29 OTT 2002

Congresso mondiale ceceno: Corrispondenza di David Carretta da Copenaghen (conclusione ed intervista a Marco Cappato)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 28 min 36 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "Congresso mondiale ceceno: Corrispondenza di David Carretta da Copenaghen (conclusione ed intervista a Marco Cappato)", registrato martedì 29 ottobre 2002 alle 00:00.

Tra gli argomenti discussi: Esteri.

La registrazione audio ha una durata di 28 minuti.
  • La corrispondenza di David Carretta

    <p><strong>Si è chiuso oggi il congresso di Copenaghen. Un bilancio della situazione umanitaria e della situazione politica in Cecenia</strong><p>Copenaghen, 29 ottobre 2002 - Si è chiuso questo pomeriggio il Congresso mondiale ceceno. Due giorni di colloqui difficili, soprattutto alla luce di quanto avvenuto a Mosca la settimana scorsa, conclusisi con l'approvazione di una serie di documenti. <p>Il più importante di questi è una risoluzione con la quale si chiede la fine della guerra russa in Cecenia e l'apertura di negoziati tra Putin ed il governo democraticamente eletto di Maschkadov. Si tratta del così detto «Piano Khasbulatov», dal nome dell'ex presidente del Soviet Supremo. <p>Il documento è diviso in diversi punti. Innanzitutto, si chiede uno <em>status</em> speciale per la Cecenia sotto il controllo internazionale. I ceceni devono avere il diritto di eleggere tutti gli organi interni, senza che Mosca nomini responsabili.<p> E' necessario inoltre un accordo di pace che sia supervisionato dalle organizzazioni internazionali perché il popolo ceceno non ha fiducia nelle autorità russe. La Repubblica Cecena, infine, deve diventare un soggetto di diritto internazionale, parte della cooperazione internazionale.<p><strong>L'Ue può fare molto di più</strong><p>«Si è fatto un bilancio della situazione umanitaria e della situazione politica in Cecenia» - spiega l'europarlamentare radicale, Marco Cappato.<p> Olivier Dupuis, collega di Cappato al Pe e nel comitato di presidenza del Prt, ribadisce invece il ruolo di primario che può avere l'Unione Europea nella soluzione della questione cecena.<p> Secondo l'esponente radicale, l'Ue può innanzitutto smettere di porre problemi ai ministri del governo Maschkadov che viaggiano in Europa per far conoscere la loro posizione. Può senz'altro favorire il dialogo tra le due parti. Ma soprattutto può fare molto di più sul fronte umanitario e politico.<p><strong>La mozione sul prossimo Congresso del Prt</strong><p>In chiusura il Congresso ha approvato una mozione particolare sul prossimo congresso del Prt, che si svolgerà a Tirana a partire da dopodomani. Il Cmc saluta gli sforzi del Prt per promuovere la democrazia e, in vista dell'incontro di Seul del 17 novembre, si augura il successo della proposta di un'Organizzazione Mondiale della Democrazia.
    0:00 Durata: 1 min 52 sec
  • La corrispondenza di questa mattina

    <p><strong>Gli altri servizi</strong>
    0:00 Durata: 6 min 37 sec
  • Intervista ad Olivier Dupuis

    0:00 Durata: 13 min
  • L'intervista a Marco Cappato

    0:01 Durata: 7 min 7 sec