19 GEN 1994

L'invito di Silvio Berlusconi al polo moderato in vista delle elezioni del 27/28 marzo 1994

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 44 min 39 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Arcore, 19 gennaio 1994 - Quattro giorni.

E' il tempo che Silvio Berlusconi lascia alle forze politiche che dovrebbero costituire il polo moderato - «il polo della libertà», come preferisce chiamarlo il presidente della Fininvest - per trovare un accordo.

Se entro la fine della settimana non ci sarà un'intesa tra la Lega, l'Unione di centro di Costa, i neocentristi di Mastella e Casini, Pannella, i pattisti di Segni e i popolari di Martinazzoli, scenderà in campo con Forza Italia.

«Ho rinviato di alcuni giorni la mia decisione - spiega Berlusconi in una conferenza stampa ad Arcore -
perché vedo profilarsi la possibilità di estendere l'accordo che esiste già tra le prime quattro forze.

I tempi però sono ormai stretti.

Non è più l'ora degli incontri e delle trattative.

Bisogna decidere da che parte stare.

Alla fine della settimana valuterò il peso della squadra e deciderò.

Se sarà sufficiente per contrastare il polo progressista, che oggi può contare sul 34% dei consensi, non scenderò direttamente in campo, pur dando tutto il sostegno possibile e offrendo anche i possibili candidati che abbiamo selezionato in questi mesi.

In caso contrario sarò costretto a cambiare la mia vita e dedicare tutto il mio tempo alla costruzione del progetto di governo del Paese».

leggi tutto

riduci