17 APR 2002

Consulta: Interviste ad esponenti parlamentari sull'ipotesi di una seduta-fiume

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 50 min 17 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Per Marco Pannella l'unico strumento per bloccare l'impasse che da un anno e mezzo affligge la Consulta è una «seduta-fiume».

Sul punto Radio Radicale ha raccolto l'opinione di alcuni parlamentariRoma, 17 marzo 2002 - I rappresentanti politici del centrosinistra e del centrodestra continuano a ripetere che la soluzione è vicina.

Ciononostante pare improbabile che la seduta prevista per oggi porti ad una fumata bianca, vale a dire alla nomina - dopo un anno e mezzo di illegalità - dei due giudici mancanti al plenum della Corte Costituzionale.

Radio Radicale, nel corso di questa giornata, ha
raccolto a Montecitorio le opinioni di alcuni parlamentari.

Molti di loro hanno riconosciuto la nobiltà dell'iniziativa di Marco Pannella, che da 48 ore ha smesso di bere per manifestare contro quello che definisce «un comportamento criminale» del Parlamento.

E tuttavia, una buona parte degli esponenti politici ascoltati, è apparsa in qualche modo «incerta» sulla stessa richiesta formulata dal leader radicale.

L'opportunità di una seduta-fiumePannella ha più volte proposto ai presidenti delle camere una «seduta-fiume», l'unico strumento che, in mancanza di un ampio accordo, può consentire la nomina dei giudici costituzionali.Infatti, i 5 giudici di nomina parlamentare vengono eletti con la maggioranza dei due terzi nelle prime tre votazioni, mentre, nelle votazioni successive è sufficiente la maggioranza dei tre quinti.

L'interpretazione corrente della norma della legge costituzionale che prevede quorum funzionali così alti, è chiarita da Marco Boato.

La norma - spiega Boato - ha lo scopo di garantire che sui nomi dei giudici da eleggere si realizzi un ampio consenso tra i partiti e di escludere, di conseguenza, che tutti i 5 giudici vengano espressi dai partiti di governo.

«Questo comporta - osserva il presidente del Gruppo Misto della Camera - che non sia sufficiente che ognuno dei due schieramenti quando ci sono due nomi da fare faccia il proprio nome.

Si devono candidare delle persone che in qualche modo trovino un ampia convergenza parlamentare».

Pannella ha più volte chiesto a Casini e Pera - ricevendo altrettante rassicurazioni - di precisare se le annunciate «votazioni continue» coincidessero o meno con una seduta-fiume o con più votazioni che si susseguono.

Ai microfoni di RR Boato, che in qualità di presidente del Gruppo Misto partecipa alle riunioni dei capigruppo alla Camera, dichiara invece che, almeno in quella sede, Casini «non ha mai parlato di seduta-fiume».

(Il testo della legge costituzionale 2/67) Per Ulivo e Cdl il problema è solo nella posizione del proprio avversarioNon c'è da meravigliarsi, dunque, se la sostanza della proposta del leader radicale sfugga a molti degli intervistati.

Per Paolo Cento, dei Verdi: «Pannella pone un problema serio.

E' corretta la richiesta di una seduta-fiume».

Tuttavia - secondo il deputato Verde - «le sedute continuative» sono inutili, se «prima non si risolve il problema politico».

Analoghe considerazioni da Taormina: «Il problema non è quello della seduta-fiume, noi possiamo fare anche cinquecento sedute-fiume durante tutta la giornata, durante la nottata, ma se non abbiamo chiaro che cosa dobbiamo fare è inutile farle».Ferma restando la «piena solidarietà» di tutti i parlamentari intervistati a Marco Pannella, il problema risiede piuttosto nella posizione del proprio avversario.

Renato Schifani, senatore di Forza Italia, informa: «Più che sedute-fiume credo che ci prepariamo ad una ipotesi di più sedute in una giornata».

«Noi abbiamo sempre giocato a carte scoperte» - sottolinea.

«Attendiamo ancora da parte dell'Ulivo un atteggiamento di maggiore responsabilità istituzionale».

Mentre Marco Rizzo, dei Comunisti Italiani, spiega che di candidati dell'opposizione, ce ne sono molti.

«Dall'altra parte invece c'è sempre un nome solo.

Nella storia della Repubblica ci sono state delle rinunce anche di insigni giuristi».

leggi tutto

riduci

  • Audiovideo delle interviste

    <em>A cura di Gaetano Dentamaro</em> <strong>Dal presidio dei Radicali a Piazza Montecitorio</strong>
    0:00 Durata: 28 min
  • Marco Rizzo, deputato Comunisti Italiani

    <strong>Indice</strong>
    0:05 Durata: 1 min 22 sec
  • Marco Boato, presidente del Gruppo Misto della Camera dei Deputati

    0:07 Durata: 11 min 33 sec
  • Pier Paolo Cento, deputato Verdi

    0:18 Durata: 2 min 9 sec
  • Renato Giuseppe Schifani, senatore Forza Italia

    0:20 Durata: 2 min 58 sec
  • Carlo Taormina, ex sottosegretario del Ministero dell'Interno

    <strong>Servizi correlati</strong> (17.04.2002): Pannella contro il "silenzio omertoso dei media" (40a ora) (16.04.2002): Pannella, Rischio la vita contro il massacro di civiltà (26a ora) (16.04.2002): I medici, Pannella è già a grave rischio di vita (16.04.2002): Annullate votazioni, Pannella prosegue sciopero sete (15.04.2002): Pannella beve l'ultimo bicchiere d'acqua ed avvia lo sciopero della sete (15.04.2002): Verso una nuova fumata nera e niente "seduta fiume" (13.04.2002): Abbattere il regime fondato sul culto dell'illegalità (11.04.2002): Casini e Pera annunciano «votazioni continue», parte il Satyagraha (11.04.2002): Verso la nuova fumata nera (10.04.2002): Se domani ci sarà l'ennesima fumata nera, Pannella inizierà lo sciopero della sete (09.04.2002): Fumata nera sulla consulta, Pannella incontra Casini e insiste per "seduta fiume" (28.03.2002): Conferenza stampa di Pannella sul rilancio del Satyagraha al 12 aprile (27.03.2002): Sospensione del Satyagraha e il rilancio al 12 aprile (26.03.2002): Pannella chiede chiarimenti a Pera e Casini (25.03.2002): Pannella a Pera e Casini: "Interrompere 'flagranza del reato'" (25.03.2002): Casini e Pera: "Se necessario votazioni senza interruzioni" (24.03.2002): Pannella: Casini ha proposto una seduta-fiume del Parlamento (22.03.2002): Pannella: Il mio sciopero della sete vuole aiutare il rientro nella legalità costituzionale (21.03.2002): Pannella incontra Casini (21.03.2002): Reazioni positive di politici e parlamentari all'annuncio di Pannella (17.03.2002): Pannella: «E' un messaggio alle Camere» (17.03.2002): Pannella annuncia lo sciopero della sete (22.02.2002): Dopo la denuncia di Ruperto, Ciampi scrive a Pera e Casini (16.02.2002): I Radicali denunciano l'Italia in sede Europea (11.02.2002): Un anno dopo anche Ruperto "striglia" il parlamento: «Eleggete i giudici mancanti» (14.01.2001): Pannella denuncia la mancata elezione dei due giudici costituzionali
    0:23 Durata: 4 min 15 sec