14 LUG 2002

Seminario di Camaldoli: Conferenza stampa di Romano Prodi e Pat Cox

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 16 min 9 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il ticket con il segretario della Cgil è pura invenzione.

Prodi chiarisce: «Qui al mio fianco è seduto Cox non Cofferati...»Camaldoli, 14 luglio 2002 - Stupito di vedere sui giornali una sua foto con Cofferati, il presidente della Commissione Ue ripete più volte: «Badate bene, quello accanto a me si chiama Pat Cox».

Con il presidente dell'Europarlamento, e non con il segretario della Cgil, Romano Prodi ha partecipato al tradizionale seminario organizzato dal «Regno» a Camaldoli.

Tema: «Cristianesimo e democrazia nel futuro dell'Europa».

Durante la conferenza stampa, seduto nella sala
della biblioteca del monastero, Prodi si rivolge direttamente ai fotografi: «Mi raccomando la didascalia».

Mentre ai cronisti oppone un 'no comment' sulle affermazioni del leader Cgil sul così detto «grande Ulivo».

Sul panorama politico europeo si esprime invece Cox.

Prima del 2004 - secondo il presidente del parlamento - è difficile che possano esserci significativi processi di riaggregazione nella famiglie politiche europee.

«Dopo il 2004 invece - aggiunge l'ex presidente dei liberaldemocratici - l'ingresso dei Paesi candidati ad entrare nell'Unione potrebbe rappresentare una possibile piattaforma di cambiamento».Aumenti? L'inflazione in Europa è in calo Maggiore attenzione da parte di Prodi sugli aumenti dei prezzi.

Alcuni sondaggi vorrebbero l'euro quale causa principale.Il presidente della commissione ribadisce che «l'inflazione in Europa è in calo».

Le tensioni registrate non sono dunque attribuibili all'introduzione dell'euro.

«C'è stato - aggiunge - un allentamento dell'attenzione di cui qualcuno ha approfittato».

Altra considerazione discende dal rafforzamento della moneta europea sul dollaro.

I prezzi dei prodotti petroliferi - dichiara il presidente Prodi - «devono rispecchiare il rafforzamento dell'euro».

leggi tutto

riduci