15 GEN 2002

Governo: «Democrazie e conflitto d'interessi. Il caso italiano» (con Passigli, Amato, Fisichella)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 42 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Firenze, 16 gennaio 2002 - Il conflitto d'interessi torna d'attualità.

La prossima settimana sarà pronto l'articolato dell'Ulivo sul modello americano con autorità dotata di effettivi poteri.

Stasera a Firenze, invece, è stato presentato il libro di Stefano Passigli, coordinatore del gruppo di lavoro dell'Ulivo, che sta stendendo il testo della nuova proposta di legge della coalizione.«Le riunioni di lavoro dell'Ulivo in corso in questi giorni sul tema del conflitto d'interessi - racconta Passigli - stanno dando proficui risultati e la prossima settimana, quando inizierà il dibattito di
merito in commissione Affari Costituzionali della Camera, presenteremo l'articolato definitivo».«La linea sulla quale c'è accordo unanime nell'Ulivo è quella che si ispira al modello americano, con un Autorità dotata di efficaci poteri di controllo e non con il solo compito di riferire al Parlamento cose delle quali già tutti sono a conoscenza».«Colgo, a riguardo, con attenzione - aggiunge il deputato dell'Ulivo - le dichiarazioni del presidente della Commissione, Donato Bruno, che bene fa a legare la questione delle nomine dei vertici Rai a quelle del conflitto d'interessi».Per Passigli, «non bisogna però legare indissolubilmente le due date, quella della legge sul conflitto d'interessi e quella della nomina dei vertici Rai, perché si rischierebbe di strozzare un dibattito che invece è centrale per la democrazia del nostro Paese».

Per questo è «necessario» e «auspicabile» trovare soluzioni, se possibile, «comuni» e «condivis».

«La fretta - dice - non aiuterebbe di certo questo percorso».

leggi tutto

riduci