16 SET 2002

Iceberg: «Bersaglio Berlusconi» (con Capezzone, Cé, Turco ed altri)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 7 ore 27 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Iceberg: «Bersaglio Berlusconi» (con Capezzone, Cé, Turco ed altri)", registrato lunedì 16 settembre 2002 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 7 ore.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Introduzione di Marco Taradash

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 4 min 17 sec
  • Tutta la trasmissione

    0:00 Durata: 2 ore 28 min
  • <p><strong>La sinistra non è Gino Strada. Saddam Hussein non è un deliquente. Gli imprenditori favoriscono l'immigrazione clandestina. Questo e molto altro in un lungo dibattito dedicato al fronte d'opposizione a Silvio Berlusconi, nel quale spuntano due nomi: Nanni Moretti e Umberto Bossi</strong><p><p>Milano, 16 settembre 2002 - Daniele Capezzone (Radicali Italiani), Giovanni Crema (Sdi), Luigi Casero (Forza Italia), Renato Farina (vice direttore di Libero), Livia Turco (Ds), Natale D'Amico (Margherita), Gabriella Pistone (Comunisti Italiani), Alessandro Cé (capogruppo Lega Nord alla Camera), Cristina Mascardini (eurodeputata AN), Chiara Moroni (Nuovo Psi), sono gli ospiti di <em>Iceberg</em>. La trasmissione di Telelombardia condotta da Marco Taradash è dedicata questa sera al fronte d'opposizione al governo di Silvio Berlusconi.<p><strong>L'economia italiana</strong><p>Si parte dall'economia. Natale D'Amico, accusa la maggioranza di aver introdotto una serie di agevolazioni non coperte, con la così detta «politica dei 100 giorni».<p>Di parere diverso la deputata dei comunisti italiani, Gabriella Pistone. «Il problema - osserva - è aumentare i consumi».<p>Critico nei confronti del governo, anche Daniele Capezzone, dei Radicali Italiani. Per Capezzone, «il governo sbaglia tre volte».<p>La replica è affidata a Luigi Casero, deputato di Forza Italia. Il governo non poteva prevedere né il buco nei conti pubblici ereditato dai passati governi, né il rallentamento generale dell'economia. Per quanto concerne il futuro, Casero afferma: «Affronteremo manovre straordinarie e cercheremo di ridiscutere alcuni elementi del Patto di Stabilità che pongono un freno allo sviluppo» <p><strong>Il controllo dell'immigrazione</strong><p>Altro punto d'attrito tra i due schieramenti, la politica di controllo dell'immigrazione. Il segretario di Radicali Italiani, pur criticando i contenuti della legge Bossi-Fini, spiega che se c'è una nota positiva da fare questa riguarda proprio la così detta 'sanatoria' o 'legalizzazione'. Paradossalmente è proprio questo il punto di maggiore scontro tra centrosinistra e centrodestra.<p>Osserva Renato Farina, vicedirettore di Libero: «Quando Maroni dice che non è una 'sanatoria' ma una 'regolarizzazione' mi chiedo se non è un gioco di parole». Concorda Giovanni Crema, senatore dello Sdi: «E' una sanatoria, diversa da quelle che abbiamo alle spalle, ma lo è».<p>Nega la circostanza Alessandro Cé, capogruppo della Lega alla Camera, che attacca la legge dell'Ulivo. «Il meccanismo dello sponsor - osserva Cé - non ha generato occupazione regolare, meglio fissare delle quote d'ingresso».<p>Il deputato leghista chiarisce così le affermazioni pronunziate dal ministro Maroni, che aveva accusato gli imprenditori di favorire gli ingressi clandestini.<p>La vede diversamente, Livia Turco, autrice della legge che porta il suo nome e quello di Giorgio Napolitano. «Grave che Maroni accusi gli imprenditori di avere fatto venire clandestinamente gli immigrati, quando lui ha bloccato le frontiere».<p>Per Turco, «la legge del centrodestra non è razzista ma inefficace». Per Capezzone è invece proprio la Turco- Napolitano ad aver istituito con «i centri di accoglienza transitoria», una sorta di «lager».<p><strong>Il fronte dei girotondi</strong><p>Dall'immigrazione ai girotondi, centro propulsore degli attacchi al governo. <p>Da questo fronte prende in qualche modo le distanze Crema: «Non posso essere d'accordo con chi è giacobino. Alcuni organizzatori dell'evento sono loro sì estranei alla cultura democratica». Concorda Capezzone, che aggiunge: «Se Berlusconi è estraneo alla democrazia, non capisco perché Moretti si faccia finanziare i film dalla Medusa».<p>Renato Farina estende la considerazione a Paolo Sylos Labini e Paolo Flores d'Arcais: «C'è un modo di guardare l'altro, specialmente da parte di uomini che si vantano della loro cultura, veramente inqualificabile».<p>A difendere i girotondi è Gabriella Pistone, che sottolinea la fondatezza delle istanze della piazza. «Le dichiarazioni di Moretti - rileva - sono provocate da alcuni fatti, come la legge Cirami».<p>Natale D'Amico, da parte sua, ricorda che «in quella piazza c'era gente di tutti i tipi, persino Federico Orlando, un liberale di destra».<p>Le replica è affidata all'onorevole Moroni: «Berlusconi è il frutto di una democratica elezione, il messaggio della sinistra è assolutamente perverso». <p><strong>La guerra all'Iraq</strong><p>Da ultimo, c'è la questione della guerra, dell'intervento in Iraq. Se Gino Strada parifica il terrorismo dell'11 settembre alla campagna americana in Afghanistan, Pistone aggiunge che «Saddam non è un deliquente». <p>Le dichiarazioni dell'esponente comunista non piacciono al radicale Capezzone. «C'è una parte consistente della sinistra che è troppo spesso amica dei dittatori» - oserva il segretario di Ri. Tra i dissenzienti, però, c'è anche Natale D'Amico, che specifica: «La sinistra non è Gino Strada, non sono d'accordo su niente di quello che ha detto».
    0:00 Durata: 2 ore 28 min
  • Luigi Casero (FI): «Affronteremo manovre straordinarie e cercheremo di ridiscutere alcuni elementi del Patto di Stabilità che pongono un freno allo sviluppo»

    <em>L'economia italiana</em>
    0:04 Durata: 2 min 47 sec
  • Natale D'Amico (Mar-DL-U): «La politica dei 100 giorni ha introdotto una serie di agevolazioni non coperte»

    0:07 Durata: 4 min 35 sec
  • Luigi Casero (FI): «Preferiremmo intervenire senza aumentare le tasse»

    0:11 Durata: 2 min 5 sec
  • Gabriella Pistone (Misto-Com.it): «Il problema è aumentare i consumi»

    0:13 Durata: 3 min 2 sec
  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani: «Il Governo sbaglia tre volte»

    0:16 Durata: 2 min 27 sec
  • Livia Turco (DS-U): «Grave che Maroni accusi gli imprenditori di avere fatto venire clandestinamente gli immigrati, quando lui ha bloccato le frontiere»

    <em>Il controllo dell'immigrazione</em>
    0:22 Durata: 6 min 46 sec
  • Alessandro Cé (LNP): «Il meccanismo dello sponsor non ha generato occupazione regolare, meglio fissare delle quote d'ingresso»

    0:29 Durata: 3 min 43 sec
  • Livia Turco (DS-U): «La legge del centrodestra non è razzista ma inefficace»

    0:36 Durata: 5 min 38 sec
  • Cristina Moscardini, eurodeputata An, sul titolo dell'Unità

    0:42 Durata: 4 min 1 sec
  • Renato Farina, vicedirettore di Libero: «Quando Maroni dice che non è una 'sanatoria' ma una 'regolarizzazione' mi chiedo se non è un gioco di parole»

    0:49 Durata: 5 min 12 sec
  • Giovanni Crema (Misto-SDI): «E' una sanatoria, diversa da quelle che abbiamo alle spalle, ma lo è»

    0:54 Durata: 2 min 7 sec
  • Chiara Moroni (Misto-LdRN.PSI): «Da quando il ministro Martelli ha fatto la sua legge ad oggi sono passati molti anni»

    0:56 Durata: 4 min 33 sec
  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani: «Nella legge c'è una cosa giusta e civile, la si chiami 'sanatoria' o 'legalizzazione'»

    1:00 Durata: 1 min 53 sec
  • Alessandro Cé (LNP): «Che alcuni imprenditori non abbiano usato correttamente l'uso dello sponsor, è vero»

    1:06 Durata: 1 min 18 sec
  • Filippo Penati (Ds): «I centri di accoglienza transitoria non sono dei lager»

    1:07 Durata: 3 min 21 sec
  • Cristina Moscardini, eurodeputata An: «C'è una delinquenza del linguaggio che ha superato i termini»

    1:11 Durata: 1 min 59 sec
  • Proiezione filmato su Moretti e Bossi

    1:13 Durata: 2 min 57 sec
  • Giovanni Crema (Misto-SDI): «Non posso essere d'accordo con chi è giacobino»

    <em>Il fronte dei girotondi</em>
    1:16 Durata: 4 min 14 sec
  • Marco Taradash, modera

    1:20 Durata: 4 min 32 sec
  • Renato Farina, vicedirettore di Libero: «C'è un modo di guardare l'altro, specialmente da parte di uomini che si vantano della loro cultura, veramente inqualificabile»

    1:24 Durata: 2 min 29 sec
  • Luigi Casero (FI): «La riforma di decentramento dell'Ulivo non aveva copertura»

    <em>Il federalismo</em>
    1:27 Durata: 2 min 43 sec
  • Filippo Penati (Ds): «Il federalismo è una promessa agli italiani»

    1:29 Durata: 2 min 5 sec
  • Gabriella Pistone (Misto-Com.it): «Le dichiarazioni di Moretti sono provocate da alcuni fatti, come la legge Cirami»

    <em>Bossi e Moretti</em>
    1:35 Durata: 3 min 9 sec
  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani: «Se Berlusconi è estraneo alla democrazia, non capisco perché Moretti si faccia finanziare i film dalla Medusa»

    1:38 Durata: 3 min 45 sec
  • Chiara Moroni (Misto-LdRN.PSI): «Berlusconi è il frutto di una democratica elezione, il messaggio della sinistra è assolutamente perverso»

    1:42 Durata: 4 min 7 sec
  • Natale D'Amico (Mar-DL-U): «In quella piazza c'era gente di tutti i tipi, persino Federico Orlando, un liberale di destra»

    1:46 Durata: 2 min 49 sec
  • Natale D'Amico (Mar-DL-U): «Questo governo non è in grado di governare sino alla scadenza»

    1:52 Durata: 2 min 9 sec
  • Proiezione filmato su Bossi

    1:54 Durata: 42 sec
  • Alessandro Cé (LNP): «La nostra impostazione non è una politica restrittiva, ma espansiva»

    1:55 Durata: 2 min 39 sec
  • Giovanni Crema (Misto-SDI): «Io ribadisco le critiche ad alcuni organizzatori dell'evento che sono loro estranei alla cultura democratica»

    1:57 Durata: 2 min 3 sec
  • Luigi Casero (FI), sulla politica del governo

    1:59 Durata: 3 min 1 sec
  • Cristina Moscardini, eurodeputata An: «Occorre spiegare ai capi di tutti i partiti che dovrebbero riportare un po' di democrazia interna»

    <em>La legge Cirami</em>
    2:02 Durata: 2 min 18 sec
  • Proiezione filmato su Gino Strada

    <em>La guerra</em>
    2:08 Durata: 2 min 57 sec
  • Natale D'Amico (Mar-DL-U): «La sinistra non è Gino Strada, non sono d'accordo su niente di quello che ha detto»

    2:11 Durata: 2 min 54 sec
  • Luigi Casero (FI): «In passato quella che si usa descrivere come prepotenza americana è stata dettata anche dalla latitanza dell'Onu e dell'Europa»

    2:14 Durata: 4 min 40 sec
  • Cristina Moscardini, eurodeputata An: «L'Europa sta cominciando a ragionare in maniera più univoca»

    2:22 Durata: 1 min 40 sec
  • Gabriella Pistone (Misto-Com.it): «Saddam non è un deliquente»

    2:23 Durata: 48 sec
  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani: «C'è una parte consistente della sinistra che è troppo spesso amica dei dittatori»

    2:24 Durata: 2 min
  • Alessandro Cé (LNP), conclude

    2:26 Durata: 2 min 12 sec