02 APR 2001

Rassegna stampa sull'Est del 2 aprile 2001

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 15 min 21 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Edizione del 2 aprile 2001In studio Angelantonio Rosato.

Registrazione audio di "Rassegna stampa sull'Est del 2 aprile 2001", registrato lunedì 2 aprile 2001 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 15 minuti.
  • Sommario argomenti principali

    <br>
    0:00 Durata: 52 sec
  • Nuovi attacchi terroristici in Russia: "La nuova ondata di terrore esige contromisure adeguate", Nezavisimaja Gazeta

    Le forze dell'ordine hanno effettuato i primi fermi dei sospetti per le esplosioni. <br> Per tutto il giorno di domenica ha nevicato: sembrava che il tempo volesse cancellare le tracce della terribile tragedia accaduta sabato mattina a Mineralne Vode, vicino al mercato centrale, dove, a causa dell'esplosione, sono morti sul posto, oppure successivamente in ospedale, 20 persone, mentre i feriti sono stati 120. Il sindaco della città di Mineralne Vode, Stiepan Lipurav, che è di nazionalità greca, era lì presente sul luogo dell'attentato e, gesticolando, cercava di convincere i cittadini che i banditi non hanno nazionalità, e che le facce caucasiche non centrano niente. La gente gli rispondeva chiedendo perché l'atto terroristico fosse avvenuto proprio lì... <br>
    0:00 Durata: 2 min 41 sec
  • "Il terrore dei mercenari", Izvestija

    I banditi reclutano gli esecutori delle azioni sanguinose nelle regioni vicine<br> Nel Caucaso del Nord di nuovo si sentono le esplosioni. La nuova serie di atti terroristici ha sconvolto la regione... Con l'arrivo della primavera, la Russia si è trovata di nuovo sotto la minaccia della guerra delle bombe, l'ultimo argomento dei banditi. La guerra terroristica va avanti già da tempo e la tattica dei terroristi è semplice: poiché la gente di nazionalità cecena viene controllata in modo molto severo, la diaspora è paralizzata oppure divisa; proprio per questo, nel reclutamento dei terroristi esecutori, sono impiegati dei wahabiti convinti, ovvero dei mercenari che non hanno un rapporto diretto con la Cecenia, e, in modo particolarmente attivo, i terroristi vengono reclutati in alcune regioni del Daghestan... <br>
    0:03 Durata: 2 min 30 sec
  • Guerra di spie tra Washington e Mosca: "L'amministrazione statunitense offre uno scambio di diplomatici", Rossiyskaya Gazeta

    L'amministrazione statunitense offre uno scambio di diplomatici<br> Continua a svilupparsi l'intrigo attorno allo scandalo delle spie collegato all'espulsione dei diplomatici russi dagli Stati Uniti. Giovedì c'è stata una risposta del Ministero degli Esteri russo e del suo Capo, Igor Ivanov. L'ipotesi della Rossiyskaya Gazeta - che è stata appunto accennata nel numero precedente, in cui si sosteneva che a Washington, dopo questo scandalo studiato ad arte, a qualcuno fa comodo complicare seriamente i rapporti russo-americani, e farli sembrare da guerra fredda - bene, quest'affermazione del giornale ha pure trovato una conferma nel comunicato del Ministro degli Esteri, il quale ha sottolineato: "Tale passo deve essere qualificato come un passo politico e da qui sorge una domanda: Chi c'è dietro tutto questo? E chi oggi negli Stati Uniti non è interessato alla continuazione di rapporti normali e costruttivi tra la Russia e l'America? Evidentemente questi gruppi si sentono a disagio quando vige il dialogo costruttivo, che mira alla costruzione di rapporti internazionali giusti e democratici"...… <br>
    0:06 Durata: 3 min 8 sec
  • Bilancio su 1 anno Presidenza Putin: "Il trionfo del gladiatore", Segodnya

    <br>
    0:09 Durata: 2 min 53 sec
  • Par condicio in Russia: "L'armata inutile", Itoghi

    Nella lotta per la creazione dell'immagine positiva del potere, la dirigenza del Cremlino cerca di far leva sulla quantità degli addetti alla propaganda, e non sulla qualità della politica<br> "Noi lavoreremo nell'ombra ed usciremo in pubblico soltanto nei casi d'emergenza. Noi non forgiamo e non elaboriamo la politica. Noi dobbiamo creare uno sfondo d'informazione favorevole per la realizzazione della politica" - così ha dichiarato la settimana scorsa l'assistente del Presidente, Serghei Iastrjemskji, il quale per la prima volta si presentava nella veste ufficiale di Curatore della nuova struttura nell'ambito dell'Amministrazione presidenziale, cioè la Direzione dell'Informazione. L'apparizione di quest'ennesima struttura burocratica probabilmente sarebbe anche passata inosservata, se non fosse per l'esistenza di una gran quantità di diversi Enti che in qualche modo lavorano nel campo delle Public Relation dello Stato; un elaborato sistema di Servizi Stampa e di Direzioni per la Comunicazione con l'esterno dei vari Ministeri: tutte queste strutture fanno capo al Dipartimento dell'Informazione governativa e Servizio Stampa del Presidente... <br>
    0:12 Durata: 2 min 19 sec
  • Mucca pazza vista da Mosca: "Insalata primavera per 300 $", Itoghi

    <br>
    0:14 Durata: 58 sec