23 FEB 2002

PR: «Cecenia, basta con i genocidi», Manifestazione davanti all'ambasciata russa a Roma

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 7 min 39 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il 23 febbraio 1944, il primo genocidio del popolo ceceno.

A distanza di cinquant'anni, la storia si ripete.

Nel silenzio dell'Occidente Roma, 23 febbraio 2002 - Vladimir Putin celebra oggi in Russia la giornata dei difensori della patria.

La storia racconta che la notte del 23 febbraio è anche l'anniversario del primo genocidio del popolo ceceno.

Quella notte del 1944, infatti, le truppe del servizio di sicurezza sovietico Nkwd circondarono su ordine di Stalin i villaggi ceceni e ingusci.

Sotto la minaccia dei mitra, gli abitanti vennero tirati fuori dai letti: avevano 15 minuti per lasciare le
loro case che in seguito furono saccheggiate dai soldati.

Molti morirono già durante il trasporto nei vagoni merci, soprattutto i malati, i bambini e gli anziani.

479.000 ceceni e ingusci sono stati vittime di deportazioni collettive e lavori forzati in Asia Centrale e in Siberia.

Solo nel 1957 i popoli deportati furono riabilitati e fu loro permesso di tornare nella propria patria.Quegli eventi non sono solo un ricordo.

Negli anni '90 i russi sono tornati ad operare in Cecenia le stesse barbarie.

Dobbiamo fermare questa guerra«Dal '94 - spiega il segretario del Partito Radicale Transnazionale, Olivier Dupuis - sono stati ammazzati 200.000 ceceni su un popolo che ne conta poco più di un milione.

Nel '96 è stato concluso un accordo di pace con i ceceni, ma nel '99 i russi sono tornati.

Da allora ogni giorno continuano ad ammazzare civili.

Bambini, donne e uomini sono ormai quasi spariti».Per questo il Partito Radicale manifesta oggi a Roma, Bruxelles, Torino, Milano, Bruxelles, Stoccolma, Boston e Mosca.

Per Olivier Dupuis, come per Adriano Sofri, che dal carcere continua la sua attività di sensibilizzazione, «il silenzio del così detto Occidente è scandaloso».

«Siamo qui per rompere questo silenzio.

Perché i nostri governanti non siano più complici della vostra politica criminale in Cecenia».«Da russo - chiude il leader dei radicali russi Nikolaj Khramov - voglio dire che questa guerra in Cecenia è la vergogna del mio paese.

Dobbiamo fermare questa guerra».

leggi tutto

riduci

  • Intervista a Nicolaj Khramov, dirigente Prt

    20.02.2002: <strong>Lettera aperta di Olivier Dupuis all'on. Pat Cox e ai membri del Parlamento Europeo</strong><strong>Altri servizi</strong> 22.02.2002: Dupuis: Digiuno perchè l'Europa fermi il genocidio in Cecenia 06.02.2002: Intervista a Nicolaj Khramov sulla situazione in Russia e Cecenia 04.02.2002: Nato-Russia: Conferenza stampa di Ivanov e Robertson al Nato Defense College di Roma 24.10.2001: Cecenia: Qualche difficile spiraglio di pace? 04.02.2002: Nato-Russia: Conferenza stampa di Antonio Martino 22.01.2002: Russia: Chiusa l'ultima televisione indipendente 10.10.2001: Intervista a Gabashvili, "Attenti ai proclami antiterroristici di Putin" 10.10.2001: Cecenia: I pericoli della santa alleanza anti-terrorismo 13.04.2001: Il ministro ceceno Kambiev ai Radicali: La vostra battaglia in Italia serve anche alla Cecenia 04.04.2001: Cecenia: Olivier Dupuis attacca duramente Prodi e chiede l'esautorazione di Nielson Marzo 2000: Il videoreportage di Antonio Russo dalla Cecenia
    0:05 Durata: 3 min 22 sec
  • Intervista a Olivier Dupuis, segretario del Prt

    0:09 Durata: 4 min 17 sec