04 MAR 2003

Sofri: Prima udienza davanti alla Corte europea dei diritti umani (La corrispondenza da Strasburgo)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 20 min 14 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Strasburgo, 4 marzo 2003 - Prima udienza davanti alla Corte europea dei diritti umani per Adriano Sofri, Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani.

Oggi i giudici della quarta sezione della Corte europea dei diritti dell'uomo ascolteranno le parti, gli avvocati Alessandro Gamberini e Bruno Nascimbene in rappresentanza dei ricorrenti, ed il legale del Governo italiano, in rappresentanza dello Stato.

L'oggetto di questo giudizio - Per il momento la Corte è chiamata a pronunciarsi sulla ricevibilità del ricorso che denuncia la violazione da parte dell'Italia dell'art.6 della Convenzione europea
dei diritti dell'uomo, la norma che contiene il diritto ad un giusto processo.

I tre ricorrenti denunciano l'iniquità della procedura penale diretta contro di loro ed il difetto di imparzialità degli organi della giurisdizione nazionale chiamati a giudicarli.

Denunciano inoltre l'iniquità del procedimento di revisione e l'impossibilità in questo ambito di far interrogare la signora Antonia Bistolfi, la compagna del pentito Leonardo Marino.

I possibili scenari - Se i giudici, presumibilmente nelle prossime due settimane, dovessero decidere la ricevibilità del ricorso, si dovrebbero poi esprimere nel merito.

In quest'ultima ipotesi, se la domanda venisse accolta e l'Italia dunque fosse condannata potrebbero aprirsi diversi scenari.

Lo Stato sarebbe condannato ad una pena pecuniaria, ma la Convenzione prevede che il danno debba essere «concretamente riparato» nei confronti dei ricorrenti, uno dei quali è attualmente in detenzione.

Ciò dovrebbe implicare una revisione del processo.

Tuttavia, il nostro paese (contrariamente, ad esempio, a Francia e Spagna) non ha una norma ad hoc: in sostanza un vuoto giuridico non permetterebbe la revisione.L'assenza di Adriano Sofri - Nonostante una convenzione del 1996 affermi il diritto del ricorrente a partecipare alle udienze, Adriano Sofri, su decisione dei tribunali di sorveglianza di Pisa e Firenze, non potrà essere presente.

Assisterà invece all'udienza il leader radicale, Marco Pannella.

leggi tutto

riduci

  • Marco Pannella

    <strong>Commenti e interviste al termine dell'udienza</strong>
    0:00 Durata: 2 min 3 sec
  • David Carretta

    <strong>Da Strasburgo</strong>
    0:00 Durata: 3 min 52 sec
  • Tutti i servizi

    <strong>Selezione dall'archivio</strong> <strong>Intervista ad Alessandro Gamberini</strong> <strong>Dibattito con Luca Sofri, Mattia Feltri e Claudio Martelli </strong> <strong>Speciale sull'omicidio Calabresi</strong><p><strong>Incontri in carcere</strong> Adriano Sofri e Marco Pannella (5 luglio 2001)<br> Adriano Sofri e Marco Pannella (8 agosto 2001)<br> Sofri e Pannella (2 gennaio 2002)<br> Adriano Sofri incontra i militanti radicali (2 aprile 2002) Adriano Sofri intervistato per Radiocarcere (1 ottobre 2002)<p><strong>Il processo di revisione</strong> Udienza del 23 novembre 1999<br> Udienza del 26 ottobre 1999<br> Udienza del 23 novembre 1999<br> Udienza del 2 novermbre 1999<br> Udienza del 20 ottobre 1999<br> Udienza del 8 novembre 1999<br> La sentenza (24 gennaio 2000)
    0:00 Durata: 12 min
  • Marina Mori, collegio di difesa di Sofri e Bompressi

    0:02 Durata: 2 min 19 sec