11 LUG 2004

Conversazione settimanale con Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 55 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Conversazione settimanale con Marco Pannella", registrato domenica 11 luglio 2004 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione video ha una durata di 1 ora e 55 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • L'ingresso dei radicali nel gruppo liberale all'Europarlamento

    La riunione di Bath: la raccomandazione della presidenza dell'Eldr per l'ingresso dei radicali nel gruppo europarlamentare dell'Eldr, o nel gruppo unificato dei liberali, di Graham Watson; il veto (la dispensa liberale) di Francesco Rutelli; il ringraziamento dovuto ad Antonio Di Pietro e ai repubblicani europei; la circostanza di essere due soli europarlamentari e non sette come nella precedente legislatura. Il rapporto con la Margherita e con i democratico-cristiani di François Bayrou: il ruolo di Franco Marini e quello di Lapo Pistelli. <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 10 min 1 sec
  • Il richiamo al personalismo da parte di alcuni cattolici

    La convivenza o meno con Romano Prodi, possibile candidato premier alternativo a Silvio Berlusconi: ancora sulla posizione di veto di Francesco Rutelli; l'anomalia della posizione della Margherita e non di quella dei radicali. Il richiamo al <em>personalismo</em> da parte di alcuni cattolici rispetto al personalismo cattolico di Emmanuel Mounier.
    0:10 Durata: 6 min 16 sec
  • L'intervista sul Corriere della Sera

    L'unione delle forze laiche: la «terza forza» di Pannunzio, non condivisa nemmeno da La Malfa, e che Saragat ogni volta faceva saltare; gli ultimi accenti laici di De Michelis; la differenza tra laicismo e battaglie laiche come motivo di unità tra coloro che le hanno condotte, un'unità che in questo momento non sembra affatto solida. La questione del referendum: la mancanza di sostegni a questa battaglia. Il convegno di Diaconale sulla Casa laica che vede una soglia del 7% per i laici, rispetto agli ottanta milioni di firme autenticate raccolte dai radicali per i referendum, all'8,5% alle penultime elezioni europee, alla solitudine dei radicali in molte battaglie. Il ruolo di Alfredo Biondi e di Raffaele Costa, anche rispetto ai «laici di palazzo». La necessità di unirsi in battaglie e non in qualche dichiarazione, magari di critica ad altri: l'unione delle forze. Il bell'intervento di Massimo Fichera, primo direttore del vergognoso Tg2 socialista. Il <em>Pci</em> di Fassino, «il grottesco rispetto al classico», «meno laico perfino di Berlinguer». L'articolo di Piero Ostellino. I guai del centrodestra a fronte delle posizioni di Fassino, al livello delle battute improvvide di Berlusconi. L'e-mail di Romano Prodi contro il ritiro immediato.
    0:16 Durata: 18 min 5 sec
  • Il prossimo presidente della Repubblica

    Ancora sull'intervista al <em>Corriere della sera</em>. A distanza di due anni dalle elezioni politiche pare improbabile che il centrodestra conservi la stessa maggioranza nella prossima legislatura. Con questo Parlamento potrebbe dunque essere eletto Silvio Berlusconi, anche se alcuni alleati potrebbero non essere d'accordo. Casini comunque avrà l'età dal 5 dicembre 2005, per Pera invece l'aiuto di Ratzinger potrebbe non bastare. La malattia di Ciampi e l'annuncio che a febbraio andrà in India. La profezia di Cossiga. La fretta dell'Udc e di (Giuseppe) Marco Follini. Il vertice per la verifica di questa sera.
    0:34 Durata: 11 min
  • Le condizioni di Umberto Bossi

    La notizia dell'aggravarsi delle condizioni di Bossi. Le telefonate a Castelli e Maroni che si sono fatti negare: un comportamento da <em>parvenu</em>, troppo banale. L'esperienza di Pannella in queste situazioni, il collasso cardiocircolatorio. La simpatia di «una bestia per un'altra bestia».
    0:45 Durata: 4 min 55 sec
  • Il tentativo di tornare al sistema elettorale proporzionale

    L'ipotesi Gifuni, ovvero «il taglio delle ali». Il 1996: le liste di candidati laici e cattolici in pari numero promesse da Silvio Berlusconi, l'accordo che prevedeva la priorità per la proposta di riforma americana, primo atto della legislatura, e poi invece l'errore di Berlusconi, il primo passo verso la linea Almirante-Fanfani, la scelta che lo avrebbe portato tutt'al più al 40% nel paese, infine l'accordo (già pattuito dal notaio) per l'esclusione dei radicali. La posizione contraria di Gianfranco Fini, che potrebbe anche essere frutto di una tattica. La restaurazione della politica fino al 1991 portata avanti da Marco Follini.
    0:50 Durata: 10 min 33 sec
  • L'incontro Casini-Montezemolo al vertice centrista

    L'incontro Casini-Montezemolo al vertice centrista svoltosi nella stanza del Presidente della Camera, con la proposta di omaggio di una Maserati. Lo schieramento tra Confindustria, una parte del centrosinistra e una parte del centrodestra. Accadde domani: Salvemini denunciò l'incontro tra Epifani e Montezemolo. Il meridionalismo di Salvemini, di matrice politica oltre che sociale, e il liberismo, così come lo intendeva Ernesto Rossi e Luigi Einaudi. Non Giulio Einaudi, comunista ed antiliberale, ma Luigi Einaudi, uomo di domani.
    1:00 Durata: 3 min 49 sec
  • Il cous cous offerto al vertice per la verifica

    Il cous cous offerto al vertice per la verifica. Il blocco dei profughi sudanesi provenienti dal Darfour.
    1:04 Durata: 1 min 47 sec
  • La gestione fallimentare della Campania

    La possibile accoppiata Cofferati-Bassolino: le isole di sviluppo in Puglia e in Lucania, rispetto alla gestione fallimentare della Campania; le città metropolitane nella nuova Costituzione; la situazione di Napoli, la situazione a Bagnoli, la questione della spazzatura; la posizione complice del <em>Mattino</em>, davvero poco decorosa (a parte la collaborazione di Francesco Paolo Casavola). Ancora sul vertice: la presenza di Bondi e Vizzini nella delegazione di Forza Italia. L'antimafia: la posizione di Piero Grasso a Palermo, le possibilità di Corrado Carnevale alla Presidenza della Cassazione, la questione della Procura di Napoli. Il Ministero della Giustizia per Pannella. Il referendum sulla fecondazione assistita: la vergognosa censura della Rai rispetto al diritto dei cittadini di giudicare anche le cose radicali. L'incontro con Bertinotti per la possibile raccolta delle cinquecentomila firme sul referendum laico, ma senza buttare via quelle già raccolte.
    1:06 Durata: 13 min 29 sec
  • La politica internazionale

    La situazione alla Rizzoli-Corriere della Sera: la posizione di Cesare Romiti. La riforma della Rai secondo i criteri di gestione di Radio Radicale. Il convegno organizzato da Paolo Vigevano sugli sviluppi del digitale, convocato dalla Ericsson, ma senza il coinvolgimento di Radio Radicale. La sentenza della Corte dell'Aia contro il muro di Israele: nel modo di realizzare il muro Sharon ha scelto di fare economia, evidentemente farlo secondo un'apparente indicazione incidentale della sentenza (sulla linea della sovranità, piuttosto che su quella della occupazione) avrebbe occupato tempi ed uno sforzo finanziario immenso. La politica di Israele: le proposte radicali. Ancora: l'importanza del progetto <em>Iraq libero</em> firmato dalla maggioranza dei parlamentari italiani. L'amministrazione in Iraq: il passaggio dei poteri, l'estensione geografica e l'internazionalizzazione, e tuttavia la forza della campagna filoterrorista in Medio Oriente e l'assenza totale di una campagna adeguata dall'altra parte. La compensazione di Zapatero in Afghanistan, le linee laiche del nuovo governo spagnolo. I due capi di Stato africani battisti (per esempio in Zambia, con posizioni interessanti rispetto al Darfour) a fronte della manomissione vaticana in Italia (il caso di don Noto). Ancora su Napoli: la camorra sempre più forte, i segnali di ritorno a vecchie situazioni, Bassolino visto come una sorta di Granduca di Firenze solo perché aveva rimbiancato il centro.
    1:19 Durata: 19 min 6 sec
  • L'Onu e il Partito radicale transnazionale

    Il tavolo sui referendum. L'intervista di Del Pennino che propone solo un patto di consultazione: in questo caso Pannella sceglierebbe Nucara, rispetto a Del Pennino. Le reiterate affermazioni di Gianni De Michelis. La necessità di verificare chi vuole annullare il risultato di centocinquantamila firme. L'Onu e l'espulsione del Partito radicale transnazionale: il lavoro di Emma Bonino ad Addis Abeba (almeno cinque paesi africani orientati sull'astensione potrebbero comportarsi diversamente, a favore dei radicali), l'impressione di forte efficacia da parte dell'ambasciatore Spadafora, la notizia che la presidenza olandese ha scritto ai venticinque stati europei ricordando che l'Ue intende battersi a favore del Prt. L'impegno del re cambogiano per l'accoglienza dei Degar in Cambogia e l'opposizione del governo, il comportamento del commissario europeo Patten, la politica europea verso la Birmania.
    1:39 Durata: 8 min 59 sec
  • L'opera di democratizzazione e laicizzazione della Turchia

    L'opera di democratizzazione e laicizzazione del governo democratico-musulmano turco. La posizione dura di Bush sulla Turchia, che ha bacchettato l'Unione europea. Rispetto a Bush: l'assenza per il momento di un'alternativa in John Kerry, la maggiore freschezza di John Edwards. Il numero di <em>Diritto e libertà</em> dedicato all'antimilitarismo. La competenza di Daniele Capezzone sulle questioni americane. Ancora gli auguri a Umberto Bossi, che mancherebbe «ad una certa forza umana della politica», gli auguri, contro le dicerie, al presidente Ciampi, l'invito agli ascoltatori ad iscriversi ai soggetti radicali.
    1:48 Durata: 7 min 2 sec