestazione dell'Ulivo in Campidoglio

    <strong>Nella bufera europea provocata dalle dimissioni concordate di Renato Ruggiero, l'Ulivo in Campidoglio manifesta il proprio impegno «per un'Europa forte in cui l'Italia svolge un ruolo propulsivo verso la dimensione di federazione»</strong><p>Roma, 7 gennaio 2002 - Si svolgerà lunedì prossimo alla Camera, con inizio alle 15, il dibattito sulla politica estera ed europea del governo, dopo le dimissioni di Renato Ruggiero. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Interverranno il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ed un rappresentante per gruppo, e non è previsto un voto finale. L'annuncio arriva proprio nel giorno in cui si è svolta la manifestazione indetta dell'Ulivo, per ribadire la necessità di una convinta adesione all'Europa da parte del nostro Paese. <p><strong>D'Alema "Berlusconi zavorra d'Europa</strong><p>Nel corso del sit-in, il presidente Ds, Massimo D'Alema, ha sottolineato che quello avvenuto alla Farnesina non è «un ricambio tecnico ma una svolta politica», ha definito l'interim al premier «una sciocchezza» e si è detto d'accordo con quanto scritto dal quotidiano spagnolo<em> El Pais</em>: «Berlusconi è la zavorra d'Europa».<strong>L'attacco di Rutelli al Governo</strong><p>Sul palco ha rincarato la dose il leader della Margherita, <em>Francesco Rutelli</em>. «Dal G8 di Genova in poi - ha dichiarato - Berlusconi ha imboccato una via crucis senza fine. Ad ogni appuntamento internazionale c'è stata una caduta di autorevolezza».<p>L'Ulivo «sente la responsabilità di battersi per mantenere forte l'aggancio dell'Italia all'Europa» - ha assicurato parlando ai giornalisti Piero Fassino, rinnovando l'impegno dell'opposizione nella politica finalizzata al radicamento ed all'allargamento dell'Europa.<p>Secondo <em>Valter Veltroni</em>, il governo e la maggioranza che lo sostiene «vogliono una Europa minima, con il freno a mano tirato». Il sindaco di Roma ha inoltre riaffermato l'impegno del Centrosinistra.<p> «Siamo - ha detto - per un'Europa forte in cui l'Italia svolge un ruolo propulsivo verso la dimensione di federazione».<p><strong>La linea «non europeista» di Bossi-Tremonti</strong><p>Le dimissioni di Renato Ruggiero spingono, dunque, l'Ulivo allo scontro anche sulla politica estera. Il giudizio comune dell'opposizione è che nel governo c'è stato uno scontro fra la linea di Ruggiero e quella di Bossi e Tremonti, e che ne sia uscita vincente quella che desta ora tanta preoccupazione negli altri paesi dell'Unione.<p>Per questo Rutelli invita l'esecutivo a chiarire la sua linea. La posizione «Bossi-Tremonti» - secondo il leader dell'Opposizione - è una linea «non europeista» che Berlusconi si sarebbe fatto imporre per non mettere in crisi «una maggioranza eterogenea».
    0:00 Durata: 49 min 43 sec
  • Francesco Rutelli, leader dell'Opposizione

    0:16 Durata: 32 min 46 sec