28 MAR 2003

Iraq libero: Le interviste di RR, il commento di Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 18 min 1 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 28 marzo 2003 - Il progetto «Iraq libero» raccoglie in queste ore il consenso della maggioranza dei parlamentari italiani.

Tuttavia il dibattito politico sembra arenato sulla partenza dei paracadutisti alleati dalle nostre basi.

Spiega Ostellino: «Questa è la tragedia del nostro Paese.

Tutto è ricondotto all'ombelico del Palazzo di Roma.

Pannella non ha solo proposto una soluzione per l'Iraq.

Ha proposto una soluzione che mette in discussione gli equilibri mondiali, cioé: ha fatto un discorso politico.

Cosa che in Italia non si fa».

Proprio il dopo-Saddam, la parte del progetto che la
Camera lo scorso febbraio ha deciso di non votare, è invece centrale.

Tanto che sul dopoguerra e sugli interessi connessi cercherebbe l'accordo anche l'Ue.

Osserva Romano: «Il vertice di Bruxelles ha avuto questo vantaggio: dimostrare che l'Europa non può litigare oltre.

Quindi si è parlato dei denari che l'Europa è disposta a dare per la ricostruzione».

Il che può significare un nuovo motivo di contrasto tra Europa ed Usa.

«Qualche americano malizioso - osserva Romano - direbbe tra Europa e Bush.

Perché quasi tutte le ditte hanno un legame con il gruppo dirigente della Casa Bianca».

leggi tutto

riduci

  • Piero Ostellino, editorialista del Corriere della Sera

    <strong>Le interviste</strong>
    0:00 Durata: 4 min 54 sec
  • Sergio Romano, politologo

    <em>servizi radiofonici di Claudio Landi</em>
    0:05 Durata: 2 min 38 sec
  • Marco Pannella

    <strong>Il commento</strong>
    0:08 Durata: 10 min 29 sec